05/05/2011, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Leader cristiani, musulmani e indù con i buddisti per il Vesak

di Melani Manel Perera
Lo Sri Lanka è una società “pluralistica, in cui convivono etnie, religioni e culture diverse”, afferma p. Hettiarachchi dell’Inter Religious Alliance for National Unity. Per questo i fedeli di tutte le religioni devono celebrare il 2.600mo anniversario dell’illuminazione di Buddha.
Colombo (AsiaNews) – Cristiani, musulmani e indù dello Sri Lanka devono “prendere per mano” i loro fratelli buddisti e celebrare insieme il “Vesak”, il 2.600mo anniversario dell’illuminazione di Buddha. Lo hanno affermato i leader religiosi dell’Inter Religious Alliance for National Unity (Iranu) in una conferenza stampa, lo scorso 3 maggio, ospitata dal dipartimento per l’Informazione del governo. Quest’anno il Vesak cade i prossimi 17 e 18 maggio.

“Lo Sri Lanka è una società pluralistica, dove convivono etnie, religioni e culture diverse. Per questo tutti i fedeli delle altre religioni dovrebbero partecipare alle celebrazioni del Vesak, un evento di grande gioia per i nostri fratelli buddisti”, ha affermato rev. Sarath Hettiarachchi, metodista e copresidente dell’Iranu.

Seyed Hassan, maulavi della comunità islamica e secondo copresidente dell’Iranu, ha sottolineato che “come unica nazione, abbiamo una responsabilità: dare il sostegno e il coraggio necessari per rendere le celebrazioni buddiste ben riuscite”.

In occasione del Vesak, il governo inaugurerà il primo museo buddista al mondo, a Kandy (provincia centrale), il prossimo 20 maggio. Il museo si trova nello Sri Dalada Maligawa, il tempio della “reliquia del dente”: uno dei luoghi più sacri per la comunità buddista dello Sri Lanka e in tutto il mondo, dichiarato Patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1988. In esso si conserva un canino del Buddha.

La questione dell’armonia etnica e religiosa è molto sentita nel Paese, che cerca un riscatto dopo il trentennale conflitto etnico conclusosi nel 2009. Negli ultimi tempi, l’Inter Religious Alliance for National Unity organizza diversi eventi (cfr. AsiaNews.it, “Capodanno buddista, in duemila per l’armonia etnica e religiosa dello Sri Lanka”; “Cristiani, buddisti e indù: proteggere la pace, nel ricordo di Maometto”) per cercare di favorire l’integrazione.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card. Ranjith boccia il governo dopo i massacri: Agisca, o si rischia di farsi giustizia da soli
30/04/2019 14:42
Cristiani, buddisti e indù: proteggere la pace, nel ricordo di Maometto
01/03/2011
Sri Lanka, Vesak in tono minore per fermare l’escalation di Covid-19
27/05/2021 11:26
Sri Lanka diviso sul monaco buddista immolatosi per protesta contro le conversioni
29/05/2013
I Cristiani devono partecipare al “Vesak” buddista, per la riconciliazione etnica
11/05/2011