19/05/2022, 13.13
CAMBOGIA-CINA
Invia ad un amico

Tratta dei matrimoni in Cina: sempre più donne cambogiane le vittime

Le conseguenze economiche del Covid-19 hanno fatto ulteriormente crescere il fenomeno, conseguenza della famigerata politica del figlio unico. Gli intermediari guadagnano tra i 20mila e i 40mila dollari a matrimonio. Le denunce di ragazze allettate con una promessa di lavoro e ritrovatesi spose in ambienti violenti o pericolosi.

Phnom Penh (AsiaNews) – Continua a crescere il numero di donne cambogiane vittime della tratta per essere date in sposa a uomini in Cina. A denunciarlo è un nuovo rapporto della Global Initiative Against Transnational Organized Crime (GI-TOC).

“Il numero di ragazze e donne che si spostano dalla Cambogia alla Cina per matrimoni forzati o combinati è aumentato dal 2016 e ha subito un'ulteriore impennata dall'inizio della pandemia da Covid-19 nel primo trimestre del 2020”. Pur essendo possibile che vi siamo situazioni in cui si tratta realmente di una scelta consensuale, il rapporto ha raccolto la testimonianza di un numero crescente di donne che hanno riferito di essersi trovate in ambienti violenti o pericolosi una volta in Cina.

Come in tutti i contesti di tratta, il traffico di spose verso la Cina è guidato dalla domanda, alimentata dalla famigerata politica del figlio unico rimasta in vigore in Cina fino al 2015: combinata con la pratica dell’aborto selettivo, ha creato uno squilibrio di genere in età oggi da matrimonio con una carenza di donne.

Il traffico di spose è in atto già dagli anni '80, ma ha registrato un aumento significativo a partire dal 2000, quando la prima generazione nata sotto questa politica è diventata maggiorenne. Secondo il rapporto della GI-TOC i trafficanti di spose sul mercato cinese riescono a guadagnare tra i 20mila e i 40mila dollari per ogni matrimonio. “Alcune donne - si legge nella denuncia - vengono ingannate promettendo loro un lavoro in Cina; ad altre viene detto che hanno bisogno di un certificato di matrimonio per poter accedere a lavori ben retribuiti (cosa che non avviene); altre ancora vengono ingannate e vendute da familiari, parenti e conoscenti in cambio di una somma forfettaria o della promessa di un buon matrimonio e di una vita migliore in Cina”.

Tra le numerose raccomandazioni della GI-TOC per ridurre il crimine, c'è anche quella di legalizzare le agenzie matrimoniali in Cambogia (oggi ufficialmente fuori legge ndr), in modo da poter applicare un'adeguata supervisione e regolamentazione.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sihanoukville: arrestati 14 cinesi coinvolti nelle attività illegali del China Project
14/09/2021 11:44
Aumentano le donne contrabbandate in Cina, schiave del sesso o dei mariti
03/12/2011
Karachi, la Chiesa domanda azioni concrete contro le nozze forzate
07/06/2021 13:47
Phnom Penh: arrestate 200 persone per frodi online
22/09/2021 12:53
Cina, fra i danni della legge sul figlio unico c’è anche la schiavitù sessuale
25/06/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”