25/01/2023, 12.17
CINA
Invia ad un amico

Wuhan celebra il Capodanno lunare: crisantemi nelle strade ricordano i morti per Covid

di John Ai

Primi festeggiamenti in tre anni, dopo il ritiro delle misure zero-Covid. Le famiglie si riuniscono e i trasporti sono affollati. Il numero di infezioni è ancora alto. Ospedali e pompe funebri sovraccarichi. Le autorità hanno spostato l'attenzione sulla crescita economica. Rafforzata la censura online.

 

Roma (AsiaNews) – La sua famiglia si è recata al tempio di Baotong il primo giorno del nuovo anno lunare per augurare fortuna e felicità: il 22 gennaio il luogo sacro era pieno di gente. Lo racconta ad AsiaNews un abitante di Wuhan, spiegando che dopo il ritiro delle restrizioni anti-Covid ai primi di dicembre la vita è tornata alla normalità, con la gente più rilassata e desiderosa di celebrare la festa. Egli ha confermato che in città molte persone sono morte durante la pandemia: "La vigilia del Capodanno lunare, il crisantemo [usato per commemorare i defunti] era venduto ovunque nelle strade".

Nella capitale dell’Hubei, dove il virus è apparso per la prima volta tre anni fa, la gente ha acceso i fuochi d'artificio per salutare il nuovo anno. Molte persone hanno offerto mazzi di fiori e bruciato incenso come tradizione per commemorare i membri della famiglia deceduti per il Covid-19.

La Cina ha passato il primo Capodanno lunare senza isolamento e lockdown dallo scoppio dell’epidemia tre anni fa. Milioni di cinesi sono tornati nelle loro città d'origine per riunirsi con le famiglie e i trasporti pubblici sono affollati come prima della pandemia.

Wu Zunyou, capo epidemiologo del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha dichiarato che circa l'80% della popolazione è stata infettata dal Covid. Egli ha spiegato che la Cina ha superato il picco d’infezioni e che queste stanno diminuendo.

Egli ha ammesso che i massicci spostamenti durante le festività aumenteranno i contagi, ma la possibilità di una seconda ondata dell'epidemia nei prossimi due o tre mesi è ancora bassa. I media ufficiali cinesi affermano che il numero di pazienti in condizioni critiche è in calo, ma negli ospedali la situazione è ancora pesante.

Sembra che le autorità abbiano adottato la tattica di far sì che il maggior numero possibile di persone venisse infettato per ottenere prima l'immunità di gregge, al fine di far ripartire l'economia. I vertici nazionali hanno annunciato di voler rilanciare la crescita dopo tre anni di politica zero-Covid. Il Pil cinese è cresciuto del 3% nel 2022, inferiore all'obiettivo del 5,5% fissato dalle autorità all'inizio dello scorso anno. Liu He, vice premier in uscita, ha dichiarato al Forum di Davos che la Cina sta tornando e che è aperta agli scambi.

Secondo Bloomberg, gli investimenti diretti esteri in Cina sono calati del 29% a dicembre, dopo un crollo del 33% il mese prima: nel febbraio 2020, quando Wuhan ha annunciato il primo lockdown, il calo era del 26%. Con ogni probabilità le imprese straniere stanno perdendo fiducia e sicurezza, e ci vorrà ancora tempo per ripristinarle.

Il numero di decessi per Covid è un argomento delicato per le autorità. Di solito, per i morti dopo le riaperture, il motivo del decesso sul certificato di morte non è l'infezione da coronavirus. All'inizio, le autorità cinesi hanno affermato che solo decine di persone sono morte a causa del Covid, ma in seguito hanno dichiarato circa 60mila decessi negli ospedali. Il numero non include però i morti in casa.

Gli esperti medici avvertono che il virus può diffondersi nelle zone rurali, dove il sistema sanitario è debole, e costituisce una minaccia maggiore per i gruppi di anziani vulnerabili.

Osservando la saturazione del sistema sanitario, il numero di vittime è molto più alto di quello annunciato in via ufficiale. Airfinity, fornitore di servizi di intelligence e analisi sanitaria con sede nel Regno Unito, ha stimato 674mila decessi fino al 19 gennaio. A dicembre, la rivista Science aveva stimato che oltre un milione di persone sarebbero morte a causa del Covid nei mesi successivi.

Rapporti e video online mostrano poi che le pompe funebri sono sovraccariche e i corpi si accumulano per essere cremati; il prezzo della cremazione è salito alle stelle. La Reuters ha riportato che molte agenzie funebri stanno lavorando al massimo della capacità e acquistano sacchi per cadaveri, forni per la cremazione e frigoriferi.   

Le autorità hanno rafforzato la censura online prima del nuovo anno lunare. L'organo di vigilanza cinese su Internet ha annunciato di voler reprimere le "false informazioni" sulla pandemia e i discorsi che rendono "l'umore cupo" durante le festività. Si tratta di uno sforzo del governo per smorzare il panico sociale legato a infezioni e decessi.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tibet: più di 220mila anziani potrebbero morire di Covid-19
21/01/2023 08:51
Covid e divieti olimpici deprimono la spesa per il Capodanno lunare
07/02/2022 11:31
Addio Anno della Pecora, pieno di conflitti e persecuzioni
21/01/2004
Torna lo spettro dell'aviaria in Cina: terza vittima nel 2009
20/01/2009
Muore un dottore a Wuhan. Crescono gli infetti in Cina e nel mondo
25/01/2020 08:30


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”