01/04/2015, 00.00
IRAN - ONU
Invia ad un amico

Si procede un altro giorno per l’accordo sul nucleare. Russia e Iran ottimisti

I rappresentanti iraniani e dei 5+1 hanno lavorato fino a notte fonda. Qualche perplessità da Usa e Francia. Per Lavrov, oggi si dovrebbe giungere a conclusione. L’accordo definitivo a giugno.

Losanna (AsiaNews/Agenzie) – I dialoghi per un accordo sul nucleare iraniano sono stati prolungati di un giorno nella speranza di giungere a un accordo di massima. I rappresentanti dell’Iran e dei 5+1 (Usa, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania) avevano posto ieri come data di chiusura dei colloqui, che sono durati fino a stanotte, quando è stato deciso di prolungarli di un giorno.

Le grandi potenze vogliono ridurre il programma nucleare iraniano con la garanzia che esso non possa avere fini bellici; in cambio l’Iran domanda la cancellazione totale o almeno parziale delle sanzioni comminate negli anni da Usa, Europa e  Onu.

Fino a ieri il Dipartimento di Stato Usa era del parere che “si sono fatti discreti progressi”, anche se “vi sono ancora diversi temi difficili”.

Anche la Francia sembra avere difficoltà a firmare l’accordo. Ieri notte, il ministro degli esteri Laurent Fabius è volato a Parigi, forse per consultazioni.

Le difficoltà per questi due Paesi sembrano venire dall’interno. Negli Usa, una lobby filo-israeliana, che pesca fra i repubblicani e i democratici, si oppone con forza agli accordi. In Francia, la grande influenza degli Emirati arabi sulla sua economia porta Parigi a preferire il mondo arabo, penalizzando l’Iran.

Il più ottimista è il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov, il quale ha dichiarato ieri che “al livello di ministeri è stato raggiunto un accordo di principio su tutti gli aspetti chiave” e che l’assetto finale “sarà scritto nelle prossime ore, forse durante la giornata di oggi”. Per i dettagli, invece la scadenza è a fine giugno.

Cauto ottimismo anche da parte dell’Iran: il ministro degli esteri Mohammad Javad Zarif ha dichiarato che si è portato a compimento “un discreto lavoro”. “Spero – ha aggiunto - che potremo completare il lavoro mercoledì”, cioè oggi.

Dialoghi, malintesi e conflitti sul nucleare iraniano durano da almeno 12 anni.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Raggiunto l’accordo-base sul nucleare iraniano. Teheran festeggia
03/04/2015
Riprende il commercio dopo l’embargo: Mosca consegnerà missili terra-aria a Teheran
10/11/2015
Mons. Machado: l’Onu aggiorni la Convenzione sui diritti dell’infanzia
21/05/2019 12:36
I ribelli conquistano una base militare vicino a Deraa
10/06/2015
Le minoranze religiose invitate a esprimersi sulla nuova costituzione
23/02/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”