14 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 25/09/2017, 16.34

    CINA

    Che cos’è il Xi Jinping-pensiero?

    Willy Wo-Lap Lam

    Al prossimo Congresso, nella costituzione del Partito si inserirà il pensiero di Xi Jinping, alla stregua di quello di Mao Zedong. Ma tale pensiero sembra solo fatto di retorica, nazionalismo, enfasi sulla grandezza della Cina. Il tanto decantato contributo di Xi al comunismo in stile cinese tende a fermare le riforme per mantenere il potere nelle mani del partito e nelle sue. Mao tendeva al futuro; Xi cerca di mantenere lo status quo. Per gentile concessione della Jamestown Foundation. (Traduzione italiana a cura di AsiaNews).

    Hong Kong (AsiaNews) - Prima del 19mo Congresso del Partito comunista cinese (Pcc), con inizio al 18 ottobre, l’attenzione dei media si è focalizzata sui cambiamenti di personale agli alti livelli. La selezione del nuovo gruppi di leader per la Cina è importante, ma ad avere un forte impatto sullo sviluppo politico del Partito e della nazione sarà, come annunciato di recente, l’inserimento nella Costituzione del Partito delle filosofie politiche dell’attuale segretario generale del Pcc, Xi Jinping - il Xi Jinping-pensiero(习近平思想) (Xinhua, 18 settembre).

    Dalla fine del 2016, il presidente Xi, che è anche presidente della Commissione centrale militare del Partito, si è dato il titolo di “cuore della leadership” del Partito e “comandante supremo ”(最高统)” delle forze militari della nazione. La promozione dello Xi-pensiero come principio guida ufficiale del Partito e dello Stato segnerà un’altra importante tappa nell’inarrestabile autocelebrazione dell’agenda del presidente (Radio Free Asia, 17 agosto; HKO1.com, 15 luglio).

    L’elevazione dello Xi-pensiero a dogma del partito e dello Stato trova resistenze, rese evidenti nel comunicato dell’incontro del Politburo lo scorso 31 agosto. A quell’incontro, presieduto dal segretario generale Xi, si è detto che il Partito avrebbe rispettato e seguito “l’essenza della serie di importanti sottolineature del segretario generale Xi e i nuovi concetti di governo, pensieri e strategie delle autorità centrali del Partito (中央党)”. In precedenti occasioni, i portavoce del Partito hanno spesso attribuito a Xi, “cuore della leadership), “concetti di governo, pensieri e strategie”. Sottolineando che questi concetti, pensieri e strategie sono quelli delle “autorità centrali del partito”, il Politburo sembra pendere verso una decisione presa in modo collettivo, piuttosto che verso un personale contributo del capo supremo Xi (BBC Chinese, 1 settembre; Apple Daily [Hong Kong], 1 settembre).

    In ogni modo, è importante notare che cambiamenti in personale e in dogmi sono sempre possibili fino a una o due settimane dall’inizio del Congresso. Il Xi Jinping-pensiero è stato citato ufficialmente o non ufficialmente da alcuni alti papaveri protetti da Xi, quali il membro del Politburo e direttore dell’ufficio generale del Comitato centrale Li Zhanshu (栗战书), come pure da Cai Qi (蔡奇), fresco di nomina a segretario del Partito a Pechino.

    Inoltre, l’autorevole rivista “Ricerche nella costruzione del Partito (党建研究)” ha dichiarato in luglio che le innovazioni ideologiche e politiche del partito, presenti dal 2012, possono essere riassunte come Xi Jinping-pensiero (Ming Pao [Hong Kong], August 5; Beijing Daily, 4 agosto; HK01.com, 15 luglio). Altrettanto importante è il fatto che Xi abbia riaffermato la sua formidabile presa di potere palsmando un rimpasto ai livelli più alti dell’esercito per la liberazione del popolo. Lo scorso agosto, egli ha installato protetti e alleati, i generali Li Zuocheng, Han Weiguo, Miao Hua, Ding Laihang rispettivamente come capo del dipartimento dei capi congiunti; comandante delle forze di terra; direttore del dipartimento di lavoro politico; comandante delle forze aeree. Xi ha anche licenziato due alti generali promessi dal suo predecessore, l’ex presidente Hu Jintao. Il mese scorso, l’ex capo del dipartimento dello staff generale Fang Fenghui e il direttore del dipartimento generale politico Zhang Yang sono stati messi sotto inchiesta per accuse di violazioni disciplinari (Ming Pao, 2 settembre; SingTao Daily [Hong Kong], 1 settembre; South China Morning Post, 23 agosto).

    Per un “cuore di leader” che sembra aver tolto ogni freno per consolidare il suo potere, l’inserimento del Xi Jinping-pensiero nella costituzione del Pcc è un obiettivo a lungo accarezzato. Nei 96 anni di storia per Pcc, le frasi e gli aforismi dei leader, da Mao Zedong e Zhou Enlai, fino a Deng Xiaoping e Jiang Zemin sono stati sempre elogiati dai media statali come “grandi brillanti, monumentali” contributi al dogma ufficiale, e come principi guida del futuro del Partito. Eppure, soltanto le idee e i pronunciamenti di Mao sono stati raccolti come Mao Zedong-pensiero, messo affianco al marxismo-leninismo. Sebbene Deng, il Grande architetto delle riforme, ha meritato grande credito per il “miracolo economico cinese”, i suoi detti sono stati definiti come una Deng Xiaoping-teoria. Nel gergo del Partito, “teoria” è perlomeno un grado al di sotto di “pensiero”, come autorevolezza e peso.

    E sebbene le innovazioni teoretiche del presidente Jiang, specie l’ammissione di businessmen privati nel Partito, vengono definiti nella carta del Partito come “l’importante pensiero delle ‘ Tre rappresentanze’, il nome di Jiang non appare nel documento. Le “Tre rappresentanze” sono state così considerate come un prodotto della leadership collettiva sotto Jiang. La politica di governo dell’ex presidente Hu Jintao viene citata nella costituzione del Pcc come “uno sguardo scientifico sullo sviluppo”, ma il suo nome è omesso. Significante è anche il fatto che mentre i contributi teorici dei vari leader sono inseriti nella carta del Pcc solo dopo il loro ritiro, al Xi Jinping-pensiero viene dato questo grande onore alla fine dei suoi primi cinque anni di leadership (Citizen News [Hong Kong], 23 agosto; Apple Daily [Hong Kong], 19 agosto).

    Ma cos’è esattamente il Xi Jinping-pensiero? La sua elevazione al livello più alto dei principi guida del Partito-Stato significa una direttiva importante per la politica? Lo Xi-pensiero è un compendio di frasi e slogan che il supremo leader ha espresso da quando ha preso il potere al 18mo Congresso del Partito verso la fine del 2012. La prima summa dell’ideologia e dell’arte di governare di Xi, ad opera dei media ufficiali, “L’essenza della serie di importanti osservazioni del segretario generale Xi Jinping” [d’ora in poi “Importanti osservazioni”] offre alcuni utili approfondimenti. Al quarto Plenum del Comitato centrale, le autorità hanno dato come indicazione che i membri del Partito “attuino in profondità lo spirito delle Importanti osservazioni del segretario generale”. “Importanti osservazioni”, dicono i portavoce del Partito, abbracciano “nuovi concetti, nuove idee, e nuove strategie” in campi quali la costruzione politica, economica e sociale, la costruzione del Partito e dell’esercito, come pure il coltivare una “civiltà dell’ambiente”.

    Ma cosa esattamente c’è di nuovo? Xinhua nota che “Importanti osservazioni” comprende “un’idea forte e due punti fondamentali”. L’idea forte è il “sogno cinese” di Xi, che è una narrativa super-nazionalista sulla Cina che sta diventando una superpotenza. I “due punti fondamentali” si riferiscono allo “approfondire le riforme in modo comprensivo e mantenere la linea delle masse” ” (China.com.cn,  6 novembre 2015; People’s Daily, 17 luglio 2014). Data la mancanza di concrete riforme politiche o economiche negli ultimi cinque anni, come pure la profonda divisione fra ricchi e poveri nella popolazione, è difficile non avere l’impressione che i pubblicisti di Xi stiano solo rigurgitando vecchi slogan. Ad esempio, il Sogno cinese riguardo al “rinascimento della nazione cinese era discusso dagli intellettuali fin dai primi tentativi della Cina nell’attuare riforme di stile occidentale negli anni 1890.  “Mantenere la linea delle masse” o slogan simili come “servire il popolo” sono stati coniati da Mao negli anni del 1950 (Sichuan Daily, 25 maggio; Thepaper.com [Shanghai], 24 ottobre 2014).

    Entrando nel ruolo di un leader senza un’alta educazione formale e a cui piace parlare in toni populisti, le perle di sapienza di Xi sono spesso espressi in slogan gridati e accattivanti. Nello specifico, a Xi Dada [paparino Xi] - come è amorevolmente chiamato - piace raccogliere le sue istruzioni in criteri e obbiettivi suddivisi in quattro parti. Al sorgere del Sogno cinese e delle Importanti osservazioni, la macchina della propaganda è andata in superlavoro, elogiando le “quattro comprensività” di Xi: comprensivamente costruire una moderatamente prospera società; comprensivamente approfondire le riforme; comprensivamente governare la nazione secondo la legge; e comprensivamente governare il Partito in modo stretto. Sebbene questo slogan facile-da-ricordare sia stato lodato dal Quotidiano del popolo come “uno schema strategico per guidare il rinascimento del popolo [cinese]”, esso non porta nessuna novità nell’ideologia del Partito (Outlook Weekly, 20 agosto; People’s Daily,  8 settembre 2015).

    Invece di sostenere nuove vie e talvolta controversi obiettivi - come per Deng il revival dell’impresa privata o la decisione di Jiang di cercare una via veloce per l’accesso all’Organizzazione mondiale del commercio - Xi è più interessato in vie e modi per preservare lo “stato d governo perenne” del Partito. Il “cuore di leader” ha sottolineato di continuo l’imperativo che i quadri del partito posseggano le “Quattro autostime” (四个自信), e cioè autostima nel percorso, nella teoria, nei sistemi e nella cultura tracciati dal socialismo con caratteristiche cinesi.

    Evidentemente ispirato dal principio maoista che la qualità dei quadri e dei soldati è una questione di vita o di morte per il Partito, Xi esige che gli ufficiali siano quadri con Quattro qualità di ferro    (‘四铁’干部) (People’s Daily, 26 settembre 2016;; CCP News Net, 14 dicembre 2015). Ciò significa che la loro fede e credo [nel socialismo con stile cinese] deve essere duro come ferro; essi devono seguire una disciplina di ferro e un senso di responsabilità incrollabile come il ferro.

    In aggiunta alla campagna anti-corruzione, Xi ha lanciato una crociata ideologica contro i “Quattro venti cattivi”, o stili di vita aberranti fra i rappresentanti ufficiali. Ciò è un riferimento a combattere il formalismo, il burocraticismo, l’edonismo e uno stile di vita decadente (Xinhua, 9 settembre 2016; People’s Daily, 3 maggio 2013).

    Uno degli ultimi editti di Xi per rafforzare il Partito e la nazione, è descritto dai portavoce ufficiali le “Quattro grandezze” (四个伟大). Ciò si riferisce a “ingaggiare grandi lotte, costruire grandi progetti, promuovere grandi imprese e realizzare grandi sogni”. Mentre l’attenzione ai grandi progetti, alle imprese e ai sogni è piuttosto banale, “ingaggiare grandi lotte” ricorda un famoso detto di Mao, che dice “è molto divertente lottare contro il cielo, lottare contro la terra, e lottare contro gli esseri umani”. Per Han Qingxiang, professore alla Scuola centrale del Partito, “le Quattro grandezze sono un’innovazione teoretica fra le più importanti nella critica congiuntura storica di sviluppare una nazione moderatamente prospera e per lanciare un grande balzo in avanti verso la modernizzazione socialista [della Cina]” (Nanfang Ribao, 21 agosto; People’s Daily, 28 luglio).

    Per un gruppo di propagandisti che usano lo pseudonimo collettivo di “Note sullo studio di Xi” (学习笔记), “ingaggiare le lotte” non è altro che la quintessenza della visione mondiale del supremo leader riguardo al Partito e agli affari internazionali. Così, Xi ha elevato il livello morale dei rappresentanti ufficiali mediante le sue operazioni anti-corruzione e attraverso movimenti politici che consistono nelle “lotte ideologiche” fra i quadri più anziani. E in un’altra genuflessione davanti a Mao, il “cuore della leadership” vuole anche impegnarsi in lotte contro i colonialisti e gli imperialisti, come pure contro il protezionismo nel commercio. Altrettanto significativo, l’amministrazione di Xi è impegnata a lottare contro il separatismo, che comprende movimenti pro-indipendenza a Taiwan, Hong Kong, in Tibet e Xinjiang (Qiushi [Beijing], August 17).

    L’enfasi sulle “grandi lotte” - o come Xi stesso dice “brandire la spada” - può significare che l’amministrazione del Pcc  potrebbe adottare tattiche più aggressive di fronte ai disaccordi con gli Stati Uniti, il Giappone e i membri dell’Asean che hanno dispute territoriali con la Cina. Inoltre, la nuova enfasi sul combattere “il separatismo di Hong Kong”, citato per la prima volta da Xi, quando ha visitato la Regione ad amministrazione speciale lo scorso 1° luglio, per marcare i 20 anni dal ritorno sotto la sovranità della Cina, potrebbe significare che Pechino voglia raddoppiare gli sforzi per soffocare il dissenso ad Hong Kong (Post852.com [Hong Kong], 24 agosto; South China Morning Post, 11 novembre 2016).

    In generale non ci si attende che l’elevazione del Xi Jinping-pensiero a dogma di Stato ufficiale porterà auspici per riforme politiche economiche e sociali. Il culto della personalità costruito attorno al “cuore della leadership”, come pure l’enfasi sulla purità ideologica fra i quadri vanno contro i principi fondamentali di Deng Xiaoping. Dopo aver assorbito la lezione della Rivoluzione culturale, nei primi anni 1980, il Grande architetto delle riforme, ha insistito che il Partito e la nazione fossero governati da una leadership collettiva, e che le minuziose riflessioni ideologiche dovrebbero mettersi in seconda fila rispetto alla costruzione economica. Invece, Xi ha ripetuto che “il lavoro ideologico e di pensiero” - con riferimento alle campagne ideologiche di lavaggio del cervello sullo stile di Mao -  è “un importantissimo compito del Partito” (BBC Chinese, 27 giugno 2014; People’s Daily, 21 agosto 2013).

    Ancora più inquietante per i riformatori è l’avvertimento di Xi contro “errori sovversivi” in campo politico ed economico. Questo si riferisce alla liberalizzazione in stile Gorbacev, che potrebbe concludersi indebolendo il potere del Partito comunista. La paura che una troppo spinta politica riformista porterebbe il Partito alle sue dimissioni è sottintesa nella famosa “Teoria del Titanic” di Xi-Dada. Nel 2013 Xi ha detto che una nazione grande come la Cina potrebbe essere paragonata al Titanic: “se il Titanic affonda davvero, affonderà proprio così”. In un’altra occasione, Xi e i suoi consiglieri erano in pena a sottolineare che per quanto una nuova idea o politica possa essere efficace o perspicace, non può essere adottata se è provato che essa è a detrimento del monopolio del potere del Partito. “Se il nostro Partito diviene debole, sbriciolato e [se succedesse] perfino spezzato, che cosa farà fare la buona politica?” ha chiesto Xi (Southern Weekend, 4 dicembre 2015; Jinghua Times, 9 ottobre 2014).

    Forse, la più grande differenza fra il Mao Zedong- pensiero e lo Xi Jinping-pensiero è questa: il primo è orientato al futuro, il secondo si consuma nel preservarsi. Mao, che ha paragonato se stesso all’uomo pazzo che vuole muovere le montagne, voleva “aprire nuovi cieli e nuova terra”. È una suprema ironia che, sebbene la Cina sia emersa come una quasi superpotenza sputafuoco, l’ossessione di Xi è di preservare lo status del Pcc come “partito del governo perenne”, come pure il suo status di leader indiscusso. Uno dei discorsi più significativi di Xi è stato nel 2008, un anno dopo la sua inattesa entrata nel Comitato permanente del Politburo. L’erede apparente disse a una classe di laureandi della Scuola centrale del Partito, di cui egli era presidente, che lo statu di governo del Pcc non può considerarsi assodato. E sulla volatilità del potere, Xi disse: “Qualunque cosa abbiamo posseduto in passato, potremmo no possederla più oggi; e qualunque cosa noi abbiamo oggi, non significa che potremo averla per sempre” (Southern Metropolitan Daily, 9 settembre 2008). Invece di accelerare le riforme in atto, il Xi Jinping-pensiero potrà servire come quadro razionale per il Partito di mantenere le sue radici leniniste, e per il suo supremo leader di stringere di più la sua presa di potere. Così, mentre l’inserimento del Xi-pensiero nella carta del Pcc testimonia l’espansione del suo potere, esso mostra in modo molto significativo l’essenziale natura conservatrice del governo dell’uomo forte.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/10/2017 14:56:00 CINA
    Il Comitato centrale del Partito prepara gli ultimi ritocchi per il Congresso e le lodi per Xi Jinping

    Si limano la relazione del lavoro svolto in cinque anni, l’emendamento alla Costituzione per inserire il pensiero di Xi Jinping; una relazione sulle ispezioni disciplinari. Pubblicati i successi economici della Cina in questi cinque anni.



    28/10/2016 09:04:00 CINA
    Al Plenum del Partito, Xi Jinping incoronato “cuore” della leadership

    Con questo titolo egli viene ad avere un potere assoluto. Il prossimo Congresso del Partito sarà nella seconda metà del 2017. Si prevede un ricambio di molti seggi anche nel Politburo. Nessun membro è al di sopra della disciplina del Partito.



    25/10/2017 09:03:00 CINA
    Un nuovo Politburo senza un chiaro successore per Xi Jinping

    Presentate oggi le personalità del Comitato permanente del Politburo: oltre a Xi e Li Keqiang, vi sono Li Zhanshu, Wang Yang, Wang Huning, Zhao Leji, Han Zheng. Molti sono stretti alleati di Xi; altri rispondono alla “cricca di Shanghai” di Jiang Zemin e alla Lega giovanile comunista di Hu Jintao. Nessun membro della Sesta generazione.



    02/11/2013 CINA
    Bao Tong: Il terzo Plenum comunista, momento di svolta (improbabile) per la Cina
    La storia cinese insegna che il primo incontro plenario della nuova leadership è convocato per assistere alla transizione del potere; il secondo serve per il passaggio di consegne mentre è nel terzo che si scoprono le carte dei nuovi padroni del Paese. Ma gli arresti continui contro i dissidenti e i feroci abusi ai diritti umani della popolazione non lasciano grandi speranze per la leadership di Xi Jinping.

    20/10/2017 14:58:00 CINA
    Gli applausi per Xi Jinping, ‘salvatore della Cina’ e (forse) del mondo

    Un gioco della Tencent per chi applaude di più al video del discorso di Xi al Congresso del Partito. Gli elogi pubblici dei quadri. Gli auguri dai Paesi del mondo interessati alla “Belt and Road Initiative”.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®