24 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/07/2012
LAOS
Clinton in Laos, è il primo segretario di Stato Usa in 57 anni
Diga sul Mekong, guerra del Vietnam e futuri accordi economici nell’agenda di Hillary Clinton. Dopo il Laos, il segretario di Stato americano andrà in Cambogia per partecipare al vertice Asean, in corso in questi giorni.

Vientiane (AsiaNews/Agenzie) - È giunta oggi in Laos Hillary Clinton, diventando così il primo segretario di Stato degli Stati Uniti a visitare il Paese in 57 anni. Un viaggio già definito "storico", in cui si parlerà di guerra del Vietnam e della controversa diga di Xayaburi, mega centrale per la produzione di energia elettrica, al centro delle polemiche per l'impatto ambientale sul Mekong e le popolazioni che vivono lungo il fiume. L'ultima personalità Usa a visitare il Laos era stato John Foster Dulles nel 1955.

Partita dal Vietnam, dopo il Laos la Clinton si recherà in Cambogia, dove in questi giorni è in corso il vertice Asean. "Il mio viaggio - ha spiegato il segretario di Stato Usa - riflette la priorità strategica della politica estera americana. Dopo 10 anni in cui ci siamo focalizzati sui conflitti in Afghanistan  e in Iraq, vogliamo incrementare i nostri investimenti - diplomatici, economici, strategici - in questa parte del mondo".

Costato 3,8 miliardi di dollari, il progetto della diga Xayaburi ha causato forti tensioni tra Laos, Vietnam, Cambogia e Thailandia, i Paesi intorno al Mekong.

Per quanto riguarda la guerra del Vietnam, nel corso della visita si parlerà degli effetti dell'uso dell'agente arancio, un potente erbicida usato dagli Stati Uniti tra il 1961 e il 1979, ritenuto responsabile di malattie, difetti alla nascita e tumori tra la popolazione coinvolte nel conflitto vietnamita e i veterani.

In Cambogia, dove arriverà alla fine di questa settimana, la Clinton incontrerà i rappresentanti delle 10 nazioni Asean (Paesi del sudest asiatico). L'obiettivo è quello di stabilire un Codice di condotta per il Mar Cinese meridionale, al fine di risolvere le dispute sui confini territoriali che vedono opposte Filippine, Cina e Vietnam. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/10/2010 LAOS - VIETNAM - CINA
Moratoria per le dighe sul Mekong: distruggono ambiente e popolazione
29/07/2010 ASIA SUD-EST
Rischia l'estinzione il gigantesco pesce gatto del Mekong
16/09/2011 CAMBOGIA – LAOS – VIETNAM
Esperti vietnamiti: la diga di Xayaburi potrebbe causare terremoti
10/12/2010 LAOS
Inaugurata la nuova diga sul fiume Nam Theun, protestano gli ambientalisti
25/03/2011 VIETNAM
Le dighe sul Mekong: a rischio fonti d’acqua e di cibo per milioni di persone
di Thanh Thuy

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate