30/01/2015, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

West Bengal, denunciati due leader radicali indù per le "riconversioni" di cristiani e musulmani

Mamata Banerjee, chief minister dello Stato indiano, ha chiesto di indagare su Praveen Togadia, presidente del Vishwa Hindu Parishad (Vhp) e sul suo segretario generale. I militanti hanno costretto decine di famiglie tribali (12 cristiane e 7 musulmane) a convertirsi all'induismo, con l'ennesimo "ritorno a casa".

Calcutta (AsiaNews/Agenzie) - La polizia del West Bengal ha aperto un fascicolo contro Praveen Togadia, presidente nazionale del Vishwa Hindu Parishad (Vhp, gruppo radicale indù), per "incitamento all'odio". Le forze dell'ordine hanno spiccato una seconda denuncia contro Jugal Kishore, segretario generale del Vhp, accusato di "incitamento all'odio e uso della forza su persone tribali". Le indagini sono partite ieri su ordine di Mamata Banerjee, chief minister dello Stato, dopo l'ennesimo caso di "ritorno a casa", i ghar wapsi (riconversioni all'induismo).

La cerimonia di "ritorno a casa", come le chiamano i radicali indù, è avvenuta il 28 gennaio scorso nel villaggio tribale di Rampurhat (distretto di Birbhum). Circa 17 famiglie cristiane e due musulmane sono state "riconvertite" all'induismo, attraverso lo shuddhi havan (purificazione) e altri rituali. Togadia e altri leader Vhp hanno partecipato all'evento. Tuttavia, due giovani tribali presenti a programma hanno deciso di sporgere denuncia.

Dopo che la notizia si è diffusa, sono emersi altri casi di ghar wapsi condotti, nelle ultime settimane, lungo il confine tra West Bengal e Jharkhand.

Tra questi, una nuova denuncia sporta dai missionari della Società Don Bosco che operano a Baropahari (Jharkhand). Secondo p. Agapit Minj, almeno 15 famiglie cristiane sono state "riconvertite" dal Vhp.

La chiesa Don Bosco di Baropahari è l'unica cattolica che opera tra la popolazione tribale della zona, sparsa in 73 villaggi. Secondo i dati della chiesa, almeno 164 famiglie si sono convertite al cristianesimo negli ultimi due anni. "Noi non battezziamo le persone come fanno loro - spiega P. Minj all'Indian Express - chiediamo loro di iniziare a venire in chiesa, e di mandare i loro bambini a scuola e agli ostelli. Se le persone sono spiritualmente e mentalmente convinte di abbracciare il cristianesimo, allora li battezziamo".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rinviate, ma non cancellate, le "riconversioni di Natale" dei radicali indù
18/12/2014
Vescovo indiano: Le "riconversioni" sono uno schiaffo alla democrazia e alla dignità umana
15/12/2014
Sajan K George: 98 tribali cristiani riconvertiti all’induismo ‘con la forza’
05/02/2019 08:56
Radicali nazionalisti rivendicano: 98 tribali cristiani ‘riconvertiti all’induismo’
23/01/2019 09:08
Vescovi indiani al governo: No alla "zafferanizzazione", sì alla laicità
22/01/2015


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”