28/04/2018, 11.03
UZBEKISTAN
Invia ad un amico

Mirziyoyev ‘esilia' i ministri nelle provincie povere

Stretta sui funzionari governativi: migliorate la vita della popolazione o perderete il posto. Minacce anche verso le autorità distrettuali della capitale: sei mesi di tempo per attrarre capitale straniero, o chiuderà gli uffici. Sostituito anche il sindaco "insoddisfacente" di Tashkent.

Tashkent (AsiaNews/Rfe) – “Il 70% dei ministeri e dei responsabili di alto rango, di base a Tashkent, ora vivranno nelle province. Non permetterò a nessuno di loro di restare a Tashkent”. È quanto ha dichiarato in un incontro di governo del 26 aprile il presidente uzbeko Shavkat Mirzyoyev. Lo scopo dello spostamento è costringere i ministri a fare esperienza “di prima mano” delle difficoltà che la popolazione comune vive nella vita quotidiana.

“Vediamo in televisione come vivono le persone in provincia: senza acqua corrente, gas, sistemi moderni di fognatura, e elettricità”, ha denunciato Mirzyoyev e ricordato che “su una popolazione di 32 milioni, 2,5 milioni vivono nella capitale, Tashkent, e gli altri vivono nelle provincie”.

Il presidente non ha precisato quali ministeri saranno ricollocati, e per quanto tempo, ma che “presto ci sarà un decreto presidenziale”.

Da quando è salito al potere nel dicembre del 2016, Mirziyoyev ha accusato a più riprese i funzionari governativi di essere arroganti e non a contatto con la realtà del Paese. Critiche che ha rivolto con durezza durante l’incontro, affermando anche che i capi degli 11 distretti della capitale dovranno prendere misure per migliorare la qualità della vita delle persone o perderanno il lavoro. Essi hanno sei mesi di tempo per attrarre investimenti stranieri, o “chiuderemo gli uffici dei governi distrettuali”. Il meeting è avvenuto lo stesso giorno in cui Jahongir Ortiqkhojaev, uomo d’affari di successo di 43 anni, è stato scelto come sindaco ad interim della capitale in sostituzione del “insoddisfacente” Rahmonbek Usmonov, che ha occupato il posto per sei anni.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Taškent, la figlia del presidente Mirziyoyev distrugge siti archeologici
03/06/2021 10:48
Mosca rafforza le alleanze in Asia Centrale
04/03/2021 11:41
La primavera uzbeka, dopo anni di quasi-stalinismo
24/10/2018 10:55
Strage di Andijan, rilasciato dopo 12 anni attivista per i diritti umani
23/02/2018 09:00
Tashkent, 18mila rimossi dalla 'lista nera' degli estremisti
20/02/2018 08:46


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”