Skin ADV
07 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/06/2012, 00.00

    GRAN BRETAGNA – MYANMAR

    Aung San Suu Kyi a Westminster Hall: “aiuto concreto” per le riforme in Myanmar



    Storico intervento della leader dell’opposizione birmana davanti al Parlamento britannico. La Nobel per la pace auspica investimenti “democracy-friendly” e la collaborazione internazionale per lo sviluppo democratico. Un pensiero agli sfollati nel nord, ovest ed est del Paese. E una nota sul viaggio in Europa: non un “tuffo nel passato”, ma “l’esplorazione di nuove opportunità”. Il video del discorso.

    Londra (AsiaNews) - Un "aiuto concreto" a sostegno delle riforme in Myanmar e "investimenti democracy-friendly" per garantire un futuro migliore a tutta la popolazione civile. Sono questi i due passaggi più significativi dello storico discorso della leader dell'opposizione Aung San Suu Kyi al Parlamento britannico, riunito ieri pomeriggio in seduta congiunta nella Westminster Hall. Alla 67enne "Signora" birmana, Londra ha voluto riservare il massimo degli onori: un intervento davanti ai rappresentanti della Camera dei lord e della Camera dei comuni, nella celebre sala dell'11mo secolo dove sinora avevano parlato solo un numero ristretto di capi di Stato e personalità religiose, fra cui papa Benedetto XVI, Nelson Mandela e Barack Obama. Nell'introdurre l'intervento della leader della Lega nazionale per la democrazia (Nld), il presidente della Camera dei comuni John Bercow  l'ha descritta come "la coscienza di una nazione e un'eroina per l'umanità".

    Prima donna dopo la regina Elisabetta II e prima personalità asiatica a parlare alla Westminster Hall, per tutto l'intervento Aung San Suu Kyi si è riferita al proprio Paese con l'antico nome coloniale britannico: Birmania. Fra i punti oggetto del suo intervento vi sono: riforme costituzionali, miglioramento del livello di istruzione del popolo, rispetto della legalità e del principio di supremazia della legge, fine dei conflitti con le minoranze etniche "a nord, ovest e anche est" del Paese e l'importanza del voto, quale migliore espressione della libertà di scelta. Un diritto, ha ricordato la "Signora", che ha potuto esercitare lo scorso anno per la prima volta in decenni.

    Alternando momenti scherzosi e battute ironiche - come in occasione del parallelo fra riti e "formalità" del Parlamento birmano e la "relativa informalità e vivacità" del corrispettivo britannico - a passaggi da vera statista, Aung San Suu Kyi ha sottolineato che alla base del suo viaggio (in Inghilterra ed Europa) vi è la "richiesta di aiuto concreto, un aiuto da amico e da pari, a sostegno di riforme che possano garantire una vita migliore e maggiori opportunità al popolo birmano". Il Myanmar si trova "all'inizio di un viaggio", ha aggiunto, diretto "spero, verso un futuro migliore" anche se restano ancora molte "cime da scalare".

    Sottolineando che vi è ancora molto da fare per una vera democrazia nel Paese, la leader della Nld ha voluto invitare "i nostri amici, qui in Gran Bretagna e altrove" a sostenere il processo di riforme per la costruzione di una "società giusta". Al riguardo, la "Signora" saluta con favore l'invito rivolto dal governo britannico al presidente birmano Thein Sein - ricordato da Aung San Suu Kyi nel suo intervento - che nei prossimi mesi dovrebbe recarsi in visita ufficiale a Londra. La donna ha inoltre incoraggiato "investimenti democracy-friendly" in una nazione ricca di gas e materie prime, potenzialmente in grado di diventare la nuova "tigre asiatica" ma che registra un tasso di povertà e sottosviluppo ancora diffuso.

    La Nobel per la pace non ha dimenticato i conflitti e le situazioni di tensione che ancora oggi colpiscono la Birmania nel nord, a est e nell'ovest e chiede un "sostegno concreto" nel processo di "riconciliazione nazionale". In particolare, Suu Kyi ricorda il valore supremo del "dialogo" che prevale sullo "sviluppo economico nel breve periodo" per la costruzione di una nazione prospera e rivolta al futuro. Per far questo è necessario inoltre aiutare in modo concreto le decine di migliaia di sfollati, in particolare i bambini, che hanno dovuto abbandonare le loro case perché situate in zone di tensione interconfessionale o aree teatro di una guerra civile.

    Aung San Suu Kyi ha infine precisato la natura del suo viaggio in Europa, che dopo aver toccato la Svizzera, la Norvegia, l'Irlanda e il Regno Unito si concluderà a Parigi, in Francia: "Questo viaggio al di fuori della Birmania - ha affermato - non è un pellegrinaggio sentimentale nel passato, ma l'esplorazione di nuove opportunità a portata di mano del popolo birmano". Al termine del discorso, durato circa 30 minuti, alla leader della Nld è stata riservata una vera e propria standing ovation, cui è seguito il cerimoniale dei saluti ai parlamentari britannici e a personalità religiose, fra cui l'arcivescovo di Canterbury Rowan Williams, capo della Chiesa anglicana.

    (Clicca qui per vedere il discorso di Aung San Suu Kyi al Parlamento britannico, trasmesso in diretta dalla Bbc)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/06/2012 GRAN BRETAGNA – MYANMAR
    Storico discorso di Aung San Suu Kyi al Parlamento britannico
    L’incontro nel pomeriggio alla Westminster Hall; un onore riservato, in passato, a pochi capi di Stato e a Benedetto XVI. A seguire il colloquio con il premier Cameron. Ieri ha ricevuto il dottorato a Oxford, l’università dove ha studiato durante il periodo londinese. Per il 67esimo compleanno faccia a faccia con il Dalai Lama.

    19/06/2015 MYANMAR - GRAN BRETAGNA
    Attivista cattolico: Stato federale e libertà religiosa per lo sviluppo democratico del Myanmar
    Benedict Rogers, team leader Asia di Csw, ha da poco compiuto una missione nel Paese. Dalle responsabilità del governo birmano nella crisi Rohingya, alle violenze estremiste di parte del buddismo, restano ancora problemi irrisolti. Con il viaggio in Cina Aung San Suu Kyi segna il passaggio da icona dei diritti a leader politico. Chiesa birmana fonte di pace e riconciliazione.

    16/05/2013 MYANMAR – GRAN BRETAGNA
    Conflitti religiosi e dramma Rohingya "destabilizzano le riforme in Myanmar"
    AsiaNews ha raccolto la testimonianza di Benedict Rogers, team leader per l’East Asia di Christian Solidarity Worldwide. La situazione della minoranza musulmana è “tragica e potenzialmente devastante”. Alcuni elementi interni manovrano per ostacolare la democratizzazione. La Chiesa cattolica ha un “ruolo chiave” come “elemento di pace”.

    09/10/2009 MYANMAR
    Yangon, "vertice" fra Aung San Suu Kyi e diplomatici occidentali sulle sanzioni
    La leader dell’opposizione birmana ha incontrato gli ambasciatori di Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia. Al centro dei colloqui le sanzioni imposte dalla comunità internazionale al regime militare. Il colloquio autorizzato dalla giunta militare, che sembra accettare la proposta di collaborazione della “Signora”.

    13/09/2005 GRAN BRETAGNA – CINA
    Quotidiano inglese denuncia: "Pelle dei condannati a morte nei cosmetici cinesi"

    Secondo un'inchiesta effettuata da giornalisti del Guardian sotto copertura, una compagnia cinese di cosmetici usa pelle di condannati a morte per sviluppare il collagene. Ricerche anche sui tessuti di feti abortiti.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®