20/02/2012, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Pescatore cattolico ucciso dalla polizia: un “gesto bestiale”

di Melani Manel Perera
Lo afferma mons. Norbert M. Andradi, segretario generale della Conferenza episcopale dello Sri Lanka. Anthony Warnakulasooriya aveva 35 anni ed era tra i manifestanti contro il caro-benzina. Un anno fa era morto un operaio cattolico di 21 anni nelle proteste contro le pensioni.

Colombo (AsiaNews) - "Gesti simili privano la vita umana di ogni valore. Le autorità devono assumersi la responsabilità perché azioni bestiali come questa non si verifichino mai più". Mons. Norbert M. Andradi, segretario generale della Conferenza episcopale dello Sri Lanka, condanna la morte di Anthony Warnakulasooriya, 35 anni, il pescatore ucciso il 15 febbraio scorso durante le proteste contro il caro-benzina. Per sedare le manifestazioni, la polizia ha lanciato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua contro le persone, fino ad aprire il fuoco. I funerali del giovane si sono svolti il 18 febbraio scorso nella sua parrocchia, la chiesa di S. Sebastiano a Chilaw-Wella (North Western Province). Più di 1.500 guardie di sicurezza, tra poliziotti, militari e membri della Special Task Force (Stf), hanno presidiato la zona del funerale.

Un colpo di pistola esploso da un poliziotto ha colpito Anthony in pieno volto. Quello stesso giorno, altri pescatori sono rimasti  feriti in modo grave. Uno, Sebastian Regan, è ricoverato all'ospedale nazionale di Colombo per una ferita al petto. Un altro ha riportato una ferita al ginocchio. Un terzo ha perso tre dita della mano mentre tentava di evitare un candelotto lacrimogeno.

"Chi usa armi da fuoco come i poliziotti - afferma p. Noel Dias - deve fare molta attenzione. Non si gioca con le vite umane. E oggi, siamo qui a ricordare un giovane innocente, che ha perso la sua vita per colpa di un solo proiettile". "La gente - aggiunge p. Sarath Iddamalgoda, attivista per i diritti umani e dei lavoratori - ha iniziato a protestare quando il costo della vita è diventata insopportabile per colpa delle tasse. Tolte le entrate provenienti dai lavoratori all'estero, il governo non ha fonti per pagare i suoi megaprogetti turistici, le autostrade e gli aeroporti. Così, ha iniziato a tassare la benzina, il riso e il pane. Un comportamento del genere viola i diritti umani, perché colpisce in modo diretto i cittadini".

Anthony Warnakulasooriya è il secondo pescatore dello Sri Lanka morto nel corso di proteste. Il 30 maggio 2011 migliaia di lavoratori della Free Trade Zone avevano organizzato una manifestazione contro il nuovo schema pensionistico. Durante scontri con la polizia, Roshen Chanaka, 21 anni, è morto. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sri Lanka, padre si suicida perché non riesce a mantenere la sua famiglia
21/06/2012
Sri Lanka, ancora proteste contro il caro benzina. Un morto negli scontri con la polizia
16/02/2012
Colombo ignora le proteste contro il caro benzina di migliaia di pescatori cattolici
14/02/2012
Accordo “di pace” fra i pescatori di India e Sri Lanka
02/09/2010
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”