25/07/2016, 14.04
INDIA - GMG
Invia ad un amico

Mons. D’Souza, la Chiesa e il mondo hanno bisogno dei giovani

Servono i talenti dei giovani, la loro energia, la loro fantasia e la loro leadership. Le “sfide” di essere “gioiosi annunciatori” dell’amore di Dio e del Vangelo, difensori della vita umana,  promotori dello sviluppo sostenibile, futuri leader della vita ecclesiale e sociale e portatori dei valori etici, capaci di trasformare il mondo.

Sosnowic (AsiaNews) - Essere “gioiosi annunciatori” dell’amore di Dio e del Vangelo, difensori della vita umana,  promotori dello sviluppo sostenibile, futuri leader della vita ecclesiale e sociale e portatori dei valori etici, capaci di trasformare il mondo. Sono le “sfide” che hanno di fronte i giovani di oggi, quali sono state indicate da mons. Henry D'Souza, vescovo di Bellary e presidente del Consiglio per i giovani dell’episcopato indiano.

Mons. D'Souza ne ha parlato durante la messa celebrata a Sosnowic, in Polonia, dove egli guida la delegazione del suo Paese, in occasione della Giornata mondiale della gioventù. “In questa storica Giornata mondiale della gioventù – ha detto tra l’altro - guidata dal nostro pastore  supremo papa Francesco, la gioventù cattolica del mondo rifletterà sul tema: "Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia" (Mt 5, 7). La Sacra Bibbia rivela Dio che è "misericordioso e pietoso, lento all'ira e grande nell’amore" (Sal 103. 8). Il Vangelo di Luca rivela la natura stessa di Dio come misericordia. La misericordia di Dio si manifesta nelle parabole del buon samaritano (Lc 10, 30-37), del figliol prodigo (Lc 15, 11-24) del ricco e di Lazzaro (L16: 19-31) . Queste parabole mostrano che la misericordia divina è incondizionato, senza limiti e senza fine. Mostrano anche le gravi conseguenze  per coloro che non mostrano misericordia verso gli altri. Luca insiste in modo inequivocabile sulla necessità di essere misericordiosi "come il Padre vostro è misericordioso" (Lc 6,36).

Portando i saluti di “oltre 600 milioni di giovani indiani”, il vescovo ha voluto tratteggiare i problemi e gli obiettivi che i giovani cristiani si trovano oggi a dover affrontare per “sperimentare profondamente l'amore incondizionato di Dio offerto a noi in Gesù Cristo e ad amare la sua Chiesa, che è il suo Corpo Mistico”.

“Per essere annunciatori gioiosi dell'amore di Dio e la Buona Novella - annunciando l'arrivo del regno di Dio attraverso la promozione della pari dignità di tutti gli esseri umani, uomini e donne di tutte le fedi, i colori e le razze. Per essere campioni della vita umana in tutte le fasi e in tutte le forme, profondamente sensibili ai poveri e ai bisognosi. Per promuovere lo sviluppo sostenibile e proteggere l'ambiente e la terra che è la nostra casa comune. Per essere i leader di domani in tutti i settori della vita moderna - guida spirituale come sacerdoti, suore e fratelli - la vita politica, professionale”. “Per essere  leader con profondi valori etici e morali, in grado di risolvere i problemi del mondo e di inaugurare ‘nuovi cieli e una nuova terra, dove abita la giustizia’ (2 Pt 3,13; Ap 21, 1)”.

“La Chiesa e il mondo hanno bisogno dei giovani. Hanno bisogno dei talenti dei giovani, della loro energia, la loro fantasia e la loro leadership. I giovani di oggi non possono permettersi di essere distratti dalla violenza, dal materialismo, dalla pornografia, dalla dipendenza da droghe e dalla vita irregolare. Né possono essere spettatori indifferenti e silenziosi. Hanno bisogno di essere concentrati e diventare uomini d'azione, agenti di vera e propria trasformazione. Hanno bisogno di costruire ponti che collegano le persone di tutte le fedi, culture e nazionalità. Cominciamo qui in Polonia, e portare la fiaccola fino agli estremi confini della terra. Confidando nella grazia, nell'amore e nella misericordia di Dio, andiamo avanti per svolgere la missione affidataci dal nostro Dio, di costruire una Chiesa migliore e una società migliore. Possa la Beata Vergine Maria, Madre di Misericordia, che ha portato gioia e speranza al mondo, guidarci e aiutarci a essere ciò che siamo chiamati ad essere. Dio benedica la Polonia, Dio benedica il mondo giovanile”.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Gmg, un “sentiero privilegiato” per la vocazione al sacerdozio
02/08/2016 11:42
I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg
26/07/2016 16:24
Giovani dell’Orissa alla Gmg: Nel segno dei nostri martiri, impariamo la misericordia
28/07/2016 14:25
Papa: Giovani, siate protagonisti della storia, seguendo Gesù “il Signore del rischio”
30/07/2016 21:38
Il silenzio di Francesco ad Auschwitz “dono di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI”
29/07/2016 09:28


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”