26/08/2013, 00.00
CINA
Invia ad un amico

'Nessuna pietà' per Bo Xilai, che accusa: Wang Lijun è stato l'amante di mia moglie Gu Kailai

di Wang Zhicheng
Il combattivo ex capo di Chongqing ammette "abusi di potere" ed è spiacente verso il Partito. Ma definisce "bugiardo" l'ex capo della polizia e suo ex braccio destro, in combutta con la moglie. Le molte rivelazioni offrono una fotografia dello squallore in cui versa tutta la leadership del Partito. Una "Dinasty" comunista.

Jinan (AsiaNews) - Al quinto giorno di processo contro l'ex capo del Partito di Chongqing, il procuratore ha chiesto oggi che non vi sia 'alcuna pietà' per Bo Xilai, accusato di tangenti, corruzione e abuso di potere. Egli - afferma l'accusa - non mostra segni di pentimento di fronte ai pesanti crimini che gli sono attribuiti.

Da parte sua Bo continua a negare di aver intascato tangenti, ma ammette di aver talvolta abusato del suo potere, un fatto - egli dice - che "intacca l'immagine del Partito e dello Stato. E di questo mi dispiace".

Ieri, quello che somiglia sempre più a una serie di "Dinasty", fatta di intrighi, violenze, inganni, passioni e adulteri, è giunto al suo massimo livello, quando Bo Xilai ha rivelato che Wang Lijun, ex capo della polizia di Chongqing e braccio destro di Bo, lo tradiva con la moglie Gu Kailai, condannata a morte per l'uccisione del faccendiere britannico Neil Heywood.

Wang è stato condannato anche lui per aver coperto l'assassinio e ha testimoniato contro Bo, affermando di essere stato picchiato da lui, dopo avergli detto che sua moglie era sospettata di omicidio. Bo ha negato di aver colpito Wang, ma lo ha definito "un bugiardo e un fraudolento". Ha ammesso che averlo trattato male ha spinto Wang a rifugiarsi nel consolato Usa di Chengdu, costringendo il Partito a prendere provvedimenti per un caso che era divenuto internazionale.

Bo ha anche precisato che la causa reale della fuga di Wang è stata la sua scoperta della relazione fra lui e sua moglie: "La reale ragione ... è che lui aveva sentimenti nascosti verso Gu Kailai. Era consumato da questi sentimenti e non poteva più controllarsi. Egli aveva anche scritto a Gu Kailai confessando [i suoi sentimenti].... Egli conosce la mia personalità. Egli ha colpito la mia famiglia, ha colpito le mie emozioni più profonde. Questa è la vera ragione della sua fuga. Wang Lijun vuole confondere le acque".

Nei giorni scorsi Bo aveva confessato di aver avuto molte relazioni extra-coniugali e a causa di questo sua moglie aveva deciso di andare a vivere all'estero, portandosi dietro il loro figlio Bo Guagua. Nel difendersi dalle accuse di tangenti, egli ha rivelato che la moglie aveva molto denaro con sé: centinaia di migliaia di euro, altrettante sterline, dollari e yuan.

A sua volta, Gu Kailai, nella sua testimonianza filmata, ha rivelato la vita spensierata del figlio Bo Guagua: macchine superveloci, vacanze e viaggi all'estero, generosi inviti per gli amici di studio, una villa in Francia con 4mila mq di giardino sulla Costa azzurra.

Il processo a Bo sta diventando - forse malgrado la volontà della leadership - una vetrina di come i membri del Partito comunista cinese gestiscono il loro potere assoluto.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Jinan, inizia il processo contro Bo Xilai. Per molti è una farsa
22/08/2013
L'ombra di Bo Xilai nel processo a Wang Lijun
20/09/2012
Bo Xilai è la quintessenza del Partito comunista cinese
28/09/2012
Pubbliche accuse contro Wang Lijun. Ancora silenzio su Bo Xilai
06/09/2012
Wang Lijun condannato a 15 anni. Forse ora tocca a Bo Xilai
24/09/2012