22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/06/2012, 00.00

    CINA - VATICANO

    Ancora rimandata l'ordinazione episcopale illecita ad Harbin: vincono "le preghiere e i digiuni dei fedeli"

    Bernardo Cervellera

    L'ordinazione doveva avvenire domani, festa di san Pietro e Paolo, come uno "schiaffo al Santo Padre". Da tempo i fedeli delle comunità sotterranee e ufficiali pregavano uniti perché non avvenisse. Alcune voci affermano che l'ordinazione è solo "rimandata al mese prossimo". Il Fronte unito, che controlla le associazioni patriottiche, perde un fautore del controllo stalinista sulle religioni, Zhu Weiqun.

    Roma (AsiaNews) - I fedeli di Harbin (Heilongjiang) che da mesi pregano e digiunano perché non avvenga l'ordinazione episcopale senza mandato del papa, possono essere timidamente soddisfatti: l'ordinazione, programmata per domani, non avverrà.

    Fonti locali di AsiaNews hanno detto che "domani non vi sarà nessuna ordinazione".

    Da tempo nella città del Nord si rincorrevano voci che dicevano imminente - per il 29 giugno - l'ordinazione di p. Giuseppe Yue Fusheng, 48 anni, candidato dell'Associazione patriottica (Ap). I sacerdoti erano stati contattati dall'Ufficio affari religiosi perché non si intromettessero e la cattedrale di Harbin era stata sottoposta a restauro per l'occasione. P. Yue cerca di essere ordinato da anni. Nel dicembre 2010 (v. : 09/12/2010 L'Assemblea patriottica cinese vota la sua leadership. Un grave danno per la Chiesa) egli è stato scelto come uno dei tre vicepresidenti dell'Ap nazionale, insieme a Paolo Lei Shiyin (diocesi di Leshan) e Giuseppe Huang Bingzhang (di Shantou), entrambi divenuti vescovi senza l'approvazione papale (v. : 29/06/2011 Leshan, sette vescovi legittimi all'ordinazione episcopale senza mandato del papa ; 14/07/2011 Otto vescovi in comunione col papa costretti all'ordinazione illecita di Shantou).

    I fedeli delle comunità sotterranee e ufficiali hanno messo in atto momenti di preghiera e digiuni perché un simile "schiaffo al Santo Padre" non avvenisse. Anche i sacerdoti della diocesi hanno espresso tutta la loro contrarietà all'ordinazione.

    Mons. Savio Hon Taifai, segretario vaticano di Propaganda Fide, in un'intervista ad AsiaNews aveva messo in guardia lo stesso p. Yue di non compiere gesti contrari alla comunione con il pontefice (15/06/2012 Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito).

    Un sacerdote locale confida ad AsiaNews che in ogni caso "i nostri fedeli continuano a pregare e digiunare perché sia cancellata in modo definitivo la possibilità dell'ordinazione". Secondo alcune voci, infatti, l'ordinazione è stata solo "rimandata al mese prossimo".

    Il sacerdote sottolinea che questo rimando è comunque il frutto dell'unità della Chiesa di Harbin.

    Nell'intervista citata, mons. Hon, ha affermato che le ordinazioni illecite, a fronte di tanti proclami liberali della leadership, sono segno della lotta che sta avvenendo nel Partito fra liberali e stalinisti, cioè i "principini", i figli dei grandi del Partito, che non vogliono perdere il loro potere. Proprio negli ultimi giorni, è emersa la notizia che uno di questi stalinisti, Zhu Weiqun, è stato costretto a dare le dimissioni dall'incarico di vice-direttore del Fronte unito per limiti di età e sostituito da  Zhang Yijiong. Il Fronte unito controlla le associazioni patriottiche delle diverse religioni.

    Mesi fa, Zhu Weiqun aveva difeso a spada tratta la necessità di rafforzare il controllo del Partito sulle religioni (v.: 20/12/2011 "Vade retro satana": Nessuna religione per i membri del Partito cinese).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/06/2012 VATICANO - CINA
    Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito
    Il segretario vaticano di Propaganda Fide prega perché non avvenga una nuova ordinazione episcopale illecita a Harbin. Questo gesto "ferisce il papa", ma anche i cattolici cinesi, soprattutto i neo-battezzati. "Incoerenza" fra il liberalismo predicato dal governo e le azioni dell'Associazione patriottica, che vogliono creare "una nuova chiesa protestante", indipendente dal papa. Il Vangelo in Cina è "molto attuale" per superare il materialismo e il pragmatismo del potere e dei soldi.

    12/12/2012 VATICANO - CINA
    Mons. Savio Hon: Un sopruso la destituzione del vescovo di Shanghai. Tutte le Chiese del mondo preghino per lui
    Il segretario della Congregazione vaticana per l'evangelizzazione dei popoli commenta ad AsiaNews la notizia "triste" dell'accanimento del Consiglio episcopale cinese contro mons. Taddeo Ma Daqin, esautorato per aver obbedito al papa. L'invito a tutte le Chiese a pregare per la Chiesa perseguitata in Cina, da mons. Ma ai vescovi e sacerdoti in prigione. Una preghiera anche per la nuova leadership cinese, dopo il Congresso del partito comunista, perché non usino più "i metodi del passato".

    11/07/2012 CINA – VATICANO
    La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
    Il sito ufficiale del Consiglio ha pubblicato oggi una nota, controfirmata dall’Associazione patriottica, accusando il vescovo di aver violato "in modo grave" il regolamento sulle ordinazioni episcopali. Ad Harbin, fonti di AsiaNews denunciano “difficoltà” per due sacerdoti della Chiesa ufficiale che si erano opposti all’ordinazione del 6 luglio scorso.

    11/07/2012 CINA - VATICANO
    Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"
    Il comunicato è stato firmato da AP e Consiglio dei vescovi cinesi. In esso non si menziona mai la parola "scomunica" nei confronti di p. Fusheng nominato vescovo di Harbin senza il benestare del Papa. Per l'AP il documento vaticano non favorisce l'unità, la comunione e il sano sviluppo della Chiesa in Cina. Fonti locali denunciano l'utilizzo di toni pretestuosi e fuorvianti per ingannare i cattolici della Chiesa ufficiale.

    10/07/2012 VATICANO - CINA
    Un calcio all'Associazione patriottica: il vescovo di Shanghai profeta ed eroe
    Mons. Ma Daqin, che ha rifiutato l'imposizione delle mani da un vescovo scomunicato e si è dimesso dall'Associazione patriottica rivendica la libertà religiosa che la costituzione cinese garantisce, ma i regolamenti sulle religioni la tradiscono. Il rifiuto dell'Associazione patriottica ha motivi teologici (l'Ap è "incompatibile con la dottrina cattolica"), ma anche pastorali e sociali. Per mesi i pastori sono tenuti lontano dalle loro diocesi, portati a banchettare a spese del governo, mentre i loro fedeli devono combattere con la povertà. I vescovi "opportunisti" come sale scipito. Il valore dei fedeli laici per la riconciliazione con il papa.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®