10 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/09/2004, 00.00

    CINA - VATICANO

    Di che è morto mons. Gao Kexian

    Bernardo Cervellera

    La Cina che ospiterà le Olimpiadi nel 2008 ha ancora persone che muoiono in prigione a causa della fede. Sabato scorso la Sala stampa vaticana ha diffuso la notizia della morte di mons. Giovanni Gao Kexian, vescovo clandestino di Yantai, criticando la "grave violazione" della libertà religiosa. Mons. Gao, 76 anni, era stato sequestrato dalla polizia nell'ottobre '99. Da allora aveva vissuto in una prigione sconosciuta del nord della Cina. I suoi familiari si sono visti riconsegnare il cadavere alla fine di agosto, senza alcuna spiegazione. Di lui non circola neppure una foto.

    AsiaNews pone una domanda: di cosa è morto mons. Gao? È morto di malattie? È morto di stenti, vista la sua vita passata in povertà e raminga come vescovo clandestino? È morto per gli estenuanti interrogatori a cui sono sottoposti i cattolici per spingerli a entrare nell'Associazione patriottica?

    Oppure è morto di torture?

    Violenze fatali sui corpi di personalità religiose detenute in Cina sono all'ordine del giorno da almeno 50 anni. L'ultimo vescovo cattolico morto in prigione nel '92, mons. Giuseppe Fan Xueyan di Baoding, lasciato cadavere sulla soglia di casa sua, avvolto in un sacco di plastica, presentava segni di tortura al collo (forse un filo di ferro che lo strozzava) e aveva diversi larghi ematomi al petto e sulla fronte. Nel giugno scorso AsiaNews ha riportato che Jiang Zongxiu, una donna di 34 anni, è morta in prigione per le bastonate ricevute il giorno del suo arresto. La donna era stata imprigionata perché faceva circolare Bibbie nella provincia di Guizhou. La polizia ha informato la famiglia di Jiang, affermando che la detenuta era morta di improvvisa malattia e ha loro consegnato il corpo. I parenti hanno notato che sul cadavere erano presenti ferite e macchie di sangue.

    Il 6 febbraio scorso Chen Jingmao, leader della "Chiesa della Cina del Sud" bandita dal governo cinese, è stato picchiato dalle guardie per punizione. Secondo fonti definite "attendibili" durante il brutale assalto le guardie dicevano: "il suo atto - portare altri al cristianesimo - è causa di vergogna per il Partito Comunista". Il leader protestante di 72 anni è stato picchiato dalle guardie carcerarie, che gli hanno fratturato entrambe le gambe, per aver convertito 50 detenuti.

    Torture e violenze  sono registrate anche per i monaci e le monache tibetani. La setta Falun Gong afferma che dal '99 ad oggi almeno 884 membri del loro gruppo sono morti in prigione per tortura, avvelenamento, battiture con manganelli elettrici, "cadute" da piani alti degli edifici di polizia.

    Dati questi precedenti, molti cristiani in Cina e in tutto il mondo, temono per la sorte dei due vescovi di Baoding (Hebei), mons. Giacomo Su Zhimin, l'ordinario, e mons. Francesco An Shuxin, l'ausiliare, scomparsi nelle mani della polizia nel '97 e nel '96 rispettivamente. Da allora nessuno ha potuto contattarli.  Lo scorso novembre mons. Su è stato visto all'ospedale di Baoding, ma è poi scomparso di nuovo.

    In questi ultimi mesi sono stati arrestati altri vescovi cattolici. Essi non hanno subito violenze o torture fisiche, ma sono stati sottoposti a lunghe ore di interrogatori e di tentativi di lavaggio del cervello. Secondo fonti cristiane in Cina, il fatto che siano stati liberati e non abbiano subito violenze fatali è dovuto alla loro fama all'estero e all'appello fatto dal Vaticano. Mons. Wei Jingyi, vescovo di Qiqihar e mons. Jia Zhiguo, vescovo di Zhengding, arrestati in marzo e in aprile e rilasciati dopo alcune settimane, sono noti all'opinione pubblica internazionale che per loro ha lanciato diverse campagne per chiedere la loro liberazione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/01/2005 CINA - VATICANO
    Confermata la morte di mons. Gao, vescovo sotterraneo di Yantai
    Era prigioniero da oltre 5 anni. Gli sono stati negati i conforti religiosi. È stato seppellito in solitudine, senza la presenza di fedeli e familiari.

    12/09/2004 vaticano - cina
    Mons. Gao Kexian, vescovo martire, ucciso da 5 anni di prigionia

    Ieri la Sala Stampa vaticana ha  annunciato la morte di mons. Gao Kexian, vescovo di Yantai, avvenuta alla fine di agosto. Mons. Gao era in prigione dall'ottobre '99.



    05/03/2005 cina - vaticano
    Statistiche della Chiesa cattolica in Cina (2004-stime)*


    05/03/2005 cina - vaticano
    La lista dei vescovi e sacerdoti in prigione, in isolamento, condannati al lager


    05/03/2005 cina - vaticano
    Petizione al Parlamento cinese: liberate vescovi e sacerdoti
    Campagna per chiedere la liberazione di 19 vescovi e 18 sacerdoti arrestati o impediti a svolgere il loro ministero. Inviamo messaggi all'Assemblea nazionale del popolo e al Comitato Olimpico.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®