04/02/2022, 09.55
VATICANO - EMIRATI ARABI UNITI
Invia ad un amico

Papa: contro minacce e tempi bui la fratellanza ‘àncora di salvezza per l’umanità’

Il pontefice ha diffuso un videomessaggio per la II Giornata internazionale Onu della Fratellanza umana, che si celebra nell'anniversario della firma della dichiarazione di Abu Dhabi. Esorta a costruire una barriera “contro l’odio, la violenza e l’ingiustizia”. L’imam di al-Azhar si rivolge a Francesco definendolo “compagno coraggio” sulla via “della fraternità e della pace”. Lettera di Biden: i problemi non possono essere risolti “da una sola nazione, o da un solo gruppo”.

Dubai (AsiaNews) - Il percorso della fratellanza è “lungo e difficile”, ma è “l’àncora di salvezza per l’umanità”; “ai tanti segnali di minaccia, ai tempi bui, alla logica del conflitto contrapponiamo il segno della fratellanza” che “accogliendo l’altro” ne rispetta “l’identità”. “Non uguali, no, fratelli”. È quanto afferma papa Francesco nel videomessaggio diffuso oggi, in concomitanza con la II Giornata Internazionale della Fratellanza Umana promossa dall’Onu e a tre anni dalla firma del documento con l’imam di al-Azhar Ahmad Muhammad Al-Tayeb in occasione del viaggio apostolico negli Emirati. Il pontefice rimarca con forza l’essere “tutti diversi eppure uguali” e questo “periodo di pandemia” di Covid-19 “ce lo ha dimostrato da soli non ci si salva!”. 

Il tema della fratellanza è centrale a ExpoDubai 2020, la rassegna espositiva internazionale in corso nella metropoli commerciale e finanziaria degli Emirati Arabi Uniti (Eau). Nel Padiglione della Sostenibilità si svolge oggi un incontro organizzato dal ministero per la Tolleranza e la coesistenza degli Emirati e l’Alto comitato per la Fratellanza Umana, con il sostegno della Santa Sede e dell’Università di Al-Azhar del Cairo. In occasione della II Giornata indetta dalle Nazioni Unite sul tema “Sotto lo stesso cielo”, il papa e l’imam di al-Azhar hanno diffuso un videomessaggio, mentre il presidente Usa Joe Biden ha inviato una lettera personale ai presenti. 

Tornando al videomessaggio - il cui testo è stato diffuso dalla sala stampa vaticana anche con una traduzione "non ufficiale" in lingua ebraica - il papa sottolinea che non è più tempo “di indifferenza: o siamo fratelli o crolla tutto. E questa non è un’espressione meramente letteraria di tragedia, no, è la verità!”. La conferma emerge “nelle piccole guerre, in questa terza guerra mondiale a pezzetti, come si distruggono i popoli, come i bambini non hanno da mangiare, come cala l’educazione... È una distruzione” ammonisce il pontefice, il quale aggiunge che non è nemmeno più tempo “della dimenticanza. Ogni giorno dobbiamo ricordarci quello che Dio disse ad Abramo: che alzando lo sguardo alle stelle del cielo avrebbe visto la promessa della sua discendenza, cioè noi”.

La fratellanza è uno dei valori “fondamentali e universali” alla base “delle relazioni tra i popoli” per scongiurare che quanti soffrono o sono svantaggiati “non si sentano esclusi e dimenticati, ma accolti”. In questi anni, ricorda, “abbiamo camminato come fratelli nella consapevolezza che, rispettando le nostre rispettive culture e tradizioni, siamo chiamati a costruire la fratellanza quale barriera contro l’odio, la violenza e l’ingiustizia”. Come credenti di religioni diverse, conclude papa Francesco, dobbiamo “farci promotori di una cultura di pace, che incoraggi sviluppo sostenibile, tolleranza, inclusione, comprensione reciproca e solidarietà”.

Il grande imam di al-Azhar rivolge un saluto al “caro fratello Francesco” che definisce “compagno incessantemente coraggioso sulla via della fraternità e della pace”. Nel videomessaggio al-Tayeb ricorda il documento sottoscritto tre anni fa che abbraccia “i credenti di tutte le religioni, ma non esclude i non credenti” e che vuole contrastare “giudizi errati e conflitti che spesso portano a spargimenti di sangue e guerre”, in particolare fra “seguaci della stessa religione e credenti in un’unica fede”. In un mondo ancora segnato dalle violenze e dalla pandemia, conclude l’imam, “abbiamo intrapreso la strada della speranza di un mondo nuovo libero da guerre e conflitti”. 

Infine, il presidente Usa Biden si unisce a quanti celebrano la Giornata Onu della Fratellanza sottolineando che i problemi del mondo e delle società di oggi - dal Covid all’emergenza climatica - non possono essere risolti da una sola nazione, o da un gruppo. Le sfide della modernità, avverte l’inquilino della Casa Bianca, vanno affrontate “con un dialogo schietto che promuova la tolleranza, l’inclusione e la comprensione. E più di tutto, richiedono una mente aperta, collaborativa ed empatica - conclude - assicurandosi che tutte le persone siano trattate con dignità e godano di una piena partecipazione nella società”. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vicario d’Arabia: fratellanza sia guida per una ‘pace duratura’ anche nel Golfo
04/02/2022 11:39
Mons. Hinder: l’enciclica ‘Fratelli tutti’ motivo d’orgoglio per i musulmani d’Arabia
06/10/2020 11:29
Fede, dialogo e solidarietà: i giovani d’Arabia si preparano al Sinodo
24/11/2017 09:57
Vicario d’Arabia: Pasqua, cristiani ‘operatori di pace’ in un mondo in guerra
16/04/2022 09:02
Vicariato d’Arabia inaugura la prima chiesa nella regione di al-Dhafra
15/12/2021 10:21


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”