17 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/07/2012
CINA - VATICANO
"Scomparso" l'amministratore apostolico di Harbin, alla vigilia di un'ordinazione illecita
di Joseph
P. Giuseppe Zhao Hongchun era stato "invitato" dai membri dell'Ufficio affari religiosi e ora non si sa dove sia tenuto. I fedeli temono che egli sia stato arrestato a causa dell'ordinazione episcopale senza mandato pontificio che si celebrerà il 6 luglio. P. Zhao, della Chiesa non ufficiale, è molto impegnato nella riconciliazione della Chiesa e nella pastorale giovanile e vocazionale.

Harbin (AsiaNews) -  Dal pomeriggio del 4 luglio, p.Giuseppe Zhao Hongchun, amministratore apostolico di Harbin è scomparso, dopo essere andato a un appuntamento richiesto da personalità dell'ufficio affari religiosi.

Fonti locali hanno detto ad AsiaNews che essi pensavano fosse agli arresti domiciliari, ma invece non si conosce il luogo dove è stato portato. La sua scomparsa è legata all'imminente ordinazione episcopale illecita (senza mandato pontificio) di p. Yue Fusheng, che avverrà il 6 luglio.

P. Zhao non fa parte della Chiesa ufficiale sotto il controllo del governo. Era stato "invitato"  da personalità governative il 4 luglio pomeriggio a cena con loro. Alle 7 di sera, il suo viceparroco ha ricevuto la chiamata al telefono di p. Zhao che gli diceva di non poter tornare a casa per i prossimi giorni, perché gli ufficiali del dipartimento degli affari religiosi avevano bisogno di parlare con lui e "la conversazione sarebbe durata alcuni giorni".

Ordinato sacerdote nel 2004, p. Zhao, 39 anni, è stato nominato dalla Santa Sede  amministratore apostolico di Harbin lo scorso dicembre 2011. Egli ha lavorato come parroco di Harbin nella Chiesa sotterranea, al servizio del vescovo Wei Jingyi (v. foto, a destra. P. Zhao è  quello a sin.)

Alcune fonti hanno dichiarato ad AsiaNews che p. Zhao è stato arrestato per prevenire ogni possibile azione durante l'ordinazione illecita del 6 luglio.

In realtà,  secondo diverse fonti, p. Zhao aveva detto che egli avrebbe fatto del suo meglio per cercare riconciliazione e ricuciture alla divisione nella Chiesa. Lo scorso maggio, quando si è diffusa la voce di una possibile ordinazione illecita ad Harbin, p. Zhao ha incoraggiato i fedeli locali a pregare per p. Yue, il candidato all'ordinazione, sperando che egli avrebbe atteso con pazienza l'approvazione della Santa Sede. Inoltre, p. Zhao ha avuto un colloquio personale con p. Yue, nel tentativo di convincerlo a mettersi in contatto e comunicare con la Santa Sede sulla questione dell'ordinazione.

P. Zhao è molto attivo nella pastorale giovanile, nella formazione dei laici, nell'organizzare le classi di catechismo. Egli sta anche sviluppando l'uso dei media nella Chiesa, come pure la formazione alla vocazione religiosa. Quattro giovani sono seguiti da lui nel loro discernimento vocazionale.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/06/2012 VATICANO - CINA
Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito
di Bernardo Cervellera
11/07/2012 CINA – VATICANO
La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
di Jian Mei
11/07/2012 CINA - VATICANO
Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"
di Justina Li
10/07/2012 VATICANO - CINA
Un calcio all'Associazione patriottica: il vescovo di Shanghai profeta ed eroe
di Bernardo Cervellera
06/07/2012 CINA-VATICANO
L'ordinazione illecita ad Harbin rafforza il partito degli "scomunicati". Liberato l'amministratore apostolico fedele al papa
di Jian Mei

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate