19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/05/2017, 08.35

    MYANMAR

    Bandito il movimento ultranazionalista Ma Ba Tha: diffonde l’odio etnico-religioso



    La decisione è stata presa dal Comitato Sangha Maha Nayaka, autorità buddista del Myanmar. Il movimento obbligato a rimuovere i suoi manifesti e cartelli entro il 15 luglio. A Wirathu, monaco prominente nell'organizzazione, è stato vietato di trasmettere prediche per un anno. L’esercito respinge le accuse di pulizia etniche lanciate dalle Nazioni Unite.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Un organo dal governo birmano che regola il clero buddista del Myanmar ha messo al bando un'organizzazione di monaci ultranazionalisti nota per la sua retorica anti-islamica, ordinando al gruppo di sciogliersi o affrontare le pene stabilite dalla legge buddista e da quella secolare.

    Secondo un documento rinvenuto dai media, il Comitato Sangha Maha Nayaka (Ma Ha Na), un gruppo di monaci di alto rango che funge da autorità buddista del Myanmar, lo scorso 23 maggio ha informato i ministri del governo che aveva ordinato al gruppo estremista Ma Ba Tha di porre fine alle sue attività.

    “Le persone, sia come individui che come gruppo, non possono intraprendere alcuna azione sotto il nome di Ma Ba Tha”, ha dichiarato il Sangha nel suo rapporto. Il movimento Ma Ba Tha è inoltre tenuto a rimuovere i suoi manifesti e cartelli in tutto il Paese entro il 15 luglio.

    Esponenti del gruppo estremista riferiscono che la conferenza del quarto anniversario di Ma Ba Tha, prevista per il 27 e 28 maggio, è stata annullata. Una dichiarazione ufficiale del movimento riferisce che al suo posto avrà luogo una riunione per discutere della decisione del Sangha.

    Negli ultimi anni il Myanmar ha vissuto frequenti ondate di violenza religiosa in seguito alle tensioni scatenate da gruppi estremisti come Ma Ba Tha. Uno degli ultimi incidenti è avvenuto il 9 maggio scorso in un quartiere di Yangon, dove i monaci di Ma Ba Tha sostenevano si nascondessero in maniera illegale alcuni musulmani Rohingya. In seguito ad un violento confronto tra buddisti e musulmani, due persone sono rimaste ferite e la polizia ha sparato colpi di avvertimento per disperdere la folla.

    La decisione del Sangha di mettere al bando il Ma Ba Tha è arrivata diverse settimane dopo che ha impedito a Wirathu, un monaco prominente nell'organizzazione ultranazionalista, di trasmettere prediche per un anno. I suoi discorsi di incitamento all’odio contro le religioni diverse dal buddismo sono visti come causa di conflitto etnico e ostacolo agli sforzi comuni per mantenere lo Stato di diritto. Da allora il monaco ha fatto diverse apparizioni davanti alle folle con la bocca imbavagliata, in segno di protesta contro il silenzio imposto dalle autorità e di recente ha disposto una controversa visita nello Stato di Rakhine, nel Myanmar occidentale, che ospita la minoranza musulmana Rohingya.

    La maggioranza buddista del Myanmar considera i Rohingya, un gruppo etnico apolide di 1,1 milioni persone, immigrati clandestini del confinante Bangladesh e da decenni le politiche del governo hanno negato loro cittadinanza e altri diritti fondamentali.

    Le notizie del divieto imposto dal Sangha sono giunte mentre l'esercito del Myanmar respingeva ieri le accuse, lanciate da un rapporto delle Nazioni Unite di febbraio, di aver condotto una pulizia etnica sui Rohingya nello Stato di Rakhine. Anche il governo civile del Myanmar, guidato dal premio Nobel Aung San Suu Kyi, ha negato le accuse di violazioni dei diritti contro i Rohingya e si è rifiutato di autorizzare una commissione d’indagine dell'Onu nello Stato di Rakhine.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/12/2017 11:46:00 MYANMAR
    Naypyitaw, no alla fondazione del partito ultranazionalista buddista

    La richiesta presentata dall’ “Associazione per la protezione della razza e della religione”, nota come Ma Ba Tha. Il movimento, già messo al bando, accusa il governo civile di non proteggere il buddismo e sostiene i militari. Nelle roccaforti del gruppo si verificano i più gravi episodi di intolleranza religiosa. Ma Ba Tha dichiara 10 milioni di membri in quasi 300 comuni del Myanmar.



    07/09/2012 MYANMAR
    Gambira contro monaci ed esercito che sfruttano il dramma dei Rohingya
    Il leader della Rivoluzione zafferano del 2007 contro i militari, che soffiano sul fuoco del nazionalismo e della religione per mantenere il potere. Critiche ai monaci che scendono in piazza per la cacciata della minoranza musulmana. E accusa: in Myanmar “non è cambiato nulla”, è sempre un regime sotto mentite spoglie.

    11/02/2012 MYANMAR
    Di nuovo libero il monaco Gambira, leader della Rivoluzione zafferano
    Le autorità l’avevano prelevato ieri “per accertamenti”. Uscito di prigione da un mese, Gambira ha passato gli ultimi tre anni in carcere per aver guidato le proteste dei monaci birmani contro il governo.

    10/02/2012 MYANMAR
    Yangon, fermato il leader della Rivoluzione zafferano, era libero da un mese
    Nelle carceri birmane Ashin Gambira scontava una condanna a 68 anni di galera. Dal rilascio, egli avrebbe violato i termini di libertà condizionata, rompendo i sigilli di tre monasteri chiusi dalle autorità.

    04/12/2007 MYANMAR
    Anche a Mandalay la giunta impone la chiusura dei monasteri
    Secondo fonti di AsiaNews l'iniziativa mira ad isolare le comunità che si sono schierate a favore delle proteste di settembre. Intanto dalla giunta militare solo segnali di chiusura: al processo per la stesura della nuova Costituzione non saranno ammesse “figure dell’opposizione”. Campagna mediatica contro il partito della Suu Kyi, che “voleva gettare il Paese nel caos”.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®