08/06/2011, 00.00
COREA DEL SUD
Invia ad un amico

Vescovi coreani: l’uomo “torni ad amare il Creato, opera di Dio”

di Joseph Yun Li-sun
Nel messaggio inviato dalla Commissione episcopale giustizia e pace in occasione della Giornata per l’ambiente 2011, i vescovi coreani ammoniscono: “Siamo troppo arroganti, dobbiamo tornare a curarci della Terra”.

Seoul (AsiaNews) - “Come Dio, che ama tutte le anime, soltanto prendendoci cura dell’ambiente abbiamo una possibilità di migliorare la nostra vita. Dobbiamo pensare ai fiumi, ai laghi e agli animali come a esseri pienamente viventi e degni della nostra più grande considerazione. Dobbiamo vivere tutti insieme senza arroganza”. È il senso del messaggio inviato dalla Commissione episcopale coreana Giustizia e pace in occasione della Giornata per l’ambiente 2011.

Il testo è firmato da mons. Mattia Ri Iong-hoon, presidente della Commissione e vescovo di Suwon, e si intitola proprio “Dobbiamo vivere insieme a tutte le creature, senza arroganza”. Nel messaggio, mons. Ri scrive: “Il principale colpevole della crisi ambientale del mondo, Corea inclusa, non è altri che l’essere umano. Noi siamo agenti colpevoli: schiavi dell’economia, dell’avarizia, dell’avidità di possesso e di edonismo. Siamo asserviti allo sviluppo indiscriminato”.

Questa accusa viene spiegata nel paragrafo successivo: “Questi fenomeni, che non sono altro che peccati, nascono dalla nostra illusione arrogante secondo la quale possiamo fare tutto e risolvere tutti i problemi. Questa è una delle molte facce della Torre di Babele. Questo è un problema che nasce dalla negazione delle nostre responsabilità: noi dovremmo essere curatori della creazione di Dio e di tutte le sue amate creature”.

Il mondo, continua, “è avvolto dal dolore. Secondo il rapporto sullo ‘Stato del futuro’ delle Nazioni Unite, il problema più pressante del villaggio globale è il cambiamento climatico. Il rapporto ci dice che la temperatura si alza e il mare aumenta per lo scioglimento dei ghiacciai. E i disastri naturali ci dicono che la situazione va peggiorando. Per salvarci dobbiamo pensare ai fiumi, ai laghi e agli animali come a esseri pienamente viventi e degni della nostra più grande considerazione”. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovo sud-coreano: "anche a tavola cultura della vita"
10/06/2005
Cattolici coreani uniti contro il Progetto dei grandi fiumi
31/03/2010
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Corea, presentato il vademecum del cattolico ecologista
19/04/2012
Giustizia e pace ai deputati cattolici: Siate missionari in Parlamento
21/04/2016 09:51


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”