28/04/2011, 00.00
LIBIA - VATICANO
Invia ad un amico

Vescovo di Tripoli: “Questa guerra è senza senso. Il governo italiano dia le dimissioni”

Su Tripoli cadono bombe a tutte le ore della notte. La popolazione disperata fugge in strada e chiede l’intervento del papa per porre fine alla guerra. Il Vicario apostolico avverte: “Se la guerra continuerà si scaveranno dei fossati incolmabili fra la popolazione con conseguenze imprevedibili”.
 Tripoli (AsiaNews) – “La guerra che sta portando avanti la Nato è senza senso. La popolazione vuole la pace. Cosa ha fatto questa gente per meritare tutto questo?”. È quanto afferma mons. Giovanni Innocenzo Martinelli, vicario apostolico di Tripoli, che definisce folle l’azione di bombardamento “mirata a distruggere obiettivi militari”. “Le bombe stanno colpendo ovunque – racconta il prelato – non ci fanno dormire e stanno provocando il panico fra la popolazione. Proprio questa notte vi sono state esplosioni a pochi chilometri dalla nostra zona”.

Mons. Martinelli dice che la situazione è disperata e invita l’occidente a interrompere le azioni di guerra. “Per le strade – racconta   si vedono donne e bambini in lacrime e in questi giorni, molte donne musulmane sono entrate in chiesa piangendo, chiedendo l’intervento del papa affinché ponga fine al conflitto. “Le bombe – afferma il prelato – non risolvono nulla, Nato e ribelli devono interrompere l’intervento militare e accettare di aprire un dialogo diplomatico con il regime”.

Il prelato critica le posizioni del governo italiano, che dopo aver appoggiato per anni Gheddafi e il suo regime ha scelto in questi giorni di partecipare alle azioni di bombardamento aereo. “Se il governo ha fatto questa scelta forse è meglio per tutti che rassegni le dimissioni – sottolinea il vescovo - Come si può affermare che tutto è normale e giusto? Se la guerra continuerà potrebbero scavarsi dei fossati incolmabili fra la popolazione libica e quella italiana, con conseguenze imprevedibili ”. (S.C.)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La popolazione di Tripoli ha paura delle bombe. Il no di Gheddafi al dialogo
23/06/2011
Vescovo di Tripoli: La Nato bombarda una chiesa copta. Vittime fra i civili
01/06/2011
Aumentano i raid Nato su Tripoli. Tre morti e oltre 150 feriti
24/05/2011
Crisi economica e sete di denaro le vere ragioni della guerra in Libia
23/05/2011
Prof. Del Boca: In questa guerra cinica Gheddafi è l’obbiettivo
13/05/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”