19/01/2016, 11.25
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: “Non c’è alcun Santo senza passato, neppure alcun peccatore senza futuro”

Commentando le vicende di re David, Francesco evidenzia che Dio sceglie un ragazzo, che a giudizio umano “non contava”. “Santo e peccatore. Un uomo che ha saputo unire il Regno, ha saputo portare avanti il popolo d’Israele”. Ma ha anche peccato, è stato anche un assassino. “Ma quando Dio ha inviato il profeta Natan per fargli vedere questa realtà, perché lui non si era accorto della barbarie che aveva ordinato, ha riconosciuto ‘ho peccato’ e ha chiesto perdono”.

 

Città del Vaticano (AsiaNews) – “Non c’è alcun Santo senza passato, neppure alcun peccatore senza futuro”, ma Dio non si ferma alle apparenze, vede il cuore. L’ha detto oggi papa Francesco durante la messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, commentando la Prima lettura, che narra l’elezione del giovane Davide a re d’Israele. Il Papa ha sottolineato che, anche nella vita dei Santi, ci sono tentazioni e peccati, come dimostra proprio la vita di Davide, ma mai bisogna "usare Dio per vincere una causa propria".

Il Signore, ha evidenziato Francesco, rigetta Saul “perché aveva il cuore chiuso", non gli aveva ubbidito e pensa dunque a scegliere un altro re. Una scelta lontana dai criteri umani giacché Davide era il più piccolo dei figli di Iesse, un ragazzino. Ma il Signore fa capire al profeta Samuele che per lui non conta l’apparenza, “il Signore vede il cuore”. “Noi siamo tante volte schiavi delle apparenze, schiavi delle cose che appaiono e ci lasciamo portare avanti da queste cose: ‘Ma questo sembra…’ Ma il Signore sa la verità. E così questa storia... Passano i sette figli di Iesse e il Signore non sceglie alcuno, li lascia passare. Samuele è un po’ in difficoltà e dice al Padre: ‘Nemmeno costui, Signore, hai scelto?’ ‘Sono qui tutti i giovani, i sette?’ ‘Ma, sì, ce n’è uno, il piccolo, che non conta, che ora sta pascolando il gregge’. Agli occhi degli uomini questo ragazzino non contava”...

Non contava per gli uomini, ma il Signore lo sceglie e comanda a Samuele di ungerlo e lo Spirito del Signore “irruppe su Davide”, e da quel giorno in poi “tutta la vita di Davide è stata la vita di un uomo unto dal Signore, eletto dal Signore”. “Allora il Signore lo ha fatto Santo?” No, “il Re Davide è il Santo Re Davide, questo è vero, ma Santo dopo una vita lunga”, anche una vita con peccati. “Santo e peccatore. Un uomo che ha saputo unire il Regno, ha saputo portare avanti il popolo d’Israele. Ma aveva le sue tentazioni… aveva i suoi peccati: è stato anche un assassino. Per coprire la sua lussuria, il peccato di adulterio... ha comandato di uccidere. Lui! ‘Ma il Santo Re Davide ha ucciso?’ Ma quando Dio ha inviato il profeta Natan per fargli vedere questa realtà, perché lui non si era accorto della barbarie che aveva ordinato, ha riconosciuto ‘ho peccato’ e ha chiesto perdono”.

“La sua vita è andata avanti. Ha sofferto nella sua carne il tradimento del figlio, ma mai ha usato Dio per vincere una causa propria”. Così quando Davide deve fuggire da Gerusalemme rimanda indietro l’Arca e dichiara che non userà il Signore a sua difesa. E quando veniva insultato, Davide in cuor suo pensava: “Me lo merito”.

Poi “viene la magnanimità”: poteva uccidere Saul “ma non l’ha fatto”. Ecco il Santo re Davide, grande peccatore, ma pentito. “A me – ha confidato il Papa – commuove la vita di quest’uomo” che ci fa pensare anche alla nostra vita. “Tutti noi siamo stati scelti dal Signore per il Battesimo, per essere nel suo Popolo, per essere Santi; siamo stati consacrati dal Signore, in questo cammino della santità. E’ stato leggendo questa vita, da un bambino – ma, un bambino no... era un ragazzo – da un ragazzo ad un vecchio, che ha fatto tante cose buone e altre non tanto buone, mi viene di pensare che nel cammino cristiano, nel cammino che il Signore ci ha invitato a fare, mi viene da pensare che non c’è alcun Santo senza passato, neppure alcun peccatore senza futuro”.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: Gesù piange perché noi non lasciamo che Lui ci ami
04/02/2020 12:04
Papa: perdere la coscienza del peccato, male del nostro tempo
31/01/2020 11:33
Papa: chiedere a Gesù ‘se tu vuoi, puoi’ è una sfida e un atto di fiducia
16/01/2020 10:59
Papa: non crediamoci buoni, senza l’aiuto di Dio non sappiamo vincere il male
15/09/2019 12:14
Papa: la vergogna per i peccati 'è una grazia', perché apre la strada al perdono
06/10/2017 11:19


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”