18/02/2009, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: nessuno ha il Vangelo solo per sé, è dono per tutti

Il dovere della Chiesa di portare la parola di Gesù nel mondo è stato riproposto oggi da Benedetto XVI che ha illustrato all’udienza generale la figura di Beda il venerabile. A lui si deve anche la cronologia per la quale gli anni si contano dalla nascita di Cristo.
Città del Vaticano (AsiaNews) – Nessuno ha il Vangelo solo per sé, è dono anche per gli altri. Il dovere della Chiesa di portare la parola di Gesù nel mondo è stato riproposto oggi da Benedetto XVI alle 20mila persone presenti all’udienza generale, tenuta in piazza San Pietro. “Per la prima volta quest’anno – ha commentato lo stesso Papa - siamo all’aperto, anche se nel freddo, ma almeno non piove e non nevica, quindi per questo dobbiamo essere grati”. Il vento, che per tutta l’incontro ha battuto la piazza, ad un certo momento gli ha anche portato via la berretta.
 
A dare a Benedetto XVI occasione di parlare della missione è stata l’illustrazione della figura di Beda il venerabile, monaco inglese vissuto nel VII-VIII secolo, tra il 672 e il 735.
 
Egli trascorse la vita in un monastero benedettino, ove fu mandato dai suoi genitori a sette anni per essere istruito. “L’insegnamento e la fama degli scritti gli procurarono amicizie con eminenti personalità del suo tempo”. Autore di numerose opere di teologia e commentari della Bibbia scritti per “educare i fedeli a celebrare gioiosamente i santi misteri”. La Sacra Scrittura è fonte costante della sua riflessione teologica. “Commenta la Bibbia leggendola i chiave cristologica”. “Ascolta attentamente cosa dice il testo, ma è convinto che per capire esattamente in maniero unica la Sacra Scrittua la chiave è Cristo”.
 
Beda ha inoltre “registrato i primi sei concili ecumenici e i loro sviluppi, presentando la dottrina cristologica e mariologica, e denunciando le eresie monofisita, iconocalstica e neopelagiana”. A lui si deve “la cronologia che diventerà la base del calendario universale ancora oggi. Fino ad allora, infatti, si calcolava il tempo dalla fondazione della città di Roma. Beda, vedendo che il vero  centro della storia, è la nascita di Cristo, ci ha dato questo calebndario che legge la storia 'ab incarnatione Domini'”. E’ anche autore della “Historia ecclesiastica gentis anglorum” per la quale “è riconosciuto come il padre della storiografia inglese”.
 
Ripercorrendone l’opera, Benedetto XVI ha ricordato una esortazione ai consacrati, di “curare anche l’apostolato, nessuno, diceva, ha il Vangelo solo per sé, è dono anche per gli altri”. E ciò “rendendosi disponibili alla missione presso i pagani, come pellegrini fuori dal loro Paese” e l’affermazione che “Cristo vuole una Chiesa industriosa e abbronzata dalle fatiche dell’evangelizzazione”, “intenta a dissodare altri campi o vigne e stabilire tra le nuove popolazioni non una capanna provvisoria, ma una casa stabile”, cioè a “inserire il Vangelo nelle tradizioni e nelle culture, permettendogli di permeare il tessuto sociale”.
 
Beda, infine, “con le sue opere contribuì efficacemente alla costruzione di un’Europa cristiana”. “Preghiamo – ha concluso il Papa - che anche oggi ci siano personalità come il Beda il venerabile, e siamo disponibili noi stessi a ritrovare le nostre radici cristiane e così siamo costruttori di un'Europa cristiana e dunque profondamente umana”.
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: in Spagna, Dio non è nemico della libertà dell’uomo
06/11/2010
Papa: l’umanesimo di San Benedetto antidoto alla cultura dell’ego
09/04/2008
Papa: come Caterina da Siena, impariamo ad amare con coraggio Cristo e la Chiesa
24/11/2010
Papa: spesso è la donna che rende il matrimonio una Chiesa domestica
27/10/2010
Papa: una soluzione politica e rispetto dei diritti umani nello Sri Lanka
11/11/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”