25/07/2019, 09.46
VIETNAM
Invia ad un amico

Scuola, sanità, educazione: l’opera dei cattolici vietnamiti 'eccellenza del Paese'

di Thanh Thao

Suor Anne: religiose e laici gestiscono circa 1500 asili, quasi 50 classi di sostegno e la metà dei centri vocazionali per giovani. Raccolte di fondi e donazioni per sostenere gli studi dei più bisognosi e meritevoli. L’obiettivo è tradurre in atto concreto il messaggio dell’amore di Dio, in particolare ai poveri e agli ultimi. 

Ho Chi Minh City (AsiaNews) - In una società vietnamita in larga parte socialista e atea, l’opera dei cattolici nel sociale a favore di poveri, disabili ed emarginati acquista sempre più valore e significato. “Secondo uno spirito di carità e amore - sottolinea ad AsiaNews suor Anne Lan, religiosa a Ho Chi Minh City - le suore e i laici gestiscono circa 1500 asili, quasi 50 classi di sostegno e quasi la metà dei centri vocazionali (o scuole) per giovani e ragazzi”. 

Le strutture scolastiche, prosegue la religiosa, “sono state create ed equipaggiate perché gli studenti possano imparare al meglio”. Essi possono beneficiare anche dell’aiuto di denaro e altre donazioni nel contesto di “raccolte fondi per la scuola”, per aiutare i migliori e quelli con meno risorse. “Inoltre - aggiunge - benefattori cattolici e non cattolici hanno fornito libri, quaderni, biciclette per i bambini delle aree più remote e quelli delle aree montagnose del Vietnam”. 

Fra le priorità, vi è quella di “integrare” giovani e bambini all’interno delle comunità e delle parrocchie contando sull’entusiasmo dei gruppi nati da poco e l’esperienza di quanti operano invece da diversi anni. Tutti, però, hanno uno scopo comune che è quello di tradurre in modo pratico e concreto il compito di portare l’amore di Dio ai poveri e agli ultimi della società. 

Ad oggi molte parrocchie delle 27 diocesi in cui è suddiviso il Vietnam promuovono con regolarità iniziative benefiche e di carità a favore dei poveri. Secondo le statistiche ufficiali, i cattolici in un Paese socialista gestiscono 635 strutture che operano nel sociale e, fra queste, 82 sono anche centri vocazionali, 144 cliniche mediche o ambulatori per fornire cure mediche di prima necessità. Aqueste si sommano 212 centri sociali dedicati ai disabili, anziani, 160 centri per aiutare studenti migranti e a sostegno delle loro famiglie, e 11 specializzate nello sviluppo delle capacità artistiche.

I settori di intervento dei gruppi parrocchiali e diocesani spaziano dall’apostolato verso le persone disabili ai gruppi di aiuto per poveri e famiglie in difficoltà, imprenditori e uomini di affari cattolici che dedicano patte del tempo per trasmettere il proprio sapere e competenze ai più giovani. E ancora, movimenti a protezione della vita, associazioni giovanili, gruppi scout, etc. 

Un altro settore in cui è attiva l’opera della Chiesa, spesso in collaborazione con personale e volontari non cattolici è quello della sanità, con medici e infermiere che dedicano parte del loro tempo a fornire cure gratuite ai bisognosi. Fra questi vi sono le comunità etniche che vivono nelle aree montagnose e isolate. 

Infine, vi è il campo dell’istruzione con istituti e scuole gestiti da suore o laici. In questo contesto la Chiesa auspica una maggiore collaborazione con le autorità, per collaborare alla soluzione dei problemi - sociali e non - che affliggono il Paese.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Giovani dell’Orissa alla Gmg: Nel segno dei nostri martiri, impariamo la misericordia
28/07/2016 14:25
Da Nang, sacerdote redentorista per l’assistenza sanitaria di 400 reduci del sud
02/05/2018 12:15
Aborti, frutto di egoismo e materialismo, male oscuro del progresso vietnamita
17/05/2012
Il lavoro sociale, occasione di amicizia tra cattolici e buddisti vietnamiti
28/05/2010
Thánh Linh: la "Comunità della carità e dei servizi sociali" ha il "suo" primo sacerdote
10/09/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”