21/03/2014, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Sri Lanka: agli attivisti cattolici liberati "è vietato parlare con i media ed espatriare"

di Melani Manel Perera
Su richiesta del Dipartimento anti-terrorismo (Tid), un tribunale di Colombo ha emesso un ordine restrittivo per p. Praveen Maheshan e Ruki Fernando. Dovranno consegnare anche computer e cellulare. I due erano stati arrestati per aver chiesto di vedere un'attivista tamil arrestata. Sacerdote del Christian Solidarity Movement (Csm): "Perché il nostro Paese impedisce di praticare la propria fede?".

Colombo (AsiaNews) - Divieto assoluto di parlare con i media, di lasciare lo Sri Lanka, e l'obbligo di consegnare computer e cellulare agli agenti dell'anti-terrorismo. È quanto ordinato questa notte da una corte di Colombo a p. Praveen Maheshan e Ruki Fernando (v. foto), gli attivisti per i diritti umani rilasciati - senza accuse a loro carico - il 19 marzo scorso da un magistrato. Ad AsiaNews p Ashok Stephen, direttore del Center for Society and Religion (Csr), riferisce che i due "hanno già fatto ricorso contro questa decisione".

A richiedere tale ordine restrittivo è stato proprio il Dipartimento anti-terrorismo (Tid), che il 16 marzo scorso a Kilinochchi (nord del Paese) ha arrestato il sacerdote tamil e l'attivista singalese. I due si trovavano nella zona per chiedere informazioni su Balendran Jeyakumari, attivista per i diritti tamil arrestata insieme alla figlia 13enne, con l'accusa di "dare rifugio a un criminale".

"Quello che hanno fatto - spiega ad AsiaNews p. Sarath Iddamalgoda, membro del Csm - risponde alla loro fede e alla loro coscienza. La richiesta di visitare prigionieri, sfruttati e oppressi, e prendersi cura di loro, è sempre ispirata da Dio. Nessuna autorità può impedire la pratica della fede. Purtroppo, pochi sono abbastanza coraggiosi da farlo. Due di loro sono p. Praveen e Ruki, profeti di oggi".

Secondo p. Iddamalgoda, "la gerarchia dovrebbe discutere subito la questione con il governo [e chiedere] perché nel nostro Paese si impedisce di professare la propria fede". 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Attivisti di Colombo: Accelerare la riconciliazione. Serve l’impegno dei leader religiosi
02/02/2017 13:18
Tornano a casa 100mila profughi musulmani vittime della pulizia etnica delle Tigri
07/12/2009
Sri Lanka, liberati sacerdote e attivista per i diritti umani: "La preghiera può tutto"
19/03/2014
Società civile contro Rajapaksa: dire che i 20mila scomparsi sono morti è da ‘insensibili’
27/01/2020 13:14
Sri Lanka, al via raccolta firme per il rilascio di tutti i prigionieri politici
25/10/2016 13:02


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”