27/10/2022, 13.34
CAMBOGIA
Invia ad un amico

Phnom Penh, complicità di alto livello nella tratta degli esseri umani

di Steve Suwannarat

Lo sostegnono diversi osservatori. La Cambogia è percepita come uno dei Paesi più corrotti della regione. Il premier Hun Sen dichiara il 20 agosto una giornata contro il fenomeno. Centinaia di cittadini stranieri del sud-est asiatico sono stati liberati negli ultimi mesi.

Phnom Penh (AsiaNews) - È impossibile che la tratta di esseri umani avvenga in Cambogia senza complicità di alto livello. Lo sostengono diversi osservatori, sottolineando che il Paese è punto di origine, transito e destinazione del traffico e a favorirne questo ruolo è la corruzione. L’indice della percezione della corruzione 2021 diffuso da Transparency International ha evidenziato come Phnom Penh si collochi al 157mo posto sui 180 nazioni considerate nel rapporto, terzultima in Asia-Pacifico dopo Afghanistan e Corea del Nord.

Il mese scorso, partecipando al sesto forum interreligioso nazionale contro il traffico di esseri umani il premier cambogiano Hun Sen ha dichiarato: “Non lasciate che la Cambogia diventi un rifugio per la criminalità, un luogo di riciclaggio di denaro sporco, di traffico di esseri umani”. A dimostrazione del proprio impegno, durante il forum, il governo ha annunciato che dal 2023 il 20 agosto sarà una giornata dedicata al coinvolgimento a ogni livello di enti nazionali e locali per contrastare il fenomeno.

Il traffico di esseri umani che coinvolge migliaia di individui di varie nazionalità attratti da proposte di lavoro e poi sfruttati in Cambogia in diversi racket è ormai noto. Oltre a un gran numero di cittadini malaysiani “salvati” da inizio anno, ad agosto sono stati sottratti allo sfruttamento e rimpatriati 241 indonesiani. Nello stesso mese sono stati 368 i casi individuati e 41 gli arresti di sfruttatori di nazionalità cambogiana, cinese e thailandese; 629 i taiwanesi caduti nelle maglie del racket nel solo 2022.

A luglio era stata Al Jazeera a evidenziare la situazione in un documentario in cui diverse delle vittime hanno avuto la possibilità di raccontare gli inganni, la detenzione e le torture a cui sono state sottoposte. Comprese le minacce di morte. Altri importanti media internazionali negli ultimi mesi hanno seguito le orme dell’emittente panaraba.

Le attività criminali riguardano l’organizzazione di truffe online da parte di bande composta o cappeggiate da cittadini stranieri che però da tempo si sono insediate in Cambogia, dove spesso gestiscono anche case da gioco. La presenza di casinò – che è andata aumentando negli ultimi anni – è legale, ma essenziale per il riciclaggio di denaro e lo sviluppo di nuove forme di schiavitù.

Tra l’altro, molti degli individui vittime dell’ “industria” delle frodi online, ingannati con prospettive di impieghi ben retribuiti nei servizi e nel turismo e poi privati della libertà, provengono da Paesi che fanno parte dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (Asean), di cui proprio la Cambogia ha quest'anno la presidenza di turno.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sihanoukville: schiavi moderni sfruttati da boss cinesi per le truffe online
10/09/2021 12:23
Donne malaysiane schiave per le truffe on line a Phnom Phen
04/04/2022 12:55
Missionaria francescana: la disperazione nelle campagne ‘rifornisce’ lo sfruttamento sessuale
19/03/2018 11:53
Governatore accusa: ‘Mafia e instabilità’ con gli investimenti cinesi
27/01/2018 08:05
Arrestato magnate dei casinò: tratta di esseri umani all'ombra della 'nuova via della seta'
19/08/2022 12:21


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”