15/12/2003, 00.00
iraq
Invia ad un amico

"La testa del serpente è schiacciata. È finita la nostra paura"

di Bernardo Cervellera

Intervista a Mons. Rabban al Qas, vescovo di Amadiyah (Nord Iraq)

Roma (AsiaNews) Il vescovo, 54 anni di origine curda, è a dir poco esultante. Nella camera di ospedale aspetta di essere operato per le conseguenze di un'esplosione subita in Iraq. Era stato dato per spacciato, ma a poco a poco si è salvato e gli resta una gamba da operare. Ma non riesce a stare fermo: salta su una gamba sola (l'altra è bloccata dalla fasciatura); segue i Tg arabi e italiani, chiama e riceve di continuo telefonate dall'Iraq in festa. "La testa del serpente è finalmente schiacciata", dice; "ora si può ricostruire il paese in pace", con l'aiuto dei militari, che egli definisce "liberatori" e non "truppe di occupazione".

Mons. Rabban che senso ha questa cattura per l'Iraq?

Posso dire che l'arresto di Saddam Hussein è una gioia per tutti gli irakeni, anche per noi vescovi.  Finalmente è annientata la paura. Tutto il peso che gravava sulle nostre spalle, tutti i morti e gli assassini... E nei mesi dopo la liberazione, il sospetto che ci fossero ancora spie, che Saddam ricomparisse...La paura è finita. Ora la testa del serpente è schiacciata e il regime è davvero finito. Nei mesi di occupazione alleata la gente viveva continuando come in passato nella paura: Saddam è qui, Saddam è lì. Ora Saddam è un uomo finito e per noi in Iraq si apre davvero il periodo della ricostruzione. Se nell'Iraq del futuro c'è la pace, la libertà per ogni fede, allora il paese potrà crescere, sarà ricco e le numerose culture presenti vivranno insieme. Questo spiega perché alla notizia dell'arresto di Saddam tutta Baghdad e tutto il paese è in un incendio di gioia, per le strade, in festa.

Che senso ha questa cattura per la Chiesa?

Ho parlato con seminaristi e vescovi a Baghdad. Ieri erano tutti all'aeroporto ad aspettare l'arrivo del nuovo Patriarca. E tutti festeggiavano con la popolazione. Vorrei precisare un aspetto della sua domanda: non c'è un senso per la Chiesa e uno per il popolo irakeno. I cristiani non sono separati dal resto della nazione. Cristo ci ha mandati a vivere dentro la società. Sotto Saddam Hussein, Chiesa e popolo hanno sofferto insieme. Sotto questo regime dittatoriale, tutti siamo stati perseguitati: cristiani, sciiti, arabi, kurdi, siro-caldei. Noi siamo il popolo irakeno ed è il popolo irakeno ad aver subito l'oppressione.

Sotto Saddam almeno l'85% era soffocato. Tutta gente che ha sofferto molto. Ora tutta questa gente spera in un avvenire più sicuro e più stabile.

Pensa che gli attentati e le violenze potranno finire?

Voi ascoltate solo quello che vi dicono le agenzie di stampa e definite la presenza delle truppe alleate una "occupazione". Lo dico da quando sono in Italia [mons. Rabban ha partecipato al Sinodo Caldeo per l'elezione del nuovo Patriarca di Baghdad – ndr]. E ora lo ripeto: per noi è una "liberazione" e non un'occupazione. Se non ci fossero stati loro, il popolo irakeno sarebbe ancora sotto il peso del giogo. Ma grazie a Dio l'incubo è finito.

Ma quale incubo? Il regime non era già finito lo scorso 9 aprile?

Il 9 aprile vi è stata la liberazione politica. Ma solo oggi c'è la liberazione degli spiriti. Finora non eravamo tranquilli. Vi era tanta paura. Molti si chiedevano "quando arrivano i soldati di Saddam?". La gente aveva paura. Con la fine di Saddam possiamo cominciare a costruire la pace e dobbiamo anzitutto costruire delle scuole.

Si mette molto l'accento sull'insicurezza in cui versa il paese

Qui in occidente si è parlato di "occupazione" e di "resistenza irakena", che gli americani non sono amati. Certo, gli americani potranno aver fatto degli errori, delle distruzioni, ma rimangono dei "liberatori". E la mancanza di tranquillità era ancora un'eredità di Saddam, che prima di fuggire ha liberato dalle prigioni tutti i ladri, i delinquenti, i rapinatori, malviventi... In occidente vi stupite che in Iraq vi siano rapine, scontri, violenze. Ma cosa è successo in Italia subito dopo la guerra? Non vi sono state violenze e ruberie? E in Francia? Non vi sono stati il mercato nero, le espropriazioni illegali, le vendette? L'Iraq ha bisogno di tempo per ricostruirsi, proprio come voi.

E gli attacchi terroristi di Al-Qaeda?

Adesso che Saddam è finito, anche Al-Qaeda finirà. Al-Qaeda poteva progettare attacchi in Iraq grazie a irakeni che li guidavano in loco. Ma ora questi irakeni per chi lavoreranno? Chi li pagherà ora che Saddam è stato arrestato? Al Qaeda finirà, anche il terrorismo finirà. Grazie a Dio Saddam è caduto, come la sua statua.

Si diceva che Saddam Hussein fosse tollerante verso la Chiesa ...

Nel 2002 Saddam aveva dato ordine che dalle carte di identità fossero cancellati i nomi cristiani. Anche i cristiani dovevano usare solo i nomi presenti nel Corano. Questa la chiama tolleranza?

Il figlio di una famiglia mista (cristiano-musulmana) per legge doveva essere musulmano fino all'età di 18 anni. Poi aveva libertà di cambiare, ma in realtà Saddam non dava a nessuno la possibilità di cambiare e così anche chi si convertiva rimaneva iscritto nei registri come musulmano. Grazie a Dio Saddam è finito.

Non c'è il rischio che ora si scatenino vendette senza fine?

Forse: l'uomo è sempre uomo. Ma se vi sarà un governo forte, che può gestire tutta la situazione, giorno per giorno, si ricostruirà. Il popolo irakeno non è violento, anzi è buono e paziente. Io sono fiero di essere irakeno.

Pensa che Saddam sarà condannato a morte?

Questo è un fatto che dovranno vedere gli incaricati della giustizia e della legge. Come vescovo dico che è giusto che abbia un processo davanti a un tribunale irakeno. Anche se è un malvagio, ha sempre una dignità che va rispettata. Ma occorre che confessi i suoi crimini, i milioni di persone che ha ucciso o che ha fatto uccidere. Anche il perdono cristiano suppone la confessione e l'espiazione.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Saddam, tra gli iracheni niente lacrime ma poca speranza nella pace
30/12/2006
Baghdad, ammainata la bandiera Usa dopo 9 anni di guerra
15/12/2011
Baghdad ratifica il trattato Onu sulle armi chimiche
14/01/2009
Al Yawar: Gli errori degli USA e il loro valore
13/12/2004
Wikileaks: l’inerzia degli Usa, i segreti delle torture irakene, l’addestramento dei pasdaran
23/10/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”