6 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/05/2012
CINA – VATICANO
A maggio, stretta delle autorità cinesi sul santuario mariano di Donglu
Una fonte cattolica di AsiaNews conferma il rafforzamento delle misure di sicurezza. Guardie controllano 24 ore su 24 gli ingressi al villaggio di uomini e mezzi. Leader laici cattolici sotto sorveglianza. Cartelloni e pannelli governativi invitano a “resistere all’infiltrazione straniera”. Ma i fedeli pregano la Madonna per l’unità della Chiesa.

Donglu (AsiaNews) - Una fonte cattolica di AsiaNews, che ha visitato il villaggio di Donglu a maggio, racconta che dall'inizio del mese il governo ha stanziato funzionari di polizia a guardia delle entrate del paese 24 ore su 24. Ad ogni ingresso, gli agenti hanno montato delle tende, in apparenza come riparo per il giorno e la notte; essi controllano, continua la fonte, tutti i veicoli e ogni pedone che intende entrare nel villaggio. Al contempo, i funzionari hanno attaccato in ogni angolo cartelli di colore rosso (nella foto) con impressi slogan fra cui "Per una Chiesa autonoma e indipendente" e "Resistere all'infiltrazione straniera, combattere il crimine".

La fonte di AsiaNews, anonima per motivi di sicurezza, spiega che "la Chiesa cattolica sotterranea a Donglu celebra con difficoltà riti e funzioni religiose. Le famiglie dei leader laici cattolici della comunità sotterranea sono sorvegliati giorno e notte dall'esterno; [I funzionari] registrano chiunque faccia visita a queste famiglie".

In un punto di incontro del villaggio i poliziotti hanno eretto altre tende, con tutta probabilità per impedire riunioni o attività religiose non autorizzate. Anche in quel punto stazionano guardie 24 ore su 24.

Joseph, un cattolico di Donglu - diocesi di Baoding, provincia dell'Hebei - racconta che i cartelli non sono affatto un'eccezione al villaggio, ma nel mese di maggio il loro numero è aumentato e i reparti preposti alla sicurezza sono molti di più rispetto al solito. Per i cattolici della diocesi di Baoding e in special modo del villaggio di Donglu, aggiunge l'uomo, è triste vedere che il luogo meta del pellegrinaggio mariano è stato distrutto. "Tuttavia, essi pregheranno nei loro cuori la Vergine Maria. I cattolici della zona - conclude - devono riflettere su come questa comunità cattolica un tempo forte, ora sia disunita e smembrata. Solidarietà e unità sono fondamentali fra i membri della Chiesa".

Tra i primi anni '80 e il 1995, il santuario mariano del villaggio di Donglu è stato meta tradizionale di pellegrinaggio fra i fedeli del nord della Cina, in particolare il 23 e il 24 di maggio, festa di Maria Ausiliatrice. Ogni anno il villaggio ha registrato la presenza di decine di migliaia di fedeli da tutto il Paese. Il 23 maggio 1995 si sono contati almeno 50mila pellegrini al santuario di Donglu. Tuttavia, a partire dal 1996 con la stretta sulle comunità religiose sotterranee, il governo ha stanziato ingenti risorse e mezzi per impedire alle persone di compiere il pellegrinaggio a Donglu, soprattutto nel mese di maggio. (JM)

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/05/2012 CINA - VATICANO
Sheshan, migliaia di pellegrini per la Giornata di preghiera voluta dal papa
di Jian Mei
25/05/2009 CINA – VATICANO
Sotto controllo la Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina. La Lettera del papa è oscurata
25/03/2010 VATICANO - CINA
Santa Sede: Formazione, riconciliazione, unità col Papa, priorità della Chiesa in Cina
28/05/2008 CINA - VATICANO
La Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina a Sheshan
di Zhang Yiming
24/05/2009 VATICANO
Papa: Dalla terra di san Benedetto, il mio pensiero al popolo cinese e ai cattolici

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate