22/05/2015, 00.00
TAIWAN
Invia ad un amico

Taipei, portare in scena il Vangelo “per non perderne neanche una parola”

di Xin Yage
Un gruppo di giovani della parrocchia del Sacro Cuore della capitale rappresenta su un palco i testi evangelici, per raggiungere quante più persone possibili e avvicinarle al messaggio di Gesù. Nata come esperienza ristretta, l’attività inizia a prendere piede in tutta la Chiesa locale.

Taipei (AsiaNews) – Mettere in scena le parabole di Gesù presenti nel Vangelo, raccontare la vita di Cristo attraverso una rappresentazione teatrale e coinvolgere quanti più fedeli possibile nella performance. È l’originale missione di un gruppo di giovani della parrocchia del Sacro Cuore (台北聖心堂) di Taipei, che sta riscuotendo un grande successo nella comunità cattolica di Taiwan.

È iniziato tutto lo scorso anno, in occasione degli incontri settimanali fra un gruppo di studenti e il parroco per la messa del mercoledì. A un certo punto, durante questi momenti di riflessione, qualcuno ha iniziato a dire: “Dovremmo provare a drammatizzare il Vangelo del giorno, per renderlo più comprensibile e più nostro”. C’era il desiderio di sottolineare l’importanza delle parabole di Gesù, delle storie e dei racconti della Bibbia, collegandole con i problemi affrontati dal gruppo e con le scelte personali di ognuno.

Nel gruppo della parrocchia vi sono anche due studenti di arti drammatiche che hanno subito colto l’occasione di “portare in scena”, seppur a livello di gruppo e di contesto liturgico, il racconto del giorno.

“Tutto questo – racconta Ruiqian (陳瑞芊老師), una delle due responsabili – richiede preparazione e impegno, quindi abbiamo deciso di concentrarci sulla prima messa del mese, studiando i dettagli della pagina del Vangelo prevista dalla liturgia per la prima domenica, e abbiamo cominciato a metterla in scena”. Grazie a questa iniziativa e all’entusiasmo che ha provocato, molti altri giovani si sono sentiti attratti dallo stile celebrativo e da poche decine si è arrivati presto al centinaio di presenze.

“Ovviamente – sottolinea Yuzhen (王宇珍老師), che insieme a Ruiqian guida il gruppo – c’è un gruppo ristretto che prepara la messa in scena e c’è un gruppo più ampio che invece assiste. Ma tutti sono invitati a coinvolgersi, chi vuole recitare il mese seguente può farlo presente ed è calorosamente invitato a rappresentare uno dei personaggi del giorno”.

“Da questo modo di ascoltare e drammatizzare la scena si scoprono tantissimi dettagli, messaggi e risonanze interiori che altrimenti andrebbero persi o sottovalutati” dice Matthew, uno dei più giovani “e soprattutto nessuno riesce a distrarsi. La messa in scena è molto coinvolgente”.

Cecilia Zhuang (莊小姐), che ha la passione per la scrittura creativa e la stesura di sceneggiature, conclude: “A cominciare dalla seconda settimana del mese due di noi stendono il copione per la messinscena, poi ci si confronta sui contenuti durante la riunione mensile e infine si pratica per un paio di sessioni prima della messa. Questo ci offre confidenza e autostima, ci fa riflettere sul messaggio del Vangelo e ci permettere di raggiungere altri giovani. Infatti abbiamo ricevuto diversi inviti dalle parrocchie del centro e del sud dell’isola per diffondere lo stile e il progetto”.

L’arcivescovo di Taipei e gli altri vescovi di Taiwan non vogliono far passare inosservata questa pratica. Per questa ragione il gruppo del Sacro Cuore offrirà dei giorni di formazione e approfondimento durante gli incontri per giovani della prossima estate.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Il “Vangelo in Bunraku”, annunciare Cristo con le marionette giapponesi
06/02/2008
Vescovo di Tashkent: La misericordia di Dio tocca anche il cuore dei bambini
12/07/2016 12:36
Papa: Il Cuore trafitto di Cristo infiammi il cuore di ogni presbitero
19/06/2009
Bangkok, p. Daniele Mazza: ‘Cristo, l’incontro che cambia la vita’ dei catecumeni thai
11/10/2017 08:13


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”