Rubrica Mondo russo

Mondo russo
di Stefano Caprio

Secondo il capo del centro Levada, il principale istituto russo di indagine sociologica, “solo il 10% dei russi si interessa attivamente di politica, e la guerra comporta una super-politicizzazione di una minoranza a fronte della de-politicizzazione delle masse”. Mentre solo il 30% è disposto a concedere fiducia alle persone esterne alla sempre più ristretta cerchia di parenti e amici.

| 13/04/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

I riflessi dell’attentato a Mosca ombra sui proclami di vittoria in Ucraina. Un testo del Sobordella Chiesa ortodossa va oltre le motivazioni ideologiche della guerra e si spinge a difesa della “purezza” del popolo russo dai “migranti invasori”. La lotta ai “ghetti” stranieri nelle città e il “ritorno” alla suddivisione “tradizionale” tra popolazione e forze produttive sul territorio. 

| 06/04/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

La sala concerti nel centro commerciale sventrata dall'attacco dei terroristi era un simbolo della "ricostruzione" di Mosca dopo il comunismo sovietico. I russi ora hanno paura ad uscire di casa e a salire sul taxi guidato da un tagico, mentre le manifestazioni pubbliche sono sospese (quelle di Stato) o proibite (quelle “diverse”).

| 30/03/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Il terribile attacco terroristico al Krokus City Hall toglie ai russi l’illusione di vivere sotto una campana di vetro infrangibile. In una Russia che a 25 anni degli attentati della prima guerra in Cecenia e a una settimana dall'apoteosi di Putin si ritrova ancora una volta al suo anno zero.

| 25/03/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

L'esito delle elezioni presidenziali e la stessa percentuale dei votanti sono già di fatto decise mentre la gente si reca ai seggi. Il consenso al regime putiniano è stato definito dal dissidente Vladimir Kara-Murza - sepolto in un lager siberiano - soltanto un effetto “del terrore e dell’apatia”. E l’eterno zar è solo l’apparenza di un sistema che esclude l’anima umana.

| 16/03/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Naval’nyj è riuscito ancora una volta a vincere sulla repressione e con la sua morte ha portato in strada una nuova “rivoluzione dei fiori”. Portano un fiore alla piccola tomba in uno dei cimiteri più periferici e trascurati della capitale dove c'è oggi il cuore della Russia, il contraltare del mausoleo di Lenin sulla piazza Rossa, davanti al quale sfilano le armi e i cannoni.

| 09/03/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Medveded vorrebbe mandare gli žduny alla rieducazione nei lager siberiani. In Russia  gli strali contro i “traditori” non sono solo tentativi di incutere terrore nella popolazione, già da tempo assuefatta al consenso passivo. Sono appelli a “farsi avanti”, per la necessità spasmodica di individuare un nemico interno, chiunque esso sia. Perché senza nemici non esiste l’identità del potere.

| 02/03/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

La smania di inserirsi nelle lotte per il potere in tutto il mondo non è soltanto una propensione personale di Putin, ma in qualche modo un carattere tipico della natura russa, sempre bisognosa di trovare altrove la conferma della sua stessa esistenza, per non disperdersi tra i boschi e le steppe del suo territorio smisurato.

| 24/02/2024
| MONDO RUSSSO
di Stefano Caprio

Era un uomo pieno di vita e di passione, di umorismo e capacità di adattarsi alle condizioni più dure. Più che le sue idee e i suoi programmi, contava la sua anima. Con la sua fine Aleksej Naval’nyj incarna la Russia sconfitta che dimostra l’inconsistenza delle pretese di dominio e di impero. E mette a nudo la vergogna del Mondo Russo di Putin.

| 17/02/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

La Chiesa ortodossa autocefala ucraina ha tolto dal suo calendario liturgico la memoria del santo principe russo Aleksandr Nevskij, che nel XIII secolo sconfisse gli occidentali e fu precursore dell'alleanza con gli imperi asiatici. Mentre Kirill vorrebbe canonizzare i grandi generali della storia militare russa.

| 10/02/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Il 27 gennaio, Giorno della Memoria della Shoah a livello internazionale, per la Russia è anche la Memoria della fine dell’assedio di Leningrado. Così oggi l'Olocausto viene reinterpretato dai russi non più come sterminio degli ebrei, ma come crimine nazista verso diversi popoli, a cominciare appunto dai sovietici. E nella versione kirillo-putiniana Mosca viene presentata come il bastione della difesa dal “genocidio egemonico” degli occidentali.

| 03/02/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Sui media statali russi Lenin viene rappresentato come “l’inventore dell’Ucraina”, quindi il vero colpevole del conflitto in corso, contrapposto alla guida illuminata di Stalin. In realtà è Putin l’inventore di una nuova Russia mitologica, che rilegge a suo modo le storie antiche e recenti per imporre un nuovo impero. 

| 27/01/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

La festa conclusiva del ciclo natalizio, che gli ortodossi hanno celebrato in queste ore, in Russia ha volto dell'immersione nell'acqua ghiacciata come esperienza di rinascita fisica e spirituale insieme. Un rito celebrato mentre il filosofo Aleksandr Šipkov in un saggio delinea i tratti dell'"educazione ai valori morali", cuore del connubio tra religione e politica in voga oggi a Mosca.

| 20/01/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Tutte le compagnie militari private analoghe alla Wagner sono state ormai assimilate dalla nuova opričnina imperiale. Come alla fine del regno di Ivan, anche nel crepuscolo di Putin, dopo l’ultima divinizzazione delle elezioni presidenziali del prossimo mese di marzo, il vero problema sarà quanto le squadre degli uomini di forza del potere saranno in grado di mantenere tra loro un equilibrio interno.

| 13/01/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

In Russia l’osservanza del 7 gennaio come data del Natale del calendario giuliano esalta in maniera particolare quest'anno la proclamazione del patriarcato di Mosca come “unica vera Chiesa”. Ma rinascita della fede patriottica non è l’unica definizione dell’Ortodossia russa attuale. C'è anche il percorso di chi come il protoierej in esilio Andrej Kordočkin prega con le parole: "Restituiscimi mia madre".

| 06/01/2024
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

La televisione in Russia serve a “serrare le fila”, a sentirsi membri della parata militare davanti al Cremlino, che viene trasmessa in ogni occasione solenne, compresa la sera di Capodanno in vari formati, soprattutto in questi tempi di guerra.

| 30/12/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Kiev si appresta a celebrare per la prima volta in modo unitario il Natale di Cristo il 25 dicembre, evento simbolico della sua nuova identità. Ma la vera sfida per l'Ucraina è togliere a Putin il controllo del gioco, mostrando al mondo davvero il volto di un popolo nuovo, oltre ogni logica di guerra.

| 23/12/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Il 12 dicembre festeggiato il trentennale della Costituzione post-sovietica, approvata da Eltsin. Carta ricondotta da Putin al totalitarismo staliniano, pur senza imporne una nuova a suo nome. Anche nella grande revisione del 2020 (oltre 200 modifiche) resta la farsa della “Russia democratica”. Con il voto del 17 marzo il presidente intende inaugurare “l’anno zero della nuova era”. 

| 16/12/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

A Mosca molte altre personalità si fondono e si confondono con la figura del presidente per gli affari economici, militari, religiosi e sociali, ma anche per le espressioni ideologiche e culturali

| 09/12/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Convocato a Mosca nei due luoghi simbolo per eccellenza - la cattedrale di Cristo Salvatore e la sala dei congressi del Cremlino - il "Sobor" è diventato la celebrazione di un “popolo multinazionale”, che in ogni modo si oppone alla disgregazione dello Stato, e difende la sua grandezza al di là di ogni confine.

| 02/12/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Ricordata con molta passione in questi giorni in Ucraina, e con profondo astio in Russia, la “rivoluzione della dignità” ha messo in gioco non solo gli interessi geopolitici ed economici, ma soprattutto quelli più profondi, morali e spirituali prima ancora che ideologici, del popolo ucraino e delle varie frazioni del “mondo russo”.

| 25/11/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Nel Paese si rafforzano i dubbi sulla reale sussistenza del presidente, dato per morto o sostituito tanto da essere soprannominato “l’uomo del frigorifero”. Il capo supremo espressione quasi anonima e impersonale. Kirill incarna il ruolo celebrativo, ma il potere e nelle mani dell’oscuro segretario del Consiglio di sicurezza che parla dello “zar Putin” al passato.

| 18/11/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

L’ostilità verso l’Occidente solletica il lato aggressivo della natura russa, e la maggior parte della popolazione abbocca alla provocazione, soprattutto se si mettono in mezzo gli ebrei. Ma il paradosso è che proprio la Russia, per la sua storia e cultura, è inestricabilmente legata ai destini del popolo ebraico. Come mostra una parodia che circola in rete.

| 11/11/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Gli eventi drammatici del conflitto tra Gaza e Israele si stanno ripercuotendo anche in Russia, dove oggi si celebra la festa dell’Unità popolare in ricordo della vittoria sui polacchi nel 1612. All'occasione il patriarca di Mosca Kirill ha accostato San Serafino di Sarov, uno dei santi più rappresentativi dell'indentità russa, che oggi vive di una rinnovata esigenza dell’autocoscienza, la la samobynost russa tante volte rievocata anche da Putin.

| 03/11/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Il 25 ottobre il leader supremo di “tutte le Russie” ha convocato due gruppi sinodali, per affrontare e risolvere i problemi del mondo intero. La prima sessione conciliare ha riunito i responsabili militari e tecnici dell’armamentario nucleare. Subito dopo ha raggiunto la sessione dei capi religiosi, che lo hanno pazientemente atteso nelle sale più solenni del Cremlino

| 28/10/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

L'appello di Kirill a tutti i capi delle Chiese ortodosse contro il divieto della giurisdizione russa dell'ortodossia in Ucraina sancito dal parlamento di Kiev è rimasto senza risposte. Mentre di fronte all'invio del metropolita Tikhon in Crimea, sulla linea più calda del fronte, molti si chiedono se si tratti dell’ennesima punizione o di una possibile esaltazione della sua figura, a livello ecclesiastico e politico. 

| 21/10/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

La “guerra mondiale a pezzi” evocata per anni da papa Francesco si sta effettivamente sviluppando in modalità sempre più globale, e la Russia vede in questo il realizzarsi della sua “missione” nel contestare il dominio dell’Occidente “collettivo”. E tornano alla mente le parole di Solženitsyn sul rapporto tormentato tra russi ed ebrei.

| 14/10/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Il presidente ha tenuto un nuovo discorso programmatico alla plenaria del XX Club Valdaj, una delle sedi “ideologiche”. Agli “intellettuali” l’invito a costruire un “mondo nuovo”. L’evocazione dell’asse con Cina, mondo arabo e India contro l’Occidente, il cui sostegno all’Ucraina si fa incerto. La “sinodalità” (sobornost) che riassume le giustificazioni putiniane del conflitto. 

| 07/10/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

Il problema della Russia è l’incertezza della sua collocazione, in una fluidità irrisolta tra Oriente e Occidente, tra Settentrione e Mezzogiorno. Incapace di esprimere una vera unità, come risulta evidente dalle sue istituzioni, ma anche dalle diatribe tra i dissidenti sovietici e i pacifisti di oggi.

| 30/09/2023
| MONDO RUSSO
di Stefano Caprio

La malattia di Kadirov e il colpo di mano dell'azero Aliev che spazza via l'enclave armena hanno dominato la settimana. Mentre Baku fa pesare in Europa la forza acquisita a spese di Mosca nel mercato del gas, il Cremlino lascia fare accusando gli armeni di aver troppo flirtato con gli occidentali. Cercando di non perdere dopo l'Ucraina anche il Caucaso, il suo “lato mediorientale”.

| 23/09/2023
| MONDO RUSSO
In evidenza
 
In un rapporto diffuso da Chinese Human Rights Defenders le storie di bambini e ragazzi vittime della repressione dei diritti umani. Il caso limite della figlia di He Fengmei, separata dalla madre un mese dopo il parto e trattenuta in un ospedale ...
| 16/04/2024
| CINA
 
La bambina di sette anni unica ferita grave nell’attacco lanciato da Teheran contro Israele. Al momento si trova ricoverata in terapia intensiva. La casa e il villaggio non erano coperti dal sistema di difesa “Iron Dome”. Il silenzio ...
| 15/04/2024
| ISRAELE-GAZA-IRAN
 
Confermato ufficialmente dalla Santa Sede il lungo viaggio che toccherà Indonesia, Papua Nuova Guinea, Timor Est e Singapore. Il card. Goh dalla città-Stato dove buona parte della popolazione ha radici cinesi: "Ci porti rinnovato fervore ...
| 12/04/2024
| VATICANO
 
di Daniele Frison
Il vescovo ausiliare di Gerusalemme e vicario patriarcale per la Palestina commenta le proteste ad Amman. "Sono le relazioni diplomatiche oggi a permettere anche l'invio di aiuti nella Striscia". Il sostegno del Patriarcato Latino ...
| 12/04/2024
| GIORDANIA
 
di card. Anthony Poola*
L'arcivescovo di Hyderabad interviene sull'eco mediatica della dichiarazione del Dicastero per la dottrina della fede sul tema della dignità della persona. "Si parla solo di teoria del gender, cambiamento di sesso e maternità ...
| 11/04/2024
| INDIA
 
Nella cattedrale della capitale la Messa presieduta dal segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati nello storico viaggio di queste ore, l'evento più importante per la Chiesa locale dalla rottura delle relazioni diplomatiche tra Hanoi ...
| 11/04/2024
| VIETNAM
 
L'iniziativa è promossa nella chiesa di San Francesco Saverio dal Centro missionario del Pime, che fin dal 1858 con i suoi missionari è presente a Hong Kong. Un modo per non rimanere indifferenti di fronte alla nuova stretta alle libertà ...
| 06/04/2024
| HONG KONG-ITALIA
 
Custodia, un gruppo ebraico e attivisti di Tag Meir ogni giovedì alla porta di Damasco hanno offerto doni ai musulmani all’uscita da al-Aqsa. P. Pari: iniziativa in atto da tempo, ma quest’anno assume valore particolare in un quadro ...
| 06/04/2024
| TERRA SANTA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”