18/10/2007, 00.00
TAGIKISTAN
Invia ad un amico

La raccolta del cotone di studenti “volontari”

Il cotone è raccolto a mano e la forza lavoro è emigrata, così in autunno nelle zone agricole sono reclutati gli studenti, anche scolari di 5 anni. Sono “volontari”, ma chi si rifiuta può essere espulso. Portano a casa pochi dollari, perché fanno loro pagare cibo e alloggio.

Dushanbe (AsiaNews/Agenzie) – In autunno, nella provincia di Khatlon e in altre zone agricole del Tagikistan, le classi scolastiche si svuotano e gli studenti vanno a raccogliere cotone nei campi.  Gli insegnanti si trasformano in sorveglianti e dirigono la raccolta che avviene ancora quasi del tutto a mano, per 9-10 ore al giorno, 7 giorni la settimana, sotto il sole ancora cocente.

Le macchine di raccolta sono scarse e spesso obsolete; molta forza lavoro è emigrata all’estero, così il lavoro degli studenti è ancora più necessario di quanto lo fosse in epoca sovietica. Sono portati con pullman anche da città distanti decine di chilometri.

Il lavoro nei campi è “facoltativo” per gli studenti. Ma Bobo Shamsov, decano dell’istituto Kulob Nursing, spiega ad Eurasianet che quando uno studente si rifiuta, “chiamiamo i genitori e diamo loro un ammonimento. Se ancora si rifiuta, può perdere ogni sovvenzione. Se non basta, è espulso dal collegio”. Nella meridionale città di Kulob tutti gli studenti raccolgono cotone, la domenica anche gli scolari della scuola elementare, è escluso solo chi ha 4 anni.

I “volontari” debbono raggiungere quantitativi predeterminati, almeno 50 chilogrammi al giorno. Nel 2006 il raccolto del cotone è stato stimato di 440mila tonnellate, ma nel 2007 l’obbiettivo è di farne 550mila prima che inizino le piogge. Si lavora senza contratto, ci sono solo accordi di massima tra proprietari dei campi e istituti scolastici. Chi raccoglie è pagato 15 diram (4 centesimi di dollaro) al chilogrammo, che sarebbe un salario decente in un Paese dove un contadino guadagna in media 20 dollari al mese. Ma va detratto il costo dell’alloggio e dei pasti: in genere pane e minestra di verdure che sono fatti pagare cari anche per l’aumento del prezzo del grano. Uno studente racconta che nel 2006 ha raccolto circa 30-40 chilogrammi di cotone al giorno, ma tolti i costi alla fine ha guadagnato solo 30 somonis (circa 8,72 dollari) per l’intera stagione.

Alcuni studenti dicono che sono stati promessi benefici “scolastici” se raccoglieranno 100 chilogrammi di cotone al giorno. Ma sono svantaggiate le ragazze, molte delle quali hanno difficoltà anche a farne 50.

“La sera dopo la pesa – racconta uno studente – i controllori ci fanno schierare su una linea e rimproverano chi ha lavorato male”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dushanbe cede alla Cina le terre agricole
02/02/2011
Il Tagikistan ha mentito al Fondo monetario, che richiede indietro i soldi
11/03/2008
Cotone in Asia centrale: povertà, degrado ambientale e sfruttamento della manodopera
30/04/2005
Dušanbe, il presidente Rakhmon sconsiglia il digiuno del Ramadan ai contadini
14/04/2021 08:49
I cambiamenti climatici possono devastare l’economia e la società tagika
23/02/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”