24/07/2007, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Trivellazioni nel Bohol, la Chiesa lancia l’allarme ecologico

di Santosh Digal
Una serie di scavi per il rilevamento sismico potrebbero celare la ricerca di nuovi pozzi petroliferi. La diocesi denuncia la mancata consultazione dei cittadini, ricorda che si tratta di un’area protetta da “preservare anche per le generazioni future”.

Bohol (AsiaNews) – L’arcidiocesi di Bohol si è opposta con vigore alla decisione di sondare i terreni di 4 cittadine della provincia alla probabile ricerca di nuovi giacimenti petroliferi. In un documento ufficiale mons. Leonardo Medroso – arcivescovo di Bohol – esprime tutta la “costernazione” della del clero locale in riferimento ad una serie di rilevamenti sismici condotti nelle acque a largo di Panglao, Dauis, Maribojoc e Loon, a sud di Manila e che nasconderebbero la ricerca di nuovi pozzi petroliferi.

“Il mare dello stretto di Bohol – afferma nella nota l’arcivescovo – continuerà a essere un’oasi di vita per le generazioni presenti e quelle future, o si trasformerà in un insieme di acque fangose prive di vita, orribile promemoria della nostra indifferenza e irresponsabilità?”. Il prelato ha inoltre sottolineato che né il governo né l’azienda incaricata di effettuare le ispezioni si sono sentiti in dover di consultare i residenti.

Un compagnia straniera, la NorAsian Energy Ltd (NAEL), ha cominciato una serie di trivellazioni con il beneplacito del sia del Dipartimento per l’energia (DOE), sia di quello dell’Ambiente e delle risorse naturali (DENR): “A questo proposito – aggiunge mons. Medroso – vogliamo che i due dicasteri di energia e ambiente facciano chiarezza sulle rilevazioni che vengono effettuate e soprattutto sui rapporti contrattuali che vincolano la società e gli eventuali benefit per la popolazione, che deve essere coinvolta nella vicenda”.

Egli denuncia inoltre scavi e rilevamenti effettuati in una zona considerata “area marina protetta” dal governo e che è stata riclassificata secondo un “certificato di non-copertura” dal ministero dell’Ambiente: una mossa che consente tutta una serie di lavori senza che si debba sottostare alla legge che obbliga “al mantenimento dell’ecosistema nazionale”. Lavori iniziati, denuncia l’arcivescovo, senza nemmeno ascoltare il parere dei pescatori della zona. “Il pericolo più grande – conclude mons. Medroso – è che questi rilevamenti sismici nascondano un programma mirato all’estrazione del petrolio”.   

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Chiesa filippina: No al mega-impianto petrolifero, che inquina Manila e i suoi abitanti
27/11/2014
Allarme del Wwf: il “Triangolo del corallo” rischia di sparire
13/05/2009
Mar Cinese meridionale, Hanoi e Pechino ai ferri corti
26/06/2017 12:33
Manila, vescovi "felici" per la decisione dei giudici di trasferire il mega-impianto petrolifero
14/03/2015
Manila: parrocchie in prima fila nella raccolta e smaltimento di rifiuti elettronici
15/02/2014


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”