09/07/2018, 10.31
IRAN
Invia ad un amico

Ballare non è un crimine: proteste contro l’arresto di una giovane iraniana

Maedeh Hojabri, fermata per “condotta vergognosa per alcuni video pubblicati su Instagram in cui balla in casa, senza velo. è stata costretta a confessare in televisione: “Non volevo attirare l’attenzione”. Altre persone sono state arrestate con la stessa accusa. La polizia cibernetica annuncia che agirà contro i profili più popolari. Nel 2014, sei giovani sono stati arrestati e condannati per un video in cui ballavano tra i tetti di Teheran.

Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Ballare non è un crimine: è la campagna di protesta lanciata sui social da donne e uomini in iraniani, in solidarietà con Maedeh Hojabri (in foto), adolescente arrestata per alcuni video pubblicati su Instagram in cui balla in casa, senza velo.

Prima di essere sospeso, il profilo di Maedeh aveva raggiungo i 600mila follower. La giovane non è la sola fermata dalle autorità iraniane per “condotta vergognosa”: il 6 luglio, Maedeh è apparsa in televisione insieme ad altri detenuti, la cui identità non è confermata. Durante il programma, la ragazza ha rilasciato una confessione pubblica – secondo gli attivisti, sotto costrizione. Nella registrazione, Maedeh appare con il viso sfocato, tremante e in lacrime. “Non volevo attirare l’attenzione – afferma – Avevo alcuni followers e quei video era per loro. Non avevo alcuna intenzione di incoraggiare altri a fare lo stesso… Non lavoro con un gruppo, non sono stata addestrata. Faccio solo ginnastica”.

In molti credono che il governo bloccherà Instagram, una delle poche applicazioni occidentali accessibili. In Iran, Facebook e Twitter sono filtrati e vigono severe leggi sull’abbigliamento femminile e la danza in pubblico: ballare con persone dell’altro sesso con cui non si hanno legami familiari è vietato. Touraj Kazemi, capo della polizia cibernetica di Teheran, annuncia che la sua unità indentificherà e agirà contro profili più seguiti del popolare social network.

Il giro di vite non è nuovo nella repubblica islamica. Nel 2014, un gruppo di sei fan di Pharrel Williams sono stati arrestati per un video in cui ballavano sulle note di “Happy” sopra i tetti di Teheran. I giovani hanno ricevuto condanne sospese fino a un anno di carcere e 91 frustate.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Teheran: la sfida delle guidatrici iraniane al velo obbligatorio
11/07/2017 14:05
Donne iraniane, 29 arresti contro il velo obbligatorio
02/02/2018 08:37
Il Regno saudita apre alla ginnastica per le bambine nelle scuole pubbliche
12/07/2017 13:14
Misa Matsushima, la prima ‘top gun’ giapponese
24/08/2018 08:49
Riyadh, l’arresto degli attivisti per le libertà femminili infrange il sogno di una società nuova
22/05/2018 13:24