22 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/09/2017, 12.13

    TAIWAN-CINA

    A processo Lee Ming-cheh, l’attivista taiwanese arrestato in Cina



    Lee condivideva le “esperienze democratiche” di Taiwan con gruppi della società civile in Cina. È rimasto per 170 giorni in isolamento nelle mani della polizia. La moglie ha lanciato una campagna internazionale per il suo rilascio.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Lee Ming-cheh, attivista taiwanese per i diritti umani, arrestato in Cina, subirà presto un processo. Lo ha detto ai media la moglie Lee Ching-yu, spiegando di aver ricevuto una telefonata da un uomo che si è auto-definito “l’avvocato di Lee”, con cui confermava che il processo era “imminente”.

    Lee Ming-cheh, 42 anni, è membro di una ong che lavora per la democrazia. Lo scorso 19 marzo è scomparso mentre entrava da Macao in Cina, attraverso Zhuhai. Per oltre 170 giorni la Cina non ha mai voluto dire dove egli si trovasse e per lungo tempo anche sua moglie pensava fosse disperso.

    Lo scorso aprile Lee Ching-yu ha cercato di entrare in Cina per recuperare suo marito, ma le autorità cinesi le hanno revocato il permesso di entrata nel Paese.

    La signora Lee ha lanciato una campagna internazionale per la liberazione di suo marito. Lo scorso maggio ella ha testimoniato al Congresso Usa sulla detenzione di attivisti in Cina e questo mese è pronta per andare a Ginevra alla Commissione Onu per i diritti umani.

    Con ogni probabilità il marito sarà imprigionato per un certo tempo, oppure sarà rilasciato dopo “aver confessato” i suoi “crimini”.

    Lee Ming-cheh è stato spesso in contatto con gruppi della società civile in Cina e via online ha condiviso con loro le “esperienze democratiche” a Taiwan, spedendo ad essi diversi libri.

    Molti cinesi della Repubblica popolare considerano la democrazia a Taiwan la vera erede dei movimenti rivoluzionari dell’inizio del ‘900, che domandavano “scienza e democrazia”, traditi poi dal Partito comunista cinese e da Mao Zedong.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/09/2017 08:44:00 CINA-TAIWAN
    L’attivista taiwanese Lee Ming-cheh ‘colpevole’ di sovversione

    Il processo tenuto stamane a Yueyang (Hunan). Enormi misure di sicurezza. Lee teneva contatti con gruppi della società civile in Cina, condividendo con loro le “esperienze democratiche” di Taiwan. La moglie presente al processo.



    01/04/2017 10:13:00 TAIWAN - CINA
    Lee Ching-yu: Da Taiwan a Pechino per salvare mio marito, attivista per i diritti umani

    Lee Ming-che, il marito di Lee Ching-yu, è scomparso nelle mani della polizia il 19 marzo scorso. È sospettato di “danneggiare la sicurezza nazionale” ed è sotto inchiesta in Cina. Lee è un attivista per i diritti umani e doveva incontrare uno scrittore cinese. La moglie chiede rispetto per lui a Pechino: "Ogni attivista è innocente".



    29/03/2017 10:32:00 CINA - TAIWAN
    Pechino ammette la detenzione di un attivista taiwanese per i diritti

    Lee Ming-che è voce per i diritti umani nella Cina continentale era stato dato per disperso dalla famiglia. La moglie ha chiesto aiuto a organizzazioni internazionali e ora sa che è in prigione.



    05/02/2008 HONG KONG - CINA
    Liberato Ching Cheong, giornalista condannato senza prove
    Il cronista, che lavorava per lo Straits Times, era stato condannato a 5 anni di galera per “spionaggio a favore di Taiwan”. Questa mattina, dopo aver scontato metà della pena, è stato rilasciato su cauzione.

    24/11/2006 CINA – HONG KONG
    L'Alta Corte di Pechino rigetta l'appello Cheong: confermati 5 anni di carcere

    Familiari e colleghi del giornalista - condannato senza prove per spionaggio a favore di Taiwan - accusano l'ingiusto sistema legale cinese, che non ha neppure preso in considerazione l'appello.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®