17/03/2016, 13.15
INDIA
Invia ad un amico

Mons. Barwa visita l’arcivescovo emerito, “pilastro” della Chiesa dell’Orissa

di Nirmala Carvalho

Oggi la diocesi celebra la messa del Crisma. Mons. John Barwa ha fatto visita al suo predecessore, l’arcivescovo emerito Raphael Cheenath, che si trova a Mumbai per motivi di salute. La sua “sofferenza è la testimonianza della passione della Chiesa dell’Orissa”. Mons. Cheenath ha costruito la diocesi di Cuttack-Bhubaneswar, lavorando con tribali e dalit. La benedizione dell’arcivescovo emerito ad AsiaNews.

Mumbai (AsiaNews) – L’arcidiocesi di Cuttack-Bhubaneswar celebra oggi la messa del Crisma, alla presenza di tutti i sacerdoti e i religiosi dell’Orissa. In vista della celebrazione mons. John Barwa, arcivescovo della diocesi, due giorni fa ha fatto visita all’arcivescovo emerito, mons. Raphael Cheenath (v. foto), che si trova a Mumbai per motivi di salute. Mons. Cheenath, da detto l’arcivescovo ad AsiaNews, “ha servito in modo instancabile la popolazione dell’Orissa, costruendo la diocesi per mezzo della grazia di Dio e la guida dello Spirito Santo. Quando era a capo della diocesi, egli ha spinto affinchè tribali e dalit ricevessero una buona istruzione e strutture mediche adeguate, in modo da poter essere indipendenti e legittimati”.

A proposito dell’incontro con il suo predecessore, mons. Barwa, che è in fase di recupero da un’operazione chirurgica, dice: “Questo incontro mi ha trasmesso una gioia così grande…e ha rinnovato la mia vocazione sacerdotale. La Chiesa dell’Orissa, e il particolare la nostra diocesi, è grata all’arcivescovo Cheenath che ha lavorato sempre per il bene delle persone”.

In occasione della celebrazione della messa del Crisma, che avverrà oggi al centro pastorale Divya Jyothi, mons. Barwa, porterà ai partecipanti la benedizione del vescovo emerito. Il centro pastorale, aggiunge l’arcivescovo, “ha un significato particolare per la comunità cristiana dell’Orissa, perché è qui che mons. Cheenath organizzava le visite pastorali, le preghiere e il lavoro di tutta la diocesi”.

“In questo Giubileo della Misericordia – continua – era essenziale che venissi a trovare il mio predecessore e trasmettessi al nostro amato arcivescovo l’amore, la gratitudine e l’affetto dei fedeli dell’Orissa, e soprattutto dei cristiani del distretto di Kandhamal”.

Le sofferenze della Chiesa dell’Orissa, teatro del più feroce massacro mai perpetrato in India dai radicali indù, “sono testimoniate dalla passione dell’arcivescovo, che nonostante tutto rimane tranquillo e sereno. Egli ha abbracciato la sua croce con gioia e le sue parole di conforto sono sollievo per tutti i cristiani dell’Orissa”.

Sulla questione ancora aperta dei sette cristiani incarcerati per l’omicidio dello Swamy Laxmanananda Saraswati, motivo scatenante dei pogrom indù, mons. Barwa riferisce che “la Chiesa dell’Orissa sta dando nuovo impulso alle vie legali per il loro rilascio”. “A breve speriamo che ci sia una svolta significativa per il risarcimento delle vittime cristiane”.

Infine alla nostra redazione l’arcivescovo emerito ha dato un messaggio: “Dio vi benedica, Dio benedica la missione di AsiaNews”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Orissa, festa per il 75mo anniversario delle Serve di Maria (Foto)
07/01/2020 11:46
Orissa: Sr Meena Barwa, vittima di Kandhamal, ricorda mons. Cheenath
18/08/2016 10:10
Mons. Barwa, 10 anni dopo i massacri dell’Orissa: ‘Perdono, riconciliazione e pace’
20/08/2018 15:30
Mumbai: celebrati i funerali di mons. Cheenath, “pastore degli ultimi”
17/08/2016 12:17
Orissa: nuova assoluzione per un politico del Bjp responsabile dei massacri contro i cristiani
25/09/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”