18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/06/2017, 09.53

    EMIRATI ARABI UNITI

    Abu Dhabi, moschea dedicata a “Maria, madre di Gesù”. Mons. Hinder: Segno di tolleranza



    Per il vicario apostolico la decisione dei vertici degli Emirati è un passo di “avvicinamento positivo”. Essa mostra “apertura e interesse al dialogo” islamo-cristiano. La moschea sorge a pochi passi dalla cattedrale di san Giuseppe; un luogo di culto cristiano e uno musulmano ricreano in via ideale “la Sacra Famiglia”. Gli Emirati esempio di tolleranza in una regione caratterizzata da conflitti.

     

    Abu Dhabi (AsiaNews) - Un gesto importante di “tolleranza” e un passo di “avvicinamento positivo” della leadership musulmana verso i cristiani, che mostra “apertura e interesse al dialogo”. È quanto sottolinea ad AsiaNews mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale (Emirati Arabi Uniti, Oman e Yemen), commentando la decisione dei vertici degli Emirati di rinominare una moschea di Abu Dhabi, dedicandola alla Madonna. La moschea, aggiunge il prelato, “sorge nei pressi della cattedrale di san Giuseppe” e questo gesto indica, almeno idealmente, la volontà di riunire “la sacra famiglia” coinvolgendo entrambe le religioni.

    Il 14 giugno scorso Sheikh Mohammad Bin Zayed Al Nahyan, principe ereditario e ministro della Difesa di Abu Dhabi, oltre che vice-comandante supremo delle Forze armate degli Emirati Arabi Uniti (Eau), ha deciso di rinominare una moschea del distretto di Al Mushrif. Dedicata in origine a Sheikh Mohammad Bin Zayed, oggi la moschea si chiama “Mariam, Umm Eisa”, il nome arabo di “Maria, madre di Gesù”.

    Dietro la scelta, la volontà della leadership degli Emirati di “consolidare i legami di umanità” fra “fedeli di religione diversa” in un periodo di tensioni e violenze, anche a sfondo confessionale, che hanno ormai superato i confini della regione mediorientale. Per Sheikha Lubna Al Qasimi, ministro di Stato per la tolleranza (un dicastero introdotto da poco per favorire il dialogo interreligioso), ha ringraziato il principe ereditario per la scelta. Essa funge “da esempio”, spiega il ministro, e una “bellissima immagine di tolleranza e coesistenza” da parte degli Emirati, nazione che ospita immigrati e lavoratori provenienti da oltre 200 Paesi al mondo.

    La moschea sorge a poca distanza dalla cattedrale cattolica di san Giuseppe e dalla parrocchia anglicana di Sant’Andrea. Il gesto della leadership musulmana ha incontrato il plauso dei rappresentanti dell’intera comunità cristiana, cattolica e protestante, a conferma dell’esempio di apertura e tolleranza mostrato dagli Eau in un contesto regionale di caos e violenze confessionali. Una apertura corrisposta dai cristiani, come testimoniato dalla decisione presa nei giorni scorsi da una parrocchia di Al Ain, che ha aperto le proprie porte per la preghiera di ṣalāt al-maghrib, la quarta della giornata che si recita subito dopo il tramonto. Il luogo di culto cristiano ha ospitato fino a 200 musulmani, in maggioranza lavoratori immigrati.

    In una nota diffusa in queste ore il Vicariato apostolico dell’Arabia meridionale ha ricordato che l’ufficio di mons. Hinder sorge “a pochi metri di distanza” dalla ex moschea di Sheikh Mohammad Bin Zayed, oggi dedicata alla Madonna. Il vicariato ricorda la devozione comune che cristiani e musulmani hanno per Maria, la madre di Gesù, che rappresenta “una figura di primo piano” sia nella Bibbia che nel Corano e costituisce un “legame importante” fra le due fedi. Questo gesto, conclude la nota, “contribuirà alla pace e alla comprensione reciproca non solo negli Emirati, ma in tutta la regione”.(DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/11/2017 09:57:00 EMIRATI ARABI UNITI - OMAN
    Fede, dialogo e solidarietà: i giovani d’Arabia si preparano al Sinodo

    Agli incontri promossi in Oman e negli Emirati hanno partecipato centinaia di ragazzi e ragazze. Provengono da famiglie di lavoratori migranti, in maggioranza indiani e filippini. Molte le domande poste in forma anonima al vicario apostolico. Mons. Hinder: Grande desiderio di “interagire” fra loro e con i vescovo. Il ruolo dei social e dei nuovi media come “strumento per l’evangelizzazione”. 

     



    22/07/2015 EMIRATI ARABI UNITI
    Negli Emirati una legge contro le discriminazioni anche religiose
    Un decreto del presidente definisce criminale ogni atto che suscita l'odio religioso e vieta la discriminazione “sulla base di religione, casta, credo, dottrina, razza, colore o origine etnica”. Punibile anche il sostegno finanziario a tali attività.

    11/02/2010 EMIRATI ARABI UNITI
    Il governo degli Emirati pubblica un opuscolo sui diritti dei lavoratori
    Il volume è intitolato “Il lavoratore: diritti e doveri” ed è disponibile in sei lingue. È il primo esempio di testo scritto e riconosce tutela legale ai lavoratori, purché abbiano la residenza nel Paese.

    14/12/2015 EMIRATI ARABI UNITI
    Vicario apostolico d’Arabia: Ogni parrocchia avrà una Porta Santa, segno di riconciliazione
    L’8 dicembre migliaia di fedeli hanno partecipato all’apertura della porta della cattedrale di san Giuseppe. La riconciliazione “con noi stessi e con gli altri” vissuta all’interno delle famiglie lontane o divise. Fra le iniziative concrete la visita a quanti si trovano in carcere o nei campi di lavoro. Movimento giovanile lancia la lettura della Bibbia in 12 lingue per il primo gennaio.

    24/02/2016 12:24:00 LIBANO-ARABIA SAUDITA
    Lettera aperta al re saudita Salman sul destino del Libano

    Il ritiro della donazione di 4 miliardi di dollari all’esercito libanese; la messa in guardia dei viaggiatori sauditi, del Bahrein e degli Emirati a non recarsi in Libano; la probabile espulsione di circa 400mila libanesi dai Paesi del Golfo sono alcune delle “vendette” del re Salman che non si sente appoggiato nella sua guerra contro l’Iran. In realtà, il Libano è un luogo di riconciliazione dell’islam diviso fra sunniti e sciiti ed è il luogo dove si educa a una modernità senza ateismo. L’analisi e l’appello di Fady Noun, vice-direttore dell’Orient-Le Jour e nostro collaboratore.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®