29 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/02/2017, 10.56

    LIBANO - SIRIA -VATICANO

    Chiesa greco-melchita: pace fatta fra il patriarca Gregorio III e i vescovi “ribelli”

    Fady Noun

    Conclusione positiva al Sinodo tenuto nei giorni scorsi a Raboué, in Libano. Rientrate le divisioni fra il patriarca e un gruppo di prelati dissidenti sulla gestione del patrimonio. Comunione e carità fraterna hanno prevalso all’interno della comunità. Nell’ottica della riconciliazione, fondamentale la presenza del nunzio apostolico in Siria card. Zenari e del nunzio in Libano, mons. Caccia.

    Beirut (AsiaNews) - La comunione ecclesiale e la carità fraterna alla fine hanno trionfato. È un comunicato, non senza sorpresa, assai franco nei toni quello che il Sinodo della Chiesa greco-melchita ha pubblicato lo scorso 23 febbraio, a conclusione dell’incontro che si è tenuto dal 21 al 23 del mese presso la sede patriarcale di Raboué, in Libano. Un comunicato nel quale i vescovi “ribelli” e il patriarca Gregorio III Laham hanno riconosciuto i rispettivi torti, e che avevano portato all’annullamento della precedente riunione del Sinodo, che si è tenuta lo scorso anno.

    Una riunione, peraltro, disertata da moLti dei vescovi che formano il Sinodo e che aveva fatto mancare il quorum. I prelati accusavano il patriarca di aver dissipato il patrimonio fondiario della Chiesa: Una frattura che aveva creato enorme scandalo fra i fedeli e che aveva spinto la Congregazione delle Chiese orientali a intervenire, con un pressante appello al dialogo e alla riconciliazione fra le parti. 

    Dunque, a distanza di qualche mese, sembra ormai rientrata in maniera definitiva la grave crisi che aveva colpito la Chiesa [cattolica] greco-melchita. 

    A favorire la pacificazione fra i due fronti ha contribuito anche la presenza eccezionale agli incontri del Sinodo dei due nunzi apostolici di Siria e Libano, il cardinal Mario Zenari e mons. Gabriele Caccia.

    Al termine dei lavori, i partecipanti hanno diffuso una nota di cui riportiamo alcuni passaggi, partendo dal ringraziamento a papa Francesco “per l’attenzione che egli riserva alle questioni interne alla nostra Chiesa melchita”. “Durante i lavori - afferma la nota - i vescovi hanno trovato deplorevoli e inquietanti le difficoltà insormontabili emerse nell’ultimo periodo. Ma il dialogo avviato fra i presenti ha consentito risultati positivi. Alcuni vescovi che non hanno partecipato ai Sinodi precedenti o che avevano diffuso dei comunicati devianti attraverso i media hanno ammesso di essersi comportati in modo sconveniente. Hanno ammesso i loro torti. Dei vescovi hanno notato alcuni errori di gestione, con tutta probabilità involontari, nell’amministrazione della Chiesa greco-cattolica”. 

    “Rendiamo grazie al Salvatore - prosegue il testo - per questo spirito di riconciliazione fraterna e di rinnovato impegno a riprendere il cammino della comunione, il quale ha permesso di ristabilire la pace nella Chiesa e di superare le incomprensioni”. Sottolineando alcune “scelte importanti” per il bene della Chiesa, il Sinodo si è aggiornato al prossimo raduno, in programma dal 19 al 24 giugno 2017, non prima di aver eletto i nuovi membri permanenti, i quali “assisteranno” il patriarca nelle decisioni. 

    Dopo aver lanciato un appello per un “nuovo cammino in comune”, il patriarca e i vescovi invitano i fedeli per il tempo di Quaresima “alla conversione dei cuori” a promuovere “gesti di carità, perché il mondo veda la luce della nostra Chiesa e della gloria di Dio”. Un Padre misericordioso che “ci guida in comunione verso la gioia della Resurrezione”. 

    Il Sinodo si è concluso con una liturgia di riconciliazione alla quale erano invitati i superiori e le superiore generali degli ordini religiosi della Chiesa melchita. Un riassunto del comunicato finale del Sinodo verrà letto domani in tutte le parrocchie greco-cattoliche degli arcivescovadi di Beirut e Jbeil, in occasione delle funzioni religiose della domenica. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/06/2016 08:43:00 LIBANO-SIRIA
    Gregorio III ai vescovi melkiti “ribelli”: Non do le dimissioni sotto pressioni illegali e ingannevoli

    Al sinodo greco-cattolico che doveva tenersi due giorni fa è mancato il quorum, con l’assenza di 10 vescovi. Essi accusano il patriarca di aver dissipato il patrimonio fondiario della Chiesa. Lo scandalo dei fedeli. La Congregazione delle Chiese orientali spinge al dialogo.



    22/06/2005 LIBANO
    Gregorio III Laham: "Riconciliare la Chiesa e difendere la vocazione cristiana"


    18/03/2015 SIRIA - LIBANO
    Gregorio III Laham: Il Libano chiude le frontiere e cresce il dramma dei cristiani siriani
    Il patriarca melchita racconta ad AsiaNews di “moltissimi” sfollati interni in Siria, un problema “ancor più grande” dei rifugiati oltreconfine. Oggi i varchi restano aperti per i cristiani di Hassakeh, vittime dell’offensiva dello Stato islamico. La guerra "origine di tutti i mali". In Quaresima chiese di Damasco gremite di fedeli che pregano per la pace.

    23/08/2005 Libano
    Patriarca greco-cattolico per il ritorno degli sfollati sul Monte Libano


    27/06/2005 LIBANO
    Rafforzare la presenza dei cristiani d'Oriente, primo impegno dei melkiti cattolici

    Le conclusioni dell'annuale sinodo invitano i fedeli alla testimonianza personale, ma anche alla partecipazione alla vita pubblica. Il ricordo dell'insegnamento di Giovanni Paolo II nelle parole del patriarca Gregorio III Laham





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®