20/11/2013, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Sri Lanka: per la prima volta, sì a un’indagine (governativa) sulle violazioni ai diritti umani

di Melani Manel Perera
Lo ha annunciato la Commissione per i diritti umani, ente statale nato di recente. All’inchiesta parteciperanno esperti locali e del Commonwealth. Per il premier britannico si tratta di un provvedimento “insufficiente”, e sollecita Colombo ad accettare una commissione d’inchiesta del tutto indipendente.

Colombo (AsiaNews) - Per la prima volta, il governo dello Sri Lanka ha accettato di condurre un'indagine nazionale sulle violazioni dei diritti umani avvenute dal 2009 a oggi, con l'assistenza tecnica del segretariato del Commonwealth. Lo ha annunciato oggi la Commissione per i diritti umani (Hrcsl, Human Rights Commission of Sri Lanka). La mossa risponde alle pressioni della comunità internazionale, dopo il recente incontro dei leader del Commonwealth (Chogm). Tuttavia, il Regno Unito ha già espresso disappunto per questa decisione, riferendo di voler vedere un'inchiesta indipendente sulle presunte violenze avvenute durante la guerra civile. Anche le vittime del conflitto hanno dichiarato di "non aver fiducia" in questa indagine.

In base agli accordi presi, una delegazione del Commonwealth - che comprende rappresentanti della Divisione per i diritti umani - arriverà a Colombo il prossimo 2 dicembre. L'inchiesta avrà una durata di 18 mesi. Secondo Prathibha Mahanamahewa, direttore della Hrcsl, quest'indagine sarà del tutto indipendente proprio grazie alla presenza di esperti locali e stranieri.

Tuttavia, il primo ministro inglese David Cameron ha dichiarato che un'inchiesta portata avanti dal governo dello Sri Lanka non potrà mai essere "del tutto indipendente", perché vi parteciperanno anche militari direttamente coinvolti nelle presunte violazioni.

Anche molte vittime della guerra civile non credono nell'efficacia del provvedimento: "Non abbiamo fiducia in questa indagine nazionale perché ce ne sono stati troppi di provvedimenti simili, avviati dal governo su diverse questioni, che non hanno portato ad alcun risultato". 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Desmond Tutu: No al meeting del Commonwealth, per fermare le violazioni dello Sri Lanka
08/11/2013
Sri Lanka, la Chiesa chiede un'indagine internazionale sui crimini di guerra
04/03/2014
Vittime della guerra civile: Il governo dica dove sono i nostri familiari rapiti dall’esercito
19/11/2013
Sri Lanka, società civile: Via dal Commonwealth, per fermare le violazioni ai diritti umani
12/11/2013
Società civile contro Rajapaksa: dire che i 20mila scomparsi sono morti è da ‘insensibili’
27/01/2020 13:14


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”