16/11/2004, 00.00
IRAN
Invia ad un amico

Pastore protestante detenuto in Iran: pena di morte più vicina

Trasferito in un carcere militare, rischia anche la condanna per "spionaggio".

Teheran (AsiaNews/Compass) – Aumentano le possibilità che il pastore protestante Hamid Pourmand, un convertito dall'Islam, venga condannato a morte. Le autorità iraniane hanno deciso di trasferire il detenuto in un carcere militare. Se condotto di fronte a una corte marziale, Pourmand (nella foto) può essere accusato di "spionaggio militare" e per questo condannato alla pena capitale. Quarantasette anni, sposato con 2 figli, Pourmand è stato arrestato il 9 settembre a Karaj, 30 km a ovest di Teheran, in un raid della polizia contro una riunione del Consiglio generale della chiesa di cui è parte. Ex musulmano, convertitosi al cristianesimo 25 anni fa, il pastore è colonnello dell'esercito iraniano nella città di Bandar-i Bushehr (380 km sud di Teheran). Proprio per la sua fede, che "non ha mai tenuto nascosta" - come ha raccontato un amico - Pourmand già rischiava la pena di morte. La corte islamica dell'Iran, infatti, prevede l'esecuzione capitale per "apostasia dall'islam".

Negli ultimi mesi, membri del governo iraniano hanno più volte denunciato le "religioni straniere" di minacciare la sicurezza nazionale. Numerosi musulmani convertiti al cristianesimo sono stati giustiziati per ordine della corte con l'accusa di "spionaggio" per l'estero.

In Iran su una popolazione di 65 milioni di abitanti, i cristiani sono 360 mila, di cui 25 mila cattolici.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Non più corte marziale per il pastore protestante convertito dall'islam
08/02/2005
A Shiraz, campagna di repressione contro cristiani convertiti
22/05/2008
Indonesia, condannate per proselitismo 3 donne cristiane
06/09/2005
Il Consiglio mondiale delle Chiese visita i protestanti in Cina (ma solo quelli ufficiali)
05/01/2018 12:34
Difesa delle minoranze, dubbi sulla Commissione nazionale
04/03/2021 13:30


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”