01/10/2012, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Rimsha Masih, udienza rimandata al 17 ottobre. I tre accusatori dell’imam ritrattano

La decisione del giudice causata dall’assenza del legale rappresentante dell’accusa. Sebbene innocente, la minorenne cristiana disabile resta imputata per blasfemia. I giovani che hanno raccontato la manipolazione delle prove cambiano versione; affermano di aver ricevuto “pressioni” e “torture” della polizia per testimoniare contro Khalid Jadoon Chishti.

Islamabad (AsiaNews) - L'Alta corte di Islamabad questa mattina ha aggiornato il processo a carico di Rimsha Masih, la giovane cristiana arrestata con false accuse di blasfemia e liberata su cauzione il 7 settembre scorso grazie al lavoro congiunto di legali, inquirenti e governo pakistano. Il processo a carico della minorenne - secondo un rapporto medico ha circa 14 anni e soffre di un ritardo mentale - è aggiornato prossimo 17 ottobre. Ma è dal Dipartimento distrettuale che giunge la novità più clamorosa di oggi: i tre accusatori dell'imam Khalid Jadoon Chishti, che avrebbe bruciato pagine del Corano per "incastrare" Rimsha e determinare la cacciata della comunità cristiana, hanno ritrattato, affermando che in precedenza avevano subito "pressioni" e "minacce" da parte della polizia.

Si fa perciò sempre più intricata la vicenda giudiziaria della giovane cristiana che, sebbene innocente, rischia di trascinarsi a lungo in tribunale a dispetto degli appelli di leader cristiani e membri della società civile, che chiedono il "proscioglimento immediato" perché "innocente".  Lo slittamento al 17 ottobre si è reso necessario perché mancava il legale rappresentante dell'accusa, fuori città per altri impegni. Il tribunale ha accolto l'istanza e aggiornato il processo.

Nel frattempo i tre testimoni che, in un primo momento, hanno accusato l'imam Khalid Jadoon Chishti di aver falsificato le prove per incastrare Rimsha Masih e cacciare i cristiani, hanno ritrattato la loro versione dei fatti. A riferirlo è il quotidiano pakistano The Express News, secondo cui i tre giovani avrebbero sottoscritto una falsa accusa dietro "pressioni" della polizia. A denunciare l'imam sono stati il muezzin della moschea Hafiz Zubair, assieme a Hafiz Awais e Khurram Shahzad. Nella nuova versione dei fatti presentata oggi, i tre affermano di aver testimoniato sotto le "torture" degli investigatori che volevano incastrare in ogni modo l'imam Jadoon.

Di recente la polizia ha depositato il fascicolo di inchiesta relativo a Rimsha Masih, dal quale emerge che non vi sono né indizi, tantomeno prove o testimonianze di colpevolezza a suo carico. Il fermo risale al 16 agosto scorso, quando la giovane cristiana è stata imprigionata in base alla "legge nera", perché avrebbe bruciato pagine del Noorani Qaida, un libro di testo usato per apprendere le basi dell'arabo e del Corano, con impressi dei versetti tratti dal libro sacro dei musulmani. In realtà, sarebbe stato l'imam Khalid Jadoon Chishti (arrestato e ora sotto processo) a gettare pagine bruciate nell'immondizia appena scaricata dalla ragazza, per fomentare una campagna contro la minoranza religiosa e sequestrarne beni e proprietà. Dall'8 settembre, giorno del rilascio, Rimsha e la famiglia vivono in un luogo protetto nel timore di ritorsioni e vendette personali.

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Giudice minorile per Rimsha Masih. Silenzio sull’imam che ha montato il caso di blasfemia
25/09/2012
Rimsha Masih, processo aggiornato al 14 novembre. Nuove violenze anticristiane
17/10/2012
La Corte suprema conferma: Rimsha Masih è innocente. Soddisfatto Paul Bhatti
16/01/2013
Rimsha Masih: il mio Natale vicino ad Asia Bibi e alle vittime della blasfemia
20/12/2012
Paul Bhatti ad AsiaNews: dialogo con l’islam, per salvare “centinaia” di Asia Bibi
14/12/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”