10/02/2015, 00.00
THAILANDIA
Invia ad un amico

Neo-cardinale di Bangkok: la Chiesa thai sia sempre più missionaria

Mons. Kovithavanij è uno dei 20 porporati che riceveranno la berretta cardinalizia nel concistoro del 14 febbraio. Egli invita a “lavorare di più” nell’annuncio del Vangelo e ad “approfondire le Scritture” per rafforzare il dialogo interreligioso. Pur essendo una sparuta minoranza, i cattolici offrono un prezioso contributo nella sanità, nell’istruzione e nella vita civile del Paese.

Bangkok (AsiaNews/EdA) - "Per evangelizzare, tutti noi dobbiamo cominciare dall'essere testimoni. In 350 anni il numero dei cristiani non è aumentato di molto. Forse non siamo stati attivi a sufficienza nel ruolo di testimoni, per dire che Dio non è solo per noi, ma anche per tutti i nostri fratelli. Senza dubbio, dobbiamo lavorare molto di più" nel compito di annuncio del Vangelo. È un invito alla testimonianza, all'evangelizzazione, all'impegno nell'opera di annuncio in Thailandia quello lanciato dall'arcivescovo di Bangkok in una lunga intervista a Eglises d'Asie (EdA), alla vigilia della partenza per Roma. Mons. François-Xavier Kriengsak Kovithavanij è uno dei 20 nuovi porporati creati da papa Francesco nel gennaio scorso, di cui tre provenienti dall'Asia (con mons. Charles Bo, arcivescovo di Yangon e mons. Pierre Nguyên Van Nhon, arcivescovo di Hanoi). Il prossimo 14 febbraio egli sarà in Vaticano, per ricevere la berretta cardinalizia.

Nato nel 1949 in una famiglia cattolica di Bangkok, egli ha studiato teologia e filosofia all'università Urbaniana a Roma, prima dell'ordinazione sacerdotale del 1976 dall'allora arcivescovo (e futuro cardinale) mons. Michael Michai Kitbunchu. Nel 1982 torna a Roma per approfondire gli studi alla Gregoriana; nel 2007 la nomina ad arcivescovo di Nakhon Sawan, quindi il trasferimento nel 2009 nella capitale thai.

Rilanciando il compito missionario della Chiesa thai attraverso "il dialogo fra cattolici, tra i cristiani di diverse confessioni e con i fedeli di altre religioni", il nuovo porporato conferma che "per quelli che vogliono convertirsi", noi "siamo aperti" ad accoglierli. "Noi annunciano la Buona Novella - aggiunge - e lo Spirito Santo lavora nei loro cuori in modo che essi possano rispondere". 

In tema di dialogo interreligioso, l'arcivescovo di Bangkok avverte che "è importante studiare in modo approfondito le Sacre scritture", perché se si esaminano "i testi sacri di tutte le religioni, si possono trovare frasi simili", come l'invito a "non fare agli altri, quello che non volete gli altri facciano a voi stessi". Il principio "dell'unità nella diversità", aggiunge, è un fondamento "della Chiesa cristiana" ed è un invito a "camminare e collaborare uniti per il benessere della società e il progresso delle religioni". Perché il dialogo interreligioso, avverte, non solo una "collaborazione", ma anche "una sorta di scambio di esperienze diverse". 

Il neo-cardinale ricorda l'impegno della Chiesa nel settore dell'istruzione, un fattore "molto importante per il benessere della società", anche se "resta ancora molto da fare". "La Chiesa cattolica - spiega mons. Kovithavanij - è una piccola realtà all'interno della società thai, ma noi vogliamo collaborare a fondo con le altre istituzioni, perché questo settore possa acquisire sempre più importanza". Dobbiamo ripartire da zero, avverte, basandoci sull'insegnamento dei principi dell'etica. "Questa educazione di tipo etico - avverte - è importante per tutti gli studenti delle nostre scuole", a prescindere dalla loro fede, mentre l'insegnamento della fede e il catechismo "sono riservati agli studenti cristiani". 

In un periodo caratterizzato da una profonda crisi politica e da instabilità, che hanno portato al colpo di Stato della giunta militare nel maggio scorso, l'arcivescovo di Bangkok ricorda il dovere di lottare "contro la corruzione", che è un male "inaccettabile" per una "società civile". Per il porporato è giunto il momento di "risolvere il problema" e "quello che sta accadendo [in questi mesi] in Thailandia, potrebbe essere una svolta importante per migliorare la società thailandese". In questo senso acquista un valore ancora più grande "l'insieme dei testi che compongono la dottrina sociale della Chiesa", che formano "un patrimonio" non solo per i cattolici, ma "che è utilizzato anche in molte università" non cristiane. Infine emerge con sempre maggior forza il valore della presenza cristiana nel mondo degli affari, della sanità e, in generale, in tutti quei settori della vita sociale - compresa l'istruzione - in cui è possibile diffondere l'annuncio del Vangelo "per cambiare, anche in piccolo, la società stessa". 

In Thailandia i cattolici sono una sparuta minoranza (circa 300mila su un totale di circa 70 milioni di abitanti, pari allo 0,5% circa), in una nazione a larga maggioranza buddista (95%), Tuttavia, essi forniscono un prezioso contributo in molti settori della vita quotidiana, dall'istruzione alla sanità, dalle attività nel sociale all'opera volta a favorire il dialogo interreligioso.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cardinale di Bangkok: Nel Giubileo riscopriamo confessione e opere di misericordia spirituali
11/12/2015
La Chiesa thai festeggia il nuovo cardinale: "Inadatto" al compito, ma posso servire
16/03/2015
Arcivescovo di Bangkok: Ho chiesto a Dio la forza per essere un buon cardinale
07/01/2015
Cattolici coreani e thai sotto la protezione dei martiri
23/02/2010
Chiesa thai: Giornata delle vocazioni nella solennità di Cristo Re
19/11/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”