19/06/2020, 13.45
UE-CINA
Invia ad un amico

La Ue vuole diventare una forza ‘equilibratrice’ tra Cina e Usa

L’Unione è insoddisfatta dei rapporti con Pechino, ma non vuole una rottura. Gli europei studiano misure per difendersi dal dumping e dai sussidi alle esportazioni cinesi. In dubbio la firma dell’accordo sino-europeo sugli investimenti. Ex segretario Nato: via le imprese europee dalla Cina se Pechino non apre il proprio mercato.

Bruxelles (AsiaNews) – L’Unione europea non sembra intenzionata a seguire la strategia aggressiva degli Stati Uniti nei confronti della Cina. Per gli analisti, la Ue è insoddisfatta dei rapporti politici e commerciali con la Cina, colpevole anche di aver nascosto la pandemia di coronavirus nelle sue fasi iniziali, e di averla sfruttata poi per ottenere vantaggi geopolitici. Malgrado ciò, l’Unione non vuole una rottura con i cinesi: essa punta a diventare una forza “equilibratrice” nel conflitto di potenza tra Washington e Pechino.

“La Cina accrescerà il suo ruolo globale, piaccia o meno. Noi dobbiamo confrontarci con Pechino per raggiungere i nostri obiettivi, ma sempre nel rispetto dei nostri interessi e dei nostri valori”, ha dichiarato ieri al Parlamento europeo Josep Borrell, il capo della diplomazia europea.

L’Unione vuole giocare la sua competizione con la Cina sul piano economico. Niente sanzioni, come quelle annunciate dagli Usa in risposta alla decisione di Pechino di adottare una legge sulla sicurezza nazionale per Hong Kong; gli europei studiano misure commerciali per difendere le proprie aziende dalle pratiche scorrette del governo cinese.

Il 17 giugno, la Commissione Ue ha presentato un nuovo piano per proteggere il mercato europeo dal dumping (vendita sottocosto) commerciale praticato dalla Cina, e dai sussidi governativi alle esportazioni alle imprese cinesi. L’iniziativa colpisce tutti gli Stati non appartenenti all’Unione, ma Pechino è il principale bersaglio.

“L’economia europea è aperta e connessa con il resto del mondo, ma commercio e investimenti devono essere equi”, ha affermato  Margrethe Vestager, vice presidente della Commissione. Per la politica danese, ciò non può accadere se le imprese straniere possono comprare liberamente le aziende nello spazio Ue, ma gli investitori europei non possono fare lo stesso fuori dei confini dell’Unione.

Alle imprese cinesi è garantito pieno accesso al mercato europeo. L’Unione vuole parità di trattamento per le aziende europee che intendono investire in Cina. Questo è lo scoglio maggiore nei negoziati che dovrebbero portare alla firma di un grande accordo commerciale tra la Ue e Pechino entro fine anno.

Secondo Anders Fogh Rasmussen, ex segretario generale della Nato, se Pechino non dovesse aprire in modo adeguato il proprio mercato alle imprese europee, queste dovrebbero spostare la produzione in altri Paesi. È la linea portata avanti dall’amministrazione Trump, che sta studiando incentivi per convincere le imprese nazionali a lasciare la Cina e tornare negli Stati Uniti.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Leader europei: Pechino continua a non mantenere le sue promesse
23/06/2020 08:58
Pechino rompe con Usa ed Europa e rafforza le imprese di Stato
10/07/2020 12:27
Ue: stop all’accordo sugli investimenti e limiti alle imprese di Stato cinesi
06/05/2021 12:25
Usa e Ue premono su Pechino, rivalutare lo yuan
06/12/2007
Sempre più imprese europee investono a Taiwan
29/09/2020 11:42


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”