Olimpiadi, nuovo incontro fra le due Coree. Cresce il consenso fra i sudcoreani

Si prepara la partecipazione di Pyongyang alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang. Il 20 ci sarà la riunione con il Comitato olimpico internazionale. Molti gli aspetti logistici da analizzare. Dal 9 gennaio, il 64% dei commenti online nei siti sudcoreani sono positivi.


Seoul (AsiaNews/Agenzie) –Oggi, la Corea del Nord ha proposto un secondo incontro con la Corea del Sud per discutere i dettagli della propria partecipazione alle Olimpiadi invernali di PyeongChang, previste per il 9-25 febbraio. La linea di comunicazione è stata ripresa dopo due anni di tensioni, iniziata con l’apertura del leader nordcoreano Kim Jong-un a inizio anno.

Le due delegazioni dovrebbero riunirsi fra due giorni nel lato sud di Panmunjon, villaggio situato nell’area demilitarizzata, al confine fra le due Coree.

Seoul aveva già sostenuto che i due Paesi avrebbe dovuto incontrarsi prima della riunione delle due delegazioni con il Comitato olimpico internazionale (Ioc), previsto per il prossimo 20 gennaio a Losanna (Svizzera).

Seoul è d’accordo nel fornire il sostegno necessario alla delegazione del Nord. Le autorità della Corea del Sud hanno proposto che le due Coree marcino insieme alla cerimonia di apertura e formino una squadra congiunta di hockey sul ghiaccio femminile. La Corea del Nord sembra considerare con occhio “positivo” la prima proposta, mentre la seconda è sotto il vaglio dello Ioc.

Fra gli aspetti logistici da discutere vi sono l’alloggio della delegazione e il metodo d’arrivo della delegazione. Quest’ultimo potrebbe incontrare difficoltà per le presenti sanzioni imposte dalla comunità internazionale a Pyongyang a causa dei suoi test missilistici.  Per tale embargo nessuna imbarcazione partita dalla Corea del Nord negli ultimi 12 mesi può raggiungere le coste del Sud; è quindi probabile che i nordcoreani viaggeranno via terra. Un altro aspetto delicato sarà la possibile presenza nella delegazione inviata da Pyongyang ai Giochi di personalità inserite nella “lista nera” dell’Onu e di Seoul.

Al di là delle possibili soluzioni per le questioni logistiche, i dialoghi hanno già portato al risultato di ottenere il consenso dell’opinione pubblica sudcoreana. Secondo un’analisi condotta da Daumsoft, il 54% di diversi milioni di post pubblicati fra il 1 dicembre e il 9 gennaio era critico nei confronti della partecipazione della Corea del Nord. Essi spaziavano fra commenti preoccupati a opposizioni “alla partecipazione stessa della Corea del Nord”. Il trend è cambiato di netto dopo il 9 gennaio: il 64% dei post esprime un atteggiamento positivo alla presenza nordcoreana alle Olimpiadi. La parola più volte ripetuta in questi post è “welcome”.

COREA_-_0115_-_Dialoghi_1.jpg