11/08/2009, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Tamil Nadu, dalit cristiani “riconvertiti” all’induismo. Per motivi economici

di Nirmala Carvalho
La cerimonia celebrata da membri del movimento fondamentalista Vhp. Il ritorno alla religione indù, in realtà, è motivato dalla discriminazione subita dai dalit cristiani, che non ricevono incentivi per lo sviluppo.
New Delhi (AsiaNews) – Più di 200 dalit cristiani di un villaggio vicino a Dindigul – nel Tamil Nadu – sono stati “riconvertiti” alla religione indù in una cerimonia organizzata dal Viswa Hindu Parishad (Vhp). Lo affermano fonti vicine al movimento estremista Vhp, che riferiscono di una funzione che si è tenuta ieri a Tamaraikulam. Alla base del ritorno alla religione indù – in passato i dalit avevano abbracciato il cristianesimo – vi sarebbe “l’emarginazione” subita nella comunità cristiana.
 
In realtà, il ritorno alla religione indù è giustificata da ragioni di carattere economico e sociale che vengono legittimati dalle leggi indiane. Padre Cosmon Arokiaraj, della Conferenza episcopale in India, spiega ad AsiaNews che “è lo stesso Stato [del Tamil Nadu] a sostenere le discriminazioni perpetrate dal Vhp contro i dalit cristiani” come stabilito in una legge costituzionale che “impedisce ai cittadini di ricevere i benefici economici”.
 
Il terzo paragrafo della Costitution Order 1950 – che tratta di caste – meglio noto come “disposizione presidenziale”, stabilisce che “nessuno fra quanti professano una religione diversa dall’induismo può appartenere a una casta”. Restringendo i benefici a una particolare religione, la normativa, che appare fin da subito discriminatoria, ha diviso “l’intera comunità dalit in base alla religione professata”. Il sacerdote sottolinea che “il collegamento a una casta o a una religione è considerato il punto cruciale della questione”.
 
“Lo sviluppo economico e l’oppressione sociale non posso andare di pari passo” precisa p. Cosmon Arokiaraj. “Escludere una parte, i dalit, dal processo di sviluppo – continua – solo perché sono cristiani, sarà un freno al processo di sviluppo e un marchio che segna tutta la nazione”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Lenin Raghuvanshi: Le donne dalit discriminate anche quando muoiono. È una vergogna
21/02/2019 15:17
Premiata una cristiana del Tamil Nadu: lotta a favore delle donne dalit
29/09/2006
India, attivista cristiano: "I nazionalisti indù offrono solo odio"
26/01/2006
L’Andhra Pradesh approva le quote riservate anche per i dalit cristiani
08/02/2019 11:11
Vescovi indiani in festa: Finalmente la Corte suprema ascolta i cristiani dalit
14/01/2020 14:39


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”