Il Comitato centrale del Partito prepara gli ultimi ritocchi per il Congresso e le lodi per Xi Jinping
di Wang Zhicheng

Si limano la relazione del lavoro svolto in cinque anni, l’emendamento alla Costituzione per inserire il pensiero di Xi Jinping; una relazione sulle ispezioni disciplinari. Pubblicati i successi economici della Cina in questi cinque anni.


Pechino (AsiaNews) - Questa mattina si è aperta la Settima sessione plenaria del 18mo Comitato centrale del Partito comunista cinese (Ccpcc). Esso dovrebbe dare gli ultimi ritocchi a discorsi, relazioni e scelte che verranno presentate durante l’imminente 19mo Congresso nazionale del Partito, in programma per il 18 ottobre.

Secondo la Xinhua, il Ccpcc discuterà la bozza di una relazione sul lavoro svolto in questi cinque anni, una bozza per il cambiamento della Costituzione del Partito, una relazione della Commissione per le ispezioni disciplinari.

L’agenzia statale comunica che le bozze raccolgono “opinioni” di “certi gruppi di persone” e “opinioni e suggerimenti” di nuovi delegati al 19mo Congresso. Esso dovrebbe celebrare il modo in cui la Cina sta raggiungendo “una moderatamente prospera società” e uno “sviluppo socialista con caratteristiche cinesi”.

Con enfasi, Xinhua afferma che il Congresso “riassumerà il progresso storico e le preziose esperienze nel mantenere e far avanzare il socialismo con caratteristiche cinesi acquisite sotto la leadership del Ccpcc con Xi Jinping come suo cuore, unendo e guidando il popolo [formato] da tutti i gruppi etnici”.

Xinhua aggiunge che il Congresso “esaminerà l’attuale situazione internazionale e nazionale e traccerà le piste e le politiche per rispondere all’urgenza dei tempi”.

Al di là di tutto, gli occhi di tutti sono puntati su quanto potere potrà contare Xi Jinping.

Nell’ottobre scorso, il Partito ha definito Xi “il cuore” della leadership, potenziando la sua posizione. Con ogni probabilità la Costituzione sarà emendata per inserire qualche riferimento al pensiero di Xi Jinping, come principio-guida. Ciò metterà Xi alla pari con gli altri leader del passato: Mao Zedong, Deng Xiaoping, Jiang Zemin, Hu Jintao.

In preparazione al Congresso, l’Ufficio nazionale di statistica ha pubblicato ieri una serie di “successi” conquistati dalla Cina (e da Xi) dal 18mo Congresso ad oggi: una crescita media del Pil del 7,2%; la creazione di oltre 13 milioni di posti di lavoro all’anno; spese per ricerca e sviluppo cresciute del 52,2%; inquinamento diminuito del 6%; aumento del 7,3% annuo dei redditi; povertà ridotta del 50%.

China-_Xi_glory.jpg