10/05/2017, 22.22
梵蒂冈-孟加拉
發送給朋友

德罗萨里奥枢机:教宗方济各是“孟加拉人民灵魂的朝圣者”

教宗将于今年11月30日至12月2日访问孟加拉。这是继若望保禄二世1986年访问孟加拉以来的首次教宗牧灵访问。这既是国事访问,也是对基督信众和穆斯林的牧灵访问。促进不同宗教团体间的对话。在此刊发亚洲新闻对达卡教区总主教的专访全文。

达卡(亚洲新闻)— 教宗方济各将“到孟加拉人民中间来”的消息对所有人来说都是“带来极度喜悦的源泉”。达卡教区总主教、孟加拉国历史上的第一位红衣主教帕特里克·德罗萨里奥(Patrick D’Rozario)枢机在接受亚洲新闻的专访时这样说道。他评论的是教宗将于今年11月30日至12月2日牧灵访问孟加拉首都达卡。德罗萨里奥枢机强调,教宗的访问“是天主的赐福”。他的旅程就像是“去向人民灵魂的朝圣者”。

德罗萨里奥枢机说,对孟加拉的民众来说,这次访问是一次让他们真正“体验”教宗的机会。在访谈中,枢机多次强调了民众与教宗“直接接触”的方面。在访问中,民众有机会用手去触摸教宗、接近他的身边、站在他所站立的同一块地上。跟教宗直接体验的意愿回应了民众急切的需要,“基督的小小的羊群”需要一位圣徒在他们中间,他是天主在世间的代表。正因如此,人民对教宗方济各来达卡访问的消息是如此的欣喜若狂,这一决定是践行他呼吁到全世界“郊区”去的意愿。

谈到最近几周的时政热点,即关于缅甸罗兴亚人穆斯林的遭遇和处境时,德罗萨里奥枢机认为“如果教宗方济各要对此有所评论,我想他会赞赏孟加拉政府的所作所为。但我们还不知道他是否会接见难民”。

以下是德罗萨里奥枢机接受亚洲新闻专访的英文全文。

Eminenza, come ha accolto la notizia della visita di papa Francesco in Bangladesh?

Nei primi mesi del 2016 l’onorevole primo ministro [Sheikh Hasina] e la Conferenza episcopale del Bangladesh (Cbcb) hanno invitato sua santità papa Francesco a visitare il Bangladesh. La sua voglia di recarsi nel Paese era nota già un anno fa. Da allora noi eravamo in attesa dell’annuncio ufficiale, che è arrivato il 28 agosto. Alla notizia che il Santo Padre verrà in visita dal 30 novembre al 2 dicembre 2017, il popolo del Bangladesh e la comunità cristiana hanno esultato di gioia. Con un sentimento di gratitudine sincera, i cristiani e i fedeli di altre confessioni hanno accolto la sua venuta come una benedizione di Dio e un amore speciale del papa.

Dopo 31 anni dall’ultima visita di papa Giovanni Paolo II, venuto nel 1986, le persone finalmente lo avranno in mezzo a loro. Questo è fonte di estrema gioia per tutti.

Cosa rappresenta la visita per i cattolici del suo Paese?

Per la comunità cattolica del Bangladesh, la visita del papa è come un pellegrinaggio all’anima del popolo; le persone guarderanno a questo evento come ad un pellegrinaggio della sua santa e spirituale persona verso di loro. La gente lo guarderà, ascolterà le su parole, gli sarà vicino e proverà l’esperienza del suo tocco, poggerà i piedi sullo stesso terreno durante la celebrazione eucaristica.

La visita del Santo Padre è espressione della priorità che egli dà ai popoli delle periferie, e qui al piccolo gregge dei cristiani. Per i cristiani, questo viaggio è il riconoscimento della propria fede e del loro essere testimoni del Vangelo in un Paese dove la maggioranza delle persone professa altre religioni. Vivere in prima persona la visita del papa, sarà per loro come una conferma della fede, un incoraggiamento e uno stimolo a testimoniare il loro credo in futuro.

Cosa significa per l’intera popolazione?

Come capo dello Stato vaticano, la visita di papa Francesco sarà anche una visita di Stato. Bisogna ricordare con riconoscenza che i due Paesi hanno stabilito relazioni diplomatiche dopo neanche un anno dalla dichiarazione d’indipendenza del Bangladesh nel 1971. Da quel momento, tra Vaticano e Bangladesh, esistono relazioni speciali ed eccezionali che si fondano soprattutto su comuni valori umani e spirituali.

Il viaggio sarà espressione della priorità che il papa dà e dell’amore che nutre nel suo cuore. La visita sarà l’occasione per celebrare l’armonia religiosa e culturale; l’eredità dei valori umani e morali; l’amore per l’umanità che si apre a tutti senza limiti e confini; i valori evangelici e umani che i poveri della società possiedono. Ci aspettiamo che le voci di chi non ha voce possano trovare spazio presso le comunità internazionali grazie al Santo Padre.

Qual è il valore della visita del papa per i musulmani, per il dialogo interreligioso e le relazioni tra le due comunità?

Prima di tutto dobbiamo interpretare la visita del papa alla luce dell’eredità culturale, religiosa e spirituale del Bangladesh e del suo popolo. Nel nostro Paese ogni leader spirituale è rispettato e onorato da persone di tutte le fedi: musulmani, indù, buddisti e cristiani. Partendo dal presupposto che papa Francesco è accettato come leader spirituale del mondo, egli sarà accolto da persone di ogni credo, compresi i musulmani. La gente vuole vederlo, ascoltarlo, se possibile persino toccarlo e stargli vicino. Per tutti sarà una benedizione.

In secondo luogo, la maggior parte dei papi, e papa Francesco non è da meno, sono riconosciuti come una voce della coscienza per il mondo. Perciò tutta la popolazione del Bangladesh, senza distinzione di religione, vorrà ad ascoltarlo.

In terzo luogo, papa Francesco è amato dalla gente perché molte volte ha mostrato il suo amore e compassione per le vittime delle calamità umane e di quelle causate dall’uomo. Egli ha parlato a nome della giustizia e dell’umanità, che i popoli educati ancora ricordano in maniera vivida.

La visita papale sarà una celebrazione del dialogo interreligioso e delle relazioni che noi in Bangladesh già abbiamo come innate nei valori culturali, religiosi e spirituali e nell’eredità tra le persone di tutte le religioni. Questa celebrazione del rapporto tra le fedi darà conferma di ciò che siamo e del messaggio che comunicheremo al resto del mondo.

Eminenza, crede che il papa incontrerà o interverrà sulla questione dei rifugiati musulmani Rohingya, su cui lei si è già espresso?

Il tema della visita del papa di quest’anno è “Armonia e Pace”. Quindi credo che sia naturale per il Santo Padre parlare in favore dell’armonia e della pace nelle varie zone del Paese. Non so se egli interverrà in maniera esplicita o meno sull’incandescente questione dei rifugiati dal Myanmar. Egli ne ha già parlato in passato. La mia opinione personale è che se egli dovesse intervenire a riguardo, apprezzerà il ruolo del Bangladesh, perché il governo ha accolto apertamente e si è schierato dalla parte dell’umanità sofferente, così come la Chiesa locale, e sta rispondendo ai bisogni umanitari dei rifugiati. Su un eventuale incontro con i profughi dal Myanmar, non è ancora stato deciso nulla.

In conclusione, cosa si aspetta da questo viaggio apostolico?

Ci aspettiamo che la visita di papa Francesco porti ad un risveglio spirituale. Produrrà un impatto positivo nel Paese. Dal punto di vista della preparazione spirituale, sono in atto preghiere speciali; si stanno svolgendo ritiri spirituali, come individui, famiglie e comunità ecclesiastiche. Sono certo che tutto questo porterà ad un rafforzamento interno e al rinnovamento della Chiesa cattolica in Bangladesh. Il tema della visita, “Armonia e Pace”, è stato già adottato dalla Chiesa per renderne effettivo lo spirito.

Crediamo che la popolazione del nostro Paese sarà incoraggiata a lavorare con maggiore zelo per l’armonia e la pace. La missione di amore e servizio, vera identità della Chiesa, verrà ancora più diffusa grazie a questa storica visita. La coesistenza armoniosa delle persone di fede differente, la ricchezza delle nostre culture e l’ospitalità degli abitanti troveranno modo di esprimersi e di manifestarsi durante l’imminente viaggio. La nostra fede e la carità cristiana verranno rinforzate e sarà rinnovato il nostro impegno a servire il Paese e la sua popolazione.

In breve, le nostre aspettative per questo evento: conferma e riconoscimento delle buone cose che abbiamo; apprezzamento di ciò che siamo; invito a prenderci cura dei poveri e dei giovani, che sono i nostri sogni e le nostre speranze; incoraggiamento a lavorare per uno sviluppo umano integrale, ad affrontare le sfide del cambiamento climatico, ad approfondire l’armonia per creare la pace nella società. (ACF)

發送給朋友
以打印方式查看
CLOSE X
另见
伊斯兰极端势力日益嚣张,但平民百姓捍卫民主
11/02/2005
教宗的访问日程是对孟加拉国家和基督徒历史的回顾
30/11/2017 22:25
罗兴亚和边缘社区将是教宗访问达卡时聚焦的话题
28/11/2017 22:47
孟加拉国的首家天主教网上法律咨询电子报正式上线
01/11/2017 12:06
米凯莱神父来自孟加拉国的圣诞家书
16/12/2016 13:05