11 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 24/05/2012, 00.00

    CINA – VATICANO

    A maggio, stretta delle autorità cinesi sul santuario mariano di Donglu



    Una fonte cattolica di AsiaNews conferma il rafforzamento delle misure di sicurezza. Guardie controllano 24 ore su 24 gli ingressi al villaggio di uomini e mezzi. Leader laici cattolici sotto sorveglianza. Cartelloni e pannelli governativi invitano a “resistere all’infiltrazione straniera”. Ma i fedeli pregano la Madonna per l’unità della Chiesa.

    Donglu (AsiaNews) - Una fonte cattolica di AsiaNews, che ha visitato il villaggio di Donglu a maggio, racconta che dall'inizio del mese il governo ha stanziato funzionari di polizia a guardia delle entrate del paese 24 ore su 24. Ad ogni ingresso, gli agenti hanno montato delle tende, in apparenza come riparo per il giorno e la notte; essi controllano, continua la fonte, tutti i veicoli e ogni pedone che intende entrare nel villaggio. Al contempo, i funzionari hanno attaccato in ogni angolo cartelli di colore rosso (nella foto) con impressi slogan fra cui "Per una Chiesa autonoma e indipendente" e "Resistere all'infiltrazione straniera, combattere il crimine".

    La fonte di AsiaNews, anonima per motivi di sicurezza, spiega che "la Chiesa cattolica sotterranea a Donglu celebra con difficoltà riti e funzioni religiose. Le famiglie dei leader laici cattolici della comunità sotterranea sono sorvegliati giorno e notte dall'esterno; [I funzionari] registrano chiunque faccia visita a queste famiglie".

    In un punto di incontro del villaggio i poliziotti hanno eretto altre tende, con tutta probabilità per impedire riunioni o attività religiose non autorizzate. Anche in quel punto stazionano guardie 24 ore su 24.

    Joseph, un cattolico di Donglu - diocesi di Baoding, provincia dell'Hebei - racconta che i cartelli non sono affatto un'eccezione al villaggio, ma nel mese di maggio il loro numero è aumentato e i reparti preposti alla sicurezza sono molti di più rispetto al solito. Per i cattolici della diocesi di Baoding e in special modo del villaggio di Donglu, aggiunge l'uomo, è triste vedere che il luogo meta del pellegrinaggio mariano è stato distrutto. "Tuttavia, essi pregheranno nei loro cuori la Vergine Maria. I cattolici della zona - conclude - devono riflettere su come questa comunità cattolica un tempo forte, ora sia disunita e smembrata. Solidarietà e unità sono fondamentali fra i membri della Chiesa".

    Tra i primi anni '80 e il 1995, il santuario mariano del villaggio di Donglu è stato meta tradizionale di pellegrinaggio fra i fedeli del nord della Cina, in particolare il 23 e il 24 di maggio, festa di Maria Ausiliatrice. Ogni anno il villaggio ha registrato la presenza di decine di migliaia di fedeli da tutto il Paese. Il 23 maggio 1995 si sono contati almeno 50mila pellegrini al santuario di Donglu. Tuttavia, a partire dal 1996 con la stretta sulle comunità religiose sotterranee, il governo ha stanziato ingenti risorse e mezzi per impedire alle persone di compiere il pellegrinaggio a Donglu, soprattutto nel mese di maggio. (JM)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2012 CINA - VATICANO
    Sheshan, migliaia di pellegrini per la Giornata di preghiera voluta dal papa
    P. Taddeo Ma Daqin, vicario generale della diocesi di Shanghai, ha presieduto la messa con 40 sacerdoti. Fedeli di altre diocesi ostacolati dalla pesante sorveglianza di poliziotti in borghese. In Hebei arrestati un sacerdote e un seminarista della Chiesa clandestina. È morto mons. Paolo Li Yi, vescovo di Luan (Changzhi, Shanxi).

    25/05/2009 CINA – VATICANO
    Sotto controllo la Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina. La Lettera del papa è oscurata
    A causa di freni e divieti, le diocesi non hanno organizzato pellegrinaggi al santuario di Sheshan. Poca pubblicità anche nella diocesi di Shanghai. Nell’Hebei i cattolici senza messa perché i sacerdoti sono agli arresti. Sul sito vaticano, la Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi (in cinese) è ancora oscurata.

    25/03/2010 VATICANO - CINA
    Santa Sede: Formazione, riconciliazione, unità col Papa, priorità della Chiesa in Cina
    Formazione dei seminaristi, sacerdoti e religiose; maggiore riconciliazione fra i cattolici ufficiali e sotterranei; maggiore unità con il papa per tutti i vescovi, evitando la partecipazione a gesti contro la comunione; preghiera per i vescovi e i sacerdoti privati della libertà. Il testo integrale del comunicato alla fine dei lavori della Commissione vaticana sulla Chiesa cattolica in Cina, diffuso stamane dalla Sala Stampa della Santa Sede.

    28/05/2008 CINA - VATICANO
    La Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina a Sheshan
    Cattolici ufficiali e sotterranei hanno partecipato al pellegrinaggio, pur con le difficoltà imposte dal governo locale. Giornata memorabile. “Abbiamo rinnovato la nostra comunione con la Chiesa universale e con il Santo Padre”. Reportage d'eccezione con tutte le foto del pellegrinaggio.

    24/05/2009 VATICANO
    Papa: Dalla terra di san Benedetto, il mio pensiero al popolo cinese e ai cattolici
    Il ricordo della Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina e della Vergine di Sheshan (Shanghai). San Benedetto, testimone della pace, dono di Dio e impegno di tutti.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®