01/06/2021, 08.50
MALAYSIA
Invia ad un amico

Kuala Lumpur impone il lockdown per arginare l’escalation del Covid-19

Da oggi chiuse scuole e attività non essenziali. Delle 2.800 vittime registrate dall’inizio dell’emergenza sanitaria oltre il 40% risalgono al mese di maggio appena concluso. Contagi in aumento pure in Thailandia e Vietnam, dove è emersa una nuova variante. Restrizioni anche a Singapore.

Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) - Questa mattina il governo di Kuala Lumpur ha imposto un lockdown nazionale per contrastare l’aumento dei casi di Covid-19, che nell’ultimo periodo si sta diffondendo in diverse nazioni del Sud-est asiatico, dalla Thailandia al Vietnam dove è emersa una nuova variante. Gran parte della regione ha superato indenne la prima ondata della pandemia lo scorso anno, grazie alla rapida chiusura delle frontiere e introducendo restrizioni che, oggi, sembrano avere minore efficacia. 

All’attenzione degli esperti vi sono in particolare la Thailandia e il Vietnam, dove si registrano i focolai più recenti e la soglia di attenzione è massima. La crescita dei casi è legata anche alla stanchezza della popolazione, insofferente alle restrizioni e per una campagna vaccinale che procede a rilento. 

La situazione in Malaysia è in progressivo peggioramento e i numeri lo confermano: in una nazione di 32 milioni di abitanti, delle 2.800 vittime registrate dall’inizio della pandemia oltre il 40% risalgono al mese di maggio. I contagi ufficiali sono più di 570mila, con un numero record la scorsa settimana. 

A spingere verso l’alto la curva, oltre alle varianti che stanno emergendo nella regione, vi sono anche gli incontri e le celebrazioni fra marzo e aprile per il Ramadan e la festa di Eid-al-Fitr, che segna la fine del mese sacro di digiuno e preghiera per i musulmani. In una nazione a maggioranza islamica, in diverse occasioni i cittadini hanno ignorato, o sfidato, le direttive del governo incontrandosi e festeggiando. 

Il lockdown in vigore da oggi prevede la chiusura di tutte le attività non essenziali: resteranno dunque aperti solo i supermercati e le cliniche mediche. La gran parte delle scuole sono chiuse e i cittadini possono uscire solo per situazioni di emergenza o necessità. Da mesi sono proibiti gli spostamenti in gran parte delle regioni. Le chiusure, pur rispondendo a richieste di intervento da parte dei cittadini, rischiano di affossare in modo definitivo attività e imprese che hanno faticato nell’ultimo anno per restare aperte e non fallire.

“L’impatto del coronavirus sulle piccole imprese come la mia è devastante” afferma Lilian Chua, che gestisce un salone per acconciature nella capitale destinato a chiudere, forse per sempre. “Il governo impone il lockdown - aggiunge la 42enne - ma il virus è nell’aria. In realtà dovrebbero accelerare la campagna di vaccinazione” in una nazione in cui poco più del 6% del totale ha ricevuto almeno una dose. 

Nel fine settimana in Vietnam è emersa una nuova variante, che appare una combinazione fra i ceppi britannico e indiano, sebbene gli esperti avvertano che sono necessari ulteriori studi per capirne la pericolosità e il grado di trasmissibilità. In Thailandia sono state le prigioni sovraffollate a far crescere i contagi tanto che oggi si registrano oltre 4mila casi al giorno. Restrizioni anche a Singapore, che per mesi non ha visto casi di trasmissioni interne. Nelle Filippine il governo aveva imposto a marzo il lockdown a Manila e nei dintorni, ma le misure sono state allentate in seguito a una riduzione progressiva dei contagi. Le infezioni restano invece stabili in Indonesia, colpita in modo duro lo scorso anno nelle prime fasi dell’emergenza globale. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovo filippino: la lotta alla pandemia di Covid-19 è ‘responsabilità di tutti’
05/08/2020 08:49
Manila, torna l’incubo Covid-19: lockdown per decine di milioni di persone
04/08/2020 08:53
Delhi, pazienti Covid-19 trattati peggio di animali, cadaveri nella spazzatura
15/06/2020 14:25
Covid-19: 58 nuovi focolai dopo le festività
11/06/2021 08:32
Kuala Lumpur, cancellate tutte le messe pubbliche causa Covid-19
18/12/2020 13:24


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”