03/01/2014, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Militanti legati ad Al Qaeda controllano parte delle città irachene di Fallujah e Ramadi

La notizia conferma il nuovo aumento delle violenze nel Paese. econdo l'Onu, dal 2012 il numero delle vittime civili sta tornando ai livelli del 2008: 270 al mese. E nell'anno appena terminato il numero è raddoppiato.

Baghdad (AsiaNews/Agenzie) - Militanti legati ad Al Qaeda controllano almeno la metà delle città irachene di Fallujah e Ramadi. La notizia, data da un funzionario del Ministero degli interni e confermata da testimoni presenti sul posto, conferma che il Paese rischia di tornare ai livelli di violenza del 2007 e 2008.

"Metà di Fallujah - ha detto il funzionario - è nelle mani dell' Islamic State of Iraq and the Levant (gruppo legato ad Al Qaeda)  e l'altra metà è controllata di armati tribali". Testimonianze locali parlano di posti di blocco e camioncini armati che girano in città.

La vicenda si colloca nel quadro del recente aumento della violenza, che  costituisce una tendenza potenzialmente pericolosa che minaccia di portare ai livelli di mortalità del 2007 e dell'inizio del 2008. In quest'ultimo anno, le stime delle vittime civili elaborate dalle Nazioni Unite segnarono il picco di quasi 1.100 uccisioni al mese. Cifre poi scese a una media di circa 254 vittime mensili nel 2009 e scese ancora fino a 231 nel 2011.

Le cifre, purtroppo, sono tornate a salire nel 2012. Sempre secondo i dati delle Nazioni Unite, le morti civili in Iraq in quell'anno riportano i dati ai livelli più alti dal 2009. L'ONU stima che 3.238 civili sono stati uccisi nel 2012, ovvero una media di 270 al mese. Tale tendenza è proseguita verso l'alto nel 2013. Le vittime civili stimate nell'anno appena trascorso sono più che raddoppiate, con una stima di 319 civili morti nel mese di gennaio, salite a 887, 852 e 565 nei mesi di settembre, ottobre e novembre.

Molteplici i fattori che stanno provocando l'aumento della violenza in Iraq: si va dalle reazioni a forme di settarismo politici alle ripercussioni della guerra civile in Siria, con l'aumento che essa sta provocando dell'influenza dei gruppi jihadisti e di Al Qaeda.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nel 2014 più che raddoppiati i morti per i conflitti in Siria e Iraq
02/01/2015
La Chiesa russa contro la legge sulla violenza familiare
06/12/2019 10:52
Corea del Sud, prima in Asia per la piaga "incurabile" del suicidio
10/01/2013
Al Qaeda attacca una chiesa a Baghdad, è strage
31/10/2010
Per l'attentato di Samarra si incrociano le accuse contro Usa, Iran e Al Qaeda
24/02/2006


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”