24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/12/2015, 00.00

    SIRIA

    Bambini soldato dello Stato islamico giustiziano alcuni prigionieri dell’esercito siriano



    I jihadisti hanno diffuso un nuovo video che mostra alcuni bambini, di circa 10 anni, usati per uccidere sei fra soldati e miliziani filo-governativi. Cinque di loro uccisi a colpi di pistola, l’ultimo decapitato. Un “messaggio” diretto a quanti “si oppongono” allo SI. Attivisti ed esperti sottolineano come l’Isis non nasconda, ma voglia “ostentare” la pratica dei bambini soldato.

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Le milizie dello Stato islamico (SI) hanno diffuso nel pomeriggio di ieri un nuovo, raccapricciante video, in cui si vedono sei bambini soldato arruolati dai jihadisti giustiziare (nella foto un’immagine del video) membri delle forze di sicurezza siriane. Gli ostaggi sono soldati dell’esercito del presidente Bashar al Assad, da tempo nelle mani dei miliziani. I primi cinque soldati sono uccisi a colpi di pistola, mentre l’ultimo viene decapitato secondo un rituale più volte visto in passato. 

    Intitolato “Per i figli degli Ebrei”, il video realizzato dallo SI è assai curato nei dettagli, con una sceneggiatura e vari riferimenti che richiamano i più popolari videogiochi di azione e di guerra; esso mostra in un primo momento decine di bambini, dell’età di circa 10 anni, intenti a studiare il Corano e apprendere l’arte della guerra e della lotta corpo a corpo. 

    In un secondo momento, sei di questi ragazzini sono scelti dal loro istruttore per “mandare un messaggio” a quanti si oppongono allo Stato islamico, giustiziando secondo una sceneggiatura preparata con cura alcuni elementi delle forze di sicurezza nelle mani dei miliziani. 

    Le milizie dello Stato islamico non sono certo il primo esercito o gruppo combattente irregolare a usare i bambini soldato per operazioni di guerra; tuttavia, finora essi venivano utilizzati nei posti di blocco o per raccogliere informazioni di intelligence. Con l’arrivo di Daesh (acronimo arabo per lo SI) si è registrato uno scatto ulteriore, con l’uso di giovani e giovanissimi per giustiziare prigionieri. 

    Nel filmato è possibile vedere ciascuno dei sei ragazzi che attraversa una fortezza in rovina, alla ricerca del prigioniero da giustiziare, accompagnato in sottofondo da musiche e rumori di scena; ogni prigioniero aveva in precedenza fornito il nome, l’anno di nascita e descritto il suo ruolo all’interno delle forze di sicurezza o delle milizie filo-governative. 

    Secondo quanto emerge dall’introduzione al video, esso è stato girato nella provincia di Deir Ezzor (Wilayat al-Khayr), nella zona orientale della Siria sotto il controllo dei jihadisti. 

    Stime dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, gruppo con base a Londra e una fitta rete di informatori sul terreno, indicano che lo SI ha reclutato oltre 1.100 bambini soldato dall’inizio del 2015, di cui 50 sono stati uccisi. Attivisti e gruppi pro diritti umani internazionali sottolineano che, a differenza di altri gruppi o eserciti, i jihadisti “non nascondono” la pratica dei bambini soldato, ma tendono “a ostentarla” come segno distintivo. Il loro utilizzo, spiega un esperto, è parte della loro campagna internazionale di “indottrinamento”, per far capire al mondo “come saranno le nuove generazioni” nate e cresciute “sotto il Califfato”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/11/2016 11:19:00 SIRIA
    Idlib, bambini rapiti per traffico di organi. Il nuovo business dei jihadisti

    Dopo i reperti archeologici e il petrolio, la nuova frontiera di arricchimento per i movimenti estremisti in Siria è il traffico di organi. Segnalati diversi casi di sparizioni di minori nei villaggi della provincia. I bambini trafficati oltreconfine in Turchia. Un fenomeno che gli stessi media di Ankara avevano denunciato in passato, prima della censura imposta da Erdogan. 

     



    19/04/2017 11:25:00 SIRIA
    Parroco ad Aleppo: non sono le religioni ad alimentare la guerra, la fede è fonte di pace

    Secondo p. Ibrahim in questa “drammatica guerra” solo i leader religiosi veri “operatori di pace”. Senza l’intervento dei capi cristiani, sunniti e sciiti la stessa Aleppo sarebbe “andata distrutta”. L’incontro col gran muftì fonte di pace e di riconciliazione. L’attentato ai profughi di Rashideen per fomentare le divisioni confessionali. Oltre le distruzioni, la gioia per le celebrazioni della Pasqua.

     



    18/04/2017 15:35:00 SIRIA - ONU
    Onu: l’attacco al convoglio ad Aleppo un crimine. Salgono a 126 le vittime

    Fra i morti vi sono anche 68 bambini. Al momento non si hanno notizie ufficiali sugli autori. Nessun gruppo ha rivendicato la strage. Colpiti civili in fuga da Foah e Kefraya, cittadine da tempo sotto assedio governativo. I media occidentali alludono a un coinvolgimento di Damasco. Ma la mano sembra quella di al Qaeda.

     



    03/03/2017 08:49:00 SIRIA
    A Palmira “pieno controllo” dell’esercito siriano. Ginevra in stallo dopo il "catastrofico" Obama

    Le forze governative, sostenute dai russi, hanno strappato per la seconda volta la storica città allo Stato islamico. A Ginevra la delegazione di Damasco accusa le opposizioni di tenere in “ostaggio” i colloqui di pace. Il fronte anti-Assad guarda a Trump e alla nuova amministrazione Usa dopo le “catastrofiche” politiche di Obama nella regione. 

     



    02/03/2017 08:45:00 SIRIA
    L’esercito siriano strappa una parte di Palmira dalle mani dello Stato islamico

    Le truppe di Damasco, sostenute dai raid russi, hanno ripreso il controllo di un quartiere occidentale della città. Nelle mani dell’esercito anche la principale via di accesso alla città. Tuttora in corso forti scontri e pesanti bombardamenti nell’area. I jihadisti hanno indietreggiato, ma è forte il rischio di attentatori suicida. 

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®