25/11/2008, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Le suore di Madre Teresa raccolgono aiuti per i bambini dell’Orissa

di Nirmala Carvalho
Nei campi profughi è allarme sanitario: fra i più piccoli sono in rapida diffusione epidemie di morbillo e varicella. Le religiose hanno avviato una raccolta fondi negli istituti di tutto il Paese. I fondamentalisti indù ribadiscono la guerra contro il Natale e minacciano nuove violenze.

Bhubaneshwar (AsiaNews) – La situazione nel distretto di Kandhamal, nell’Orissa, è ancora critica e sui cristiani pende la minaccia di nuovi attacchi. Le suore di Madre Teresa cercano di raccogliere aiuti per i bambini rinchiusi nei campi profughi.

A tre mesi dall'inizio delle violenze contro i cristiani, non appare nessun cambiamento. Nel villaggio di Tiangia sono state assassinate sei persone – fra le quali p. Bernard Digal – ma le forze dell’ordine non hanno operato alcun arresto e i crimini restano impuniti. Gli abitanti rimangono nei campi profughi allestiti dal governo e si chiedono come sarà possibile rientrare nelle case se permane “un clima di paura e insicurezza”.

La scorsa settimana Sharad Pawar, Ministro federale dell’agricoltura, durante una visita ufficiale assieme ad altri due ministri dell’esecutivo ha chiesto al governo dello stato dell’Orissa di formare dei “comitati di pace” e auspica il coinvolgimento dei capi villaggio e degli amministratori locali.

Fra i gruppi più attivi nel portare soccorso ai cristiani vi sono le Missionarie della Carità, l’ordine religioso fondato dalla Beata Teresa di Calcutta. “Dobbiamo essere degli strumenti di pace – sottolinea Suor Suma, Superiora regionale delle Missionarie della Carità – in una terra in cui regnano ancora odio e tensione”. La suora distribuisce agli sfollati cibo e beni di prima necessità raccolti da Suor Nirmala, Superiora generale delle MC, con una attenzione particolare per i bambini. “Tutti i conventi sparsi per l’India hanno voluto donare qualcosa per i bambini dei campi profughi a Kandhamal”.

La suora di Madre Teresa denuncia l’allarme sanitario nei campi profughi: “Il morbillo e la varicella si stanno diffondendo in maniera rapida. L’amministrazione dei campi ha predisposto delle zone di quarantena dove riunire gli ammalati, ma questo non è servito a contenere la diffusione delle epidemie”.

L’inverno ormai alle porte potrebbe aggravare una situazione già precaria e la paura di nuove violenze spinge i cristiani a rimanere nei centri di accoglienza. “Le persone – denuncia Suor Suma – sono terrorizzate e non hanno alcun motivo di rientrare nelle loro abitazioni, perché non è rimasto più nulla”.

I fondamentalisti indù del Vishwa Hindu Parishad (Vhp) continuano la loro campagna di odio contro i cristiani e confermano l’intenzione di bandire il Natale. Il governo dello stato – avvertono i fondamentalisti – ha tempo fino al 15 dicembre per scovare gli assassini di Swami Laxmanananda Saraswati. Scaduto il termine, riprenderanno le violenze e ai cristiani non sarà permesso celebrare la festività.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Barwa: Il Kandhamal Day a ricordo delle sofferenze dei cristiani
24/08/2017 08:37
Associazioni indiane: il 25 agosto ricordiamo le vittime cristiane del Kandhamal
16/08/2017 10:43
Orissa, un altro cristiano ucciso in Kandhamal
23/03/2011
Orissa: uccidono e bruciano due persone; condannati solo per aver distrutto le prove
02/11/2009
L’Orissa ricorda p. Bernard Digal ad un anno dalla sua morte
27/10/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”