19/03/2012, 00.00
INDIA – ITALIA
Invia ad un amico

Leader cristiani dell’Orissa per il rilascio immediato e senza violenza degli italiani rapiti

di Nirmala Carvalho
L’arcivescovo di Cuttack-Bhubaneshwar: “Le nostre preghiere vanno alle loro famiglie”. Global Council of Indian Christians (Gcic): “Gesto odioso, ma solleva interrogativi sulla situazione di ordine pubblico nel Kandhamal”. I guerriglieri maoisti accusano i due italiani di aver trattato i tribali “come animali”. Ma sul sito di uno di loro, organizzatore di escursioni, l’invito a “non mercificare il rapporto coi tribali”.

Bhubaneshwar (AsiaNews) - I vescovi dell'Orissa chiedono il "rilascio immediato" e "senza violenza" dei due italiani rapiti dai ribelli maoisti il 14 marzo scorso. Ad AsiaNews mons. John Barwa svd, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneshwar e presidente della Conferenza episcopale cattolica dell'Orissa, lancia un appello: "Speriamo che la macchina del governo e le persone di buona volontà facciano il possibile per liberare gli ostaggi. Le nostre preghiere più sincere vanno alle due vittime italiane e alle loro famiglie".

Al momento, il governo dell'Orissa tiene un profilo molto basso per non danneggiare le trattative con i maoisti. Nell'audio messaggio di rivendicazione, i guerriglieri hanno presentato una lista di 14 richieste al governo. Tra queste, la ripresa dei dialoghi; la liberazione di prigionieri politici; il divieto di entrata dei turisti nelle zone tribali. I maosti avrebbero infatti rapito gli italiani perché intenti a fotografare alcune donne tribali (adivasi), "come se fossero animali".

Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), definisce il sequestro "un gesto odioso" ed esorta le autorità dell'Orissa ad adottare "tutte le misure necessarie" per liberare i due rapiti. Tuttavia, egli nota che il rapimento "solleva molte domande sulla situazione di ordine pubblico in quest'area, dove i disordini all'interno delle comunità sono molto comuni". Il distretto di Kandhamal infatti è stato teatro dei sanguinosi pogrom anticristiani del 2008, perpetrati da gruppi del movimento ultranazionalista indù del Sangh Parivar. Sostenuti dal governo del Bharatiya Janata Party (Bjp), questi gruppi hanno rivolto le loro violenze soprattutto sui tribali e dalit cristiani.

Le accuse dei maoisti ai due italiani appaiono però improbabili. Paolo Bosusco, 54 anni, è titolare dell'Orissa Adventurous Trekking, agenzia italo-indiana che organizza escursioni in zone incontaminate. Da 20 anni in India, sul sito dell'agenzia Bosusco sottolinea la ricerca di "rapporti genuini e onesti con popolazioni che vivono ancora una vita secondo le loro antiche usanze e tradizioni". Tra le regole, "quella di non forzare ad ogni costo le esperienze. Non chiederemo mai di organizzare danze a pagamento. [...] Occorre molta discrezione nei rapporti con questi popoli. Spesso bisogna resistere all'impulso di fotografare qualcuno molto fotogenico. [...] Non mercifichiamo il rapporto con i tribali. [...] Chi non se la sente di assumersi questi piccoli obblighi, farebbe meglio a rivolgersi ad altre agenzie".

Claudio Colangelo, 60 anni, è un volontario che da anni collabora a progetti di cooperazione internazionale, in ambito medico. In passato, è stato in Perù grazie alla Amazon Promise, ong americana. Era in India in vacanza con la moglie, che sarebbe già rientrata in Italia.

Ispirandosi a Mao Zedong, il movimento naxalita è nato negli anni '60, quando Majumdar e Kanu Sayal, membri del Partito comunista indiano, hanno diretto una violenta insurrezione dei santal nel villaggio di Naxalbari (West Bengal), contro l'espropriazione di terreni da parte di alcuni latifondisti. Considerati la più grave minaccia alla sicurezza interna del Paese, i ribelli sono attivi in 20 dei 28 Stati dell'India e possono contare su una forza armata di almeno 10mila guerriglieri (People's Liberation Guerrilla Army), per lo più contadini indigeni analfabeti, oltre a circa 50mila membri. 

(Ha collaborato Santosh Digal)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ferme le operazioni anti-maoiste per liberare i due italiani rapiti. Critiche al governo dell'Orissa
19/03/2012
Polizia in Orissa: due turisti italiani presi in ostaggio dai maoisti
18/03/2012
Orissa, italiani rapiti: un mediatore non crede al governo
20/03/2012
La preghiera a Maria, il coronavirus, la crisi della politica
27/04/2020 10:05
Orissa: riprendono le trattative fra governo e maoisti per il rilascio di Paolo Bosusco
26/03/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”