05/09/2012, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Nelle ditte cinesi legate alla Samsung “gli operai sono trattati come bestie”

Dopo la sentenza che l’ha condannata per violazione dei brevetti industriali, un nuovo scandalo colpisce il colosso coreano: nelle aziende fornitrici in Cina i diritti dei lavoratori vengono calpestati. Lo denuncia un gruppo americano, che ammette: “La situazione è la stessa per tutte le aziende del settore, non è limitata alla Samsung”.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Dopo la sentenza americana che l'ha condannata per violazione dei brevetti industriali, la Samsung è di nuovo nell'occhio del ciclone per la drammatica situazione dei diritti dei suoi lavoratori all'interno delle fabbriche cinesi. La violazione delle norme sul lavoro è stata denunciata dal China Labor Watch, un'associazione con base negli Stati Uniti che monitora la situazione degli operai cinesi, la quale ha accusato la Heg Electronics (succursale cinese della Samsung) di trattare "come bestie" gli operai.

La società cinese assembla cellulari per il colosso coreano nella città cinese di Huizhou: secondo il rapporto del China Labor essa utilizza manodopera con età inferiore ai 16 anni, costringe gli operai a straordinari non pagati e trattiene il salario mensile (circa 250 dollari) ai lavoratori che chiedono migliori condizioni. Inoltre sarebbero frequenti "gli abusi verbali e fisici" da parte degli ispettori che lavorano nella fabbrica. Sotto inchiesta altre 5 fabbriche sparse per la provincia dell'Henan.

Da parte sua, la Samsung ha annunciato di aver già avviato l'ispezione di 250 ditte fornitrice cinesi: le ispezioni verranno effettuate su 105 ditte cinesi che hanno contratti di esclusiva con Samsung, mentre altre 144 aziende cinesi dovrano fornire una documentazione che provi il loro allineamento alla legislazione sul lavoro. "Stiamo mettendo in pratica un piano rigoroso - fa sapere Samsung - che eviti eventuali violazioni". La prima ispezione verrà effettata da una squadra di 100 addetti a partire dalla fine del mese.

Le condizioni denunciate dal China Labor all'interno delle fabbriche legate alla Samsung sono più o meno le stesse di tutto il sistema industriale cinese: il governo comunista non permette ai sindacati di operare sul proprio territorio e le violazioni ai diritti dei lavoratori vengono denunciate da anni. Kevin Slaten, portavoce del gruppo, conferma: "Nell'industria elettronica queste cose accadono dovunque, non sono ristrette alla Samsung".

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Si è dimesso Lee Kun-hee, capo della Samsung dal 1987
22/04/2008
Per la prima volta, la Commissione diritti umani di Seoul critica il Nord
07/11/2006
La faccia oscura della crescita coreana: lavorare alla Samsung uccide
10/05/2012
Ban Ki-moon "presti particolare attenzione" ai diritti umani in Corea del Nord
23/10/2006
Seoul, pronta la bozza della Legge anti-discriminazione
25/07/2006


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”